Fanpage: il sito italiano passato dal gossip allo scoop pluripremiato | Italia


ioErano le 7:55 di un giorno di febbraio del 2018 quando membri di una squadra di polizia italiana d’élite hanno fatto irruzione nell’ufficio di Napoli del piccolo sito web di notizie. Il giorno prima aveva rivelato legami tra politici eletti e gruppi organizzati in un racket di discariche illegali, e il suo staff già alle loro scrivanie osservava incredulo mentre gli agenti frugavano tra i loro fascicoli.

La storia ha suscitato shock nell’establishment politico e ha contribuito a realizzarla fanpage.it quello che è oggi: uno dei siti di notizie di maggior successo in Italia.

«Quel giorno è stata una svolta», ha detto Sacha Biazzo, la giornalista dietro l’inchiesta, che, con una telecamera nascosta e l’appoggio di un ex mafioso, ha filmato gli incontri tra mafiosi napoletani e politici.

“Da allora, le persone si sono rese conto che non eravamo solo una piccola fonte di notizie e gossip online. Hanno cominciato a vederci come un sito investigativo che poteva colpire il cuore del potere politico. I lettori hanno iniziato a consegnare le pizze al nostro ufficio come gesto di gratitudine per quello che avevamo fatto”.

Sacha Biazzo, giornalista investigativa di Fanpage.
Sacha Biazzo, giornalista investigativa di Fanpage. Fotografia: Fanpage.it

Quasi quattro anni dopo, e ora con 67 giornalisti ed editori, Fanpage è diventata una spina nel fianco di politici, mafiosi e criminali comuni e riceve 3 milioni di visitatori unici al giorno.

Quando è stata fondata nei primi anni 2000, la prospettiva era completamente diversa. “All’inizio, Fanpage era solo una pagina Facebook contenente notizie generali e video su una vasta gamma di argomenti”, ha affermato Francesco Cancellato, il suo caporedattore.

“Col tempo, l’editore ha capito che potevamo aspirare a fare qualcosa di diverso, così ha iniziato ad assumere giornalisti per scrivere i primi articoli. Da pagina Facebook, Fanpage è diventata una testata giornalistica con poche opinioni e molte notizie che andavano dal gossip al crimine. Poi abbiamo aperto una squadra investigativa […] il nostro obiettivo era portare nuovi indizi all’attenzione delle autorità che indagano su corruzione e criminalità”.

Soprannominato Al piano di sotto, la squadra investigativa di Fanpage è composta da giornalisti sotto copertura con telecamere nascoste i cui incarichi possono durare fino a due anni. Il suo obiettivo dichiarato è quello di “raggiungere i più alti livelli di potere senza soccombere alle vertigini” e “sfondare le profondità degli angoli più bui della società… filmando tutto, verificandolo tutto e pubblicizzando la verità”.

In un’era digitale che ha presentato sfide ad alcuni modelli tradizionali di giornalismo, Fanpage sta rompendo alcuni dei più grandi scandali che coinvolgono la chiesa, i politici, gli uomini d’affari e i criminali.

La squadra investigativa di Fanpage.it Backstair
La squadra investigativa di Fanpage.it Backstair Fotografia: Fanpage

Nel 2017 un giornalista di Fanpage fingendosi seminarista ha registrato un resoconto di un anziano sacerdote sugli abusi sessuali di decine di non udenti in un istituto di Verona.

Lo scorso ottobre una serie di videoinchieste sul rapporto tra partiti politici di destra e movimenti neofascisti, compresi presunti contributi finanziari, è stata premiata con il Premio Europeo per il Giornalismo Investigativo e Giudiziario, e ha portato a un eurodeputato del partito di estrema destra Brothers of Italy posto sotto inchiesta dalla Procura di Milano. L’eurodeputato ha affermato in una dichiarazione che si autosospende dal partito di non aver mai ricevuto finanziamenti illegali e di non avere opinioni razziste, antisemite o estremiste.

Corrado Formigli, conduttore televisivo che ha ritrasmesso l’inchiesta sul suo PiazzaPulita talkshow sul canale televisivo La7, ha affermato che la forza di Fanpage era il suo impegno a lungo termine per le storie. “Ha creato una squadra investigativa in grado di lavorare a un progetto per mesi, se non anni, cosa che oggi è molto difficile dato che giornali e televisione sono spesso costretti a occuparsi di attualità”, ha detto. “Dietro l’uso di telecamere nascoste da parte di Fanpage c’è un lavoro profondo e approfondito che implica la creazione di una falsa identità per il giornalista sotto copertura e un approccio paziente alle fonti. Il risultato finale è straordinario e funziona alla grande”.

Negli ultimi quattro anni decine di persone coinvolte in attività illecite sono state arrestate dopo le indagini di Fanpage e numerosi politici si sono dimessi. Il sito continua a produrre profitti e ha aperto redazioni a Roma e Milano.

Ciò che rende Fanpage ancora più notevole sono le sue origini nel sud Italia. È stata fondata a Napoli, la città più grande di una delle regioni più svantaggiate d’Europa, afflitta da un’elevata disoccupazione e da continue sfide sociali ed economiche.

“Da Napoli, Fanpage non ha solo riferito dei problemi del sud, ha anche assunto molti giovani del sud, molti dei quali hanno faticato a trovare un lavoro nel giornalismo italiano mainstream”, ha detto Adriano Biondi, che ha iniziato a Fanpage come stagista ed è ora il suo vicedirettore.

“Il sud, e Napoli in particolare, sono alcune delle aree culturalmente più fertili d’Europa. Esiste un’enorme risorsa non sfruttata in termini di capitale umano, soprattutto tra le donne. Se consideriamo l’istruzione, le donne hanno livelli più alti degli uomini in Italia, eppure le donne italiane hanno alcuni dei tassi di disoccupazione più alti d’Europa».

Personale al lavoro nella sede di Fanpage.it
Personale al lavoro nella sede di Fanpage.it Fotografia: Fanpage

La maggior parte dei giornalisti e dei redattori di Fanpage ha meno di 30 anni. Il più anziano ha 44 anni. La maggior parte dei visitatori unici di Fanpage ha meno di 20 anni. Il successo di Fanpage si basa non solo sull’assunzione di giovani, ma anche sulla sua capacità di parlare con loro.

Fin dall’inizio ha investito molto nel suo profilo sui social media. La sua community di YouTube è uguale a quella di La Repubblica e del Corriere della Sera messi insieme, ed è anche l’unico sito di notizie italiano con più di 500.000 follower su TikTok.

“Il merito di Fanpage è quello di aver raggiunto quella vasta fascia demografica di lettori giovani e disillusi che non seguivano i quotidiani consolidati perché non avevano intenzione di leggere le cronache quotidiane”, ha detto Anna Girardi, 27 anni, vicedirettore politico. “Sapevamo che se volessimo includerli, dovevamo parlare la loro lingua. Coprire questioni politiche o finanziarie significa avere la consapevolezza che ci sono lettori che potrebbero non aver mai sentito parte della terminologia tecnica”.

Cancellato ha dichiarato: “La nostra principale preoccupazione è non invecchiare mai. Non dobbiamo fare l’errore di invecchiare con i nostri lettori. Non abbiamo alcuna intenzione di rilevare La Repubblica o il Corriere. Siamo Fanpage, siamo qualcos’altro, e il nostro desiderio è di cambiare il modo in cui si fa notizia in Italia”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.