L’Arabia Saudita potrebbe esaurire i missili intercettori in ‘mesi’ | Notizie militari


Con l’escalation degli attacchi dei ribelli Houthi, Riyadh ha “una situazione urgente” poiché sta esaurendo i missili per il suo sistema di difesa aerea, riferisce il quotidiano Financial Times.

L’Arabia Saudita potrebbe esaurire i missili intercettori per il suo sistema di difesa aerea Patriot di fabbricazione statunitense in “mesi”, secondo un alto funzionario statunitense citato dal quotidiano Financial Times (FT), spingendo Riyadh a fare appello agli alleati regionali per chiedere aiuto per ricostituire la scorta.

“È una situazione urgente”, ha detto il funzionario americano, aggiungendo che Washington sostiene le mosse per rifornire di missili dai paesi del Golfo mentre i ribelli Houthi dello Yemen intensificano i loro attacchi transfrontalieri al regno.

“Ci sono altri posti nel Golfo da cui possono ottenerli e stiamo cercando di lavorarci. Potrebbe essere l’alternativa più veloce [to US arms sales],” l’ufficiale è stato citato come dicendo.

Due persone informate sui colloqui tra l’Arabia Saudita ei suoi vicini hanno confermato a FT che Riyadh aveva avanzato tali richieste.

“C’è una carenza di intercettori. L’Arabia Saudita ha chiesto prestiti ai suoi amici, ma non ce ne sono molti da avere”, ha detto una delle persone alla pubblicazione.

Una seconda persona ha detto a FT che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha accennato alla questione durante un vertice del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) a Riyadh a dicembre e che il regno ha successivamente contattato direttamente le nazioni della regione.

Non è chiaro se i vicini dell’Arabia Saudita siano stati ancora in grado di fornirle munizioni, afferma il rapporto.

Un terzo funzionario statunitense ha affermato che i ribelli Houthi, che sono allineati con l’Iran e controllano lo Yemen settentrionale, hanno intensificato i loro assalti al regno lo scorso anno, lanciando 375 attacchi transfrontalieri contro l’Arabia Saudita, molti dei quali mirati a infrastrutture petrolifere, aeroporti e città.

“Rispondere a quegli attacchi usando quel tipo di intercettori significa che avranno una velocità di combustione più veloce di quanto avrebbero potuto prevedere prima”, ha detto il funzionario a FT.

“Questo è qualcosa con cui dobbiamo fare i conti e la risposta non è solo più intercettori, ma la risposta è in definitiva una soluzione diplomatica alla crisi in Yemen”.

Legami USA-Sauditi

La situazione rappresenta l’ultimo test per le relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita, che l’amministrazione del presidente Joe Biden ha cercato di rimodellare alla luce dell’omicidio del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi nell’ottobre 2018 da parte di agenti sauditi a Istanbul.

Nel febbraio dello scorso anno, Biden ha dichiarato che avrebbe posto fine al sostegno degli Stati Uniti alle “operazioni offensive” dell’Arabia Saudita nello Yemen, comprese le “rilevanti vendite di armi”.

Ma diversi mesi dopo, la sua amministrazione ha approvato una vendita di 650 milioni di dollari di missili aria-aria al regno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.