Aumentano i ricoveri per i bambini americani non vaccinati | Notizia


La preoccupante tendenza nei bambini troppo piccoli per essere vaccinati sottolinea la necessità che i bambini più grandi e gli adulti si facciano le vaccinazioni per aiutare a proteggere coloro che li circondano.

I ricoveri di bambini negli Stati Uniti sotto i cinque anni con COVID-19 sono aumentati vertiginosamente nelle ultime settimane al livello più alto dall’inizio della pandemia, secondo i dati del governo sull’unica fascia di età non ancora ammissibile al vaccino.

La preoccupante tendenza nei bambini troppo piccoli per essere vaccinati sottolinea la necessità per i bambini più grandi e gli adulti di farsi vaccinare per aiutare a proteggere coloro che li circondano, ha affermato venerdì la dott.ssa Rochelle Walensky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Da metà dicembre, con la variante altamente contagiosa dell’Omicron che si diffonde furiosamente in tutto il Paese, il tasso di ospedalizzazione di questi bambini più piccoli è salito a oltre quattro su 100.000 bambini, da 2,5 ogni 100.000.

Il tasso tra i bambini dai cinque ai 17 anni è di circa uno ogni 100.000, secondo i dati del CDC, che provengono da oltre 250 ospedali in 14 stati.

Nel complesso, “i ricoveri pediatrici hanno il tasso più alto rispetto a qualsiasi punto precedente della pandemia”, ha affermato Walensky.

Ha notato che circa il 50% dei bambini tra i 12 ei 18 anni e solo il 16% di quelli tra i 5 e gli 11 anni sono completamente vaccinati.

Il tasso complessivo di ospedalizzazione tra bambini e adolescenti è ancora inferiore a quello di qualsiasi altra fascia di età. E rappresentano meno del cinque percento dei nuovi ricoveri ospedalieri giornalieri medi, secondo il CDC.

A partire da martedì, il numero medio di pazienti sotto i 18 anni ricoverati in ospedale al giorno con COVID-19 era 766, il doppio di quello riportato solo due settimane fa.

La tendenza tra i bambini molto piccoli è guidata da alti tassi di ospedalizzazione in cinque stati: Georgia, Connecticut, Tennessee, California e Oregon, con gli aumenti più marcati in Georgia, ha affermato il CDC.

Meno gravi, più casi

In un briefing, Walensky ha affermato che i numeri includono i bambini ricoverati in ospedale a causa del COVID-19 e quelli ricoverati per altri motivi ma risultati infetti.

Il CDC ha anche affermato che l’aumento potrebbe essere parzialmente attribuibile a come vengono definiti i ricoveri COVID-19 in questa fascia di età: un test del virus positivo entro 14 giorni dal ricovero per qualsiasi motivo.

La gravità della malattia tra i bambini durante l’onda Omicron sembra inferiore rispetto alla variante Delta, ha affermato John McGuire, capo del reparto di terapia intensiva del Seattle Children’s Hospital.

“La maggior parte dei bambini COVID + in ospedale in realtà non sono qui per la malattia COVID-19”, ha detto McGuire in una e-mail. “Sono qui per altri problemi, ma sono risultati positivi”.

Il principale esperto di malattie infettive della nazione, il dottor Anthony Fauci, ha affermato all’inizio di questa settimana che Omicron sembra causare malattie meno gravi su tutta la linea, ma il semplice numero di infezioni a causa della sua estrema contagiosità significherà che molti più bambini verranno infettati e un una certa parte di loro finirà in ospedale.

Fauci ha anche affermato che molti bambini ricoverati in ospedale con COVID-19 hanno altre condizioni di salute che li rendono più suscettibili alle complicazioni del virus. Ciò include obesità, diabete e malattie polmonari.

Molti avevano sperato che il nuovo anno potesse portare un vaccino per i bambini piccoli, ma il mese scorso Pfizer ha annunciato che due dosi non offrivano la protezione sperata nei bambini dai due ai quattro anni.

Lo studio di Pfizer è stato aggiornato per dare a tutti sotto i cinque anni una terza dose e i dati sono attesi per l’inizio della primavera.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.