Elon Musk afferma che Tesla sta aumentando il prezzo del suo software di “guida completamente autonoma” a $ 12.000

Il CEO di Tesla Elon Musk afferma che la società sta aumentando il prezzo del suo software di “guida completamente autonoma” (FSD) a $ 12.000. Musk ha twittato venerdì che il nuovo prezzo, che è un aumento di $ 2.000, entrerà in vigore il 17 gennaio per i clienti “solo negli Stati Uniti”. Ha detto che il prezzo di abbonamento mensile di $ 199 per FSD si alzerebbe man mano che il software si avvicinava al rilascio ampio.

Tesla ha iniziato a testare FSD in versione beta nell’ottobre del 2020, quando aveva un prezzo di $ 8.000, con un gruppo selezionato di clienti. Poco dopo, Tesla ha aumentato il prezzo di FSD a $ 10.000. Il software non rende i veicoli Tesla completamente autonomi; ha detto lo stesso Musk durante una chiamata sugli utili 2019 che le Tesla con FSD sono “in grado di guidare da casa al lavoro, molto probabilmente senza interventi. Quindi sarà ancora sorvegliato, ma potrà guidare”.

A settembre, Tesla ha aperto la versione beta di FSD a più conducenti tramite un pulsante “richiesta” sugli schermi del cruscotto dei veicoli, ma per accedere al software, i conducenti devono avere un buon “punteggio di sicurezza”. Tesla determina il punteggio di sicurezza utilizzando cinque criteri che stimano “la probabilità che la tua guida possa provocare una futura collisione”.

Musk ha promesso per diversi anni un rilascio più ampio dell’FSD di Tesla. Egli ha detto nel 2018 che la versione “tanto attesa” di FSD avrebbe iniziato a essere lanciata quell’estate, quindi nel 2019 si prevedeva che “tra un anno” ci sarebbero stati “oltre un milione di auto con guida autonoma completa, software, tutto”. Quelle date andavano e venivano, ma l’FSD di Tesla rimane in versione beta, disponibile solo per i primi utenti che hanno acquistato il pacchetto FSD.

Il software FSD ha anche attirato una discreta quantità di controllo e critiche; ad agosto 2021, Stati Uniti. Il sens. Ed Markey (D-MA) e Richard Blumenthal (D-CT) hanno chiesto alla Federal Trade Commission di indagare su come Tesla stesse commercializzando il suo software di assistenza alla guida, accusando l’azienda di “pratiche ingannevoli e sleali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.