Dopotutto, Apple Watch Series 8 potrebbe non avere un sensore di temperatura corporea

Se speravi in ​​aggiornamenti più entusiasmanti con l’Apple Watch Series 8, potresti dover iniziare a mitigare le aspettative. Sebbene inizialmente si pensasse che l’orologio di prossima generazione avrebbe un sensore di temperatura corporea, sembra che dopotutto potrebbe non essere così.

Da tempo si vocifera di un sensore di temperatura corporea per la Serie 8. BloombergMark Gurman – che ha un track record abbastanza buono quando si tratta di voci Apple – ha accennato per la prima volta stava arrivando un sensore di temperatura corporea nel mese di giugno. Che è stato ripreso da Il giornale di Wall Street a settembre per una potenziale caratteristica di fertilità. Notato anche l’analista Apple Ming-Chi Kuo previsto un sensore di temperatura corporea quello stesso mese. Tutto sommato, ci sono state diverse solide ragioni per ritenere che questo fosse in cantiere.

Tuttavia, nel suo ultimo Accensione newsletter, Gurman ha fatto marcia indietro. Parlando del potenziale della Serie 8 per il rilevamento della temperatura corporea, il monitoraggio della glicemia e le capacità della pressione sanguigna, Gurman ha scritto: “Non aspettarti presto nessuno di questi, però. La temperatura corporea era nella tabella di marcia di quest’anno, ma di recente le chiacchiere al riguardo sono diminuite. Mancano almeno due o tre anni alla pressione sanguigna, mentre non sarei sorpreso se il monitoraggio della glicemia non arrivasse fino alla fine della seconda metà del decennio”.

Per la pressione sanguigna e la glicemia, questo ha molto senso. Mentre ci sono stati molti progressi nel monitoraggio della pressione sanguigna non invasivo e senza bracciale nei dispositivi indossabili, la tecnologia semplicemente non è ancora lì. Lo stesso vale per il monitoraggio della glicemia. Sebbene la caratteristica fosse si dice per la serie 7 e nel Galaxy Watch 4 di Samsung, non si è mai materializzato. La tecnologia esiste in una forma nascente: a prototipo della startup giapponese Quantum Operation è stato presentato al CES 2021, ma non è neanche lontanamente pronto per i dispositivi di livello consumer. Tra le caratteristiche dichiarate, i sensori di temperatura corporea sembravano più probabili in quanto sono già disponibili in molti altri dispositivi indossabili di consumo, inclusi quelli di rivali come Fitbit. In effetti, i sensori di temperatura corporea nei dispositivi indossabili hanno attirato molta attenzione nel 2020, quando i ricercatori li hanno utilizzati per cercare di determinare se gli smartwatch potessero rilevare il COVID-19.

Attualmente, tuttavia, i sensori di temperatura corporea vengono utilizzati principalmente per il monitoraggio del sonno e del recupero indossabili per la fertilità come Ava possono anche presentarli. Mentre Apple ha aggiunto il monitoraggio del sonno e del ciclo negli ultimi anni, sono più semplici. L’aggiunta di un sensore di temperatura corporea aiuterebbe potenzialmente a migliorare queste caratteristiche particolari, soprattutto se l’azienda sta pianificando di aggiungere funzionalità relative alla fertilità, come riportato da Il giornale di Wall Street. Tuttavia, Apple è nota per sedersi su funzionalità che altri produttori di dispositivi hanno già implementato fino a quando non sarà soddisfatta della propria versione.

“Il rallentamento delle chiacchiere”, come dice Gurman, non significa che una caratteristica della temperatura corporea sia completamente morta. Tuttavia, solleva un altro punto: forse non è realistico aspettarsi che Apple introduca ogni anno sul suo smartwatch una nuova funzionalità innovativa e leader del settore. È vero che dalla serie 3, Apple ha superato la concorrenza quando si trattava di funzionalità avanzate di smartwatch. La Serie 3 ha introdotto il cellulare, la Serie 4 ha cambiato il design e ha aggiunto EKG approvati dalla FDA, la Serie 5 ha aggiunto un display sempre attivo e la Serie 6 ha aggiunto un sensore SpO2 (ossigeno nel sangue). Tuttavia, le aggiunte sono state meno interessanti a partire dalla Serie 6. Non solo i sensori SpO2 sono presenti sugli smartwatch dal 2017, ma la funzione principale della Serie 7 era anche solo uno schermo più grande.

In questo momento, l’Apple Watch è il smartwatch più popolare sul mercatoe Apple ha un vantaggio di anni sulla concorrenza. Gli orologi Wear OS stanno attraversando una complicata transizione verso una nuova piattaforma unificata con Samsung. Fitbit e Garmin potrebbero avere funzionalità di salute avanzate e una batteria migliore, ma entrambi sono in ritardo rispetto a funzionalità intelligenti come la connettività cellulare. Samsung si avvicina di più, ma molte delle sue funzionalità per la salute e il fitness non sono così raffinate. Tecnicamente parlando, non c’è bisogno per Apple al momento di scuotere drasticamente le cose a breve termine, soprattutto perché sta già investendo risorse in ricerche sanitarie più innovative.

Le funzionalità avanzate per la salute, in particolare quelle nascenti come la pressione sanguigna non invasiva e la glicemia, impiegheranno del tempo prima che siano pronte per l’uso da parte dei consumatori. E anche quando sono “pronti”, probabilmente dovranno passare attraverso il processo di autorizzazione della FDA. Nel frattempo, è più che probabile che i futuri aggiornamenti di Apple Watch si concentreranno maggiormente sul design, sugli aggiornamenti hardware incrementali e sugli aggiornamenti software che utilizzano i sensori esistenti. Caso in questione: Gurman anche previsto la Serie 8 vedrebbe una robusta versione sportiva e un nuovo modello entry-level. Detto questo, forse ci sistemeremmo tutti se Apple riuscisse finalmente a capire come includere la durata della batteria di più giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.