Moxie Marlinspike si dimette dalla carica di CEO di Signal

Il fondatore di Signal, Moxie Marlinspike, si dimetterà dalla carica di CEO dell’azienda, ha annunciato in un post sul blog lunedì. Il presidente esecutivo Brian Acton fungerà da CEO ad interim fino a quando non verrà trovato un sostituto.

“Ogni giorno, sono colpito dall’aspetto sconfinato del potenziale di Signal e voglio coinvolgere qualcuno con nuova energia e impegno per trarne il massimo”, ha scritto Marlinspike. “Ora mi sento molto a mio agio nel sostituire me stesso come CEO in base al team che abbiamo”.

Marlinspike non ha fornito informazioni sui suoi piani personali dopo aver lasciato l’azienda. Secondo il post, ha intervistato diversi candidati CEO “negli ultimi mesi”, ma la ricerca rimane in corso.

Fondata nel 2014, Signal è diventata una delle app più affidabili e robuste per la messaggistica crittografata. Il servizio conta oltre 40 milioni di utenti mensili ed è regolarmente raccomandato nelle guide alla sicurezza. Nata come organizzazione no profit, l’azienda non è supportata dalla pubblicità o dalla vendita di app, ma fa affidamento su donazioni e un programma di sostegno lanciato di recente.

L’app ha visto un afflusso di nuovi utenti all’inizio del 2021 in risposta a una nuova politica sulla privacy del suo concorrente WhatsApp, ma il successo non è stato senza polemiche. I lavoratori all’interno di Signal hanno sollevato preoccupazioni a Il confine che il rifiuto dell’azienda di mantenere le politiche sui contenuti potrebbe portare a un potenziale uso improprio del servizio. I recenti sforzi di Signal per incorporare i pagamenti in criptovaluta tramite MobileCoin non hanno fatto che aumentare queste preoccupazioni.

Sviluppando…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.