Alysa LiuAly salterà i campionati nazionali dopo il test positivo del coronavirus


NASHVILLE — Alysa Liu, una delle favorite per far parte della squadra olimpica statunitense di pattinaggio artistico per i Giochi invernali di Pechino del prossimo mese, venerdì è risultata positiva al coronavirus e si è ritirata dai campionati nazionali statunitensi.

Liu, 16 anni, è arrivata terza nel programma corto alle nazionali giovedì e sperava che una buona prestazione nel pattino libero di venerdì avrebbe rafforzato le sue possibilità di entrare nella squadra olimpica.

Il suo destino ora è nelle mani dei funzionari statunitensi di pattinaggio di figura, che sabato annunceranno la squadra femminile statunitense diretta a Pechino. Sceglieranno le tre pattinatrici singole in base al loro lavoro svolto nell’ultimo anno, non solo su come finiranno alle nazionali.

Questa è un’ottima notizia per Liu. È una delle donne americane più classificate e si è classificata tra le prime cinque di entrambi i suoi eventi del Grand Prix in questa stagione.

Su Instagram, Liu, la campionessa nazionale senior nel 2019 e nel 2020, ha scritto di essere stata completamente vaccinata, di aver indossato una maschera N95 ed è risultata negativa due volte prima di arrivare alle nazionali.

“Le cose accadono purtroppo, ma è quello che è”, ha scritto del suo test positivo, aggiungendo che si sentiva bene fisicamente e mentalmente. Non ha menzionato se stesse manifestando sintomi del virus.

Liu è il secondo pattinatore americano di alto profilo a risultare positivo alle nazionali. Brandon Frazier, che, con Alexa Knierim, è il campione nazionale in carica delle coppie, mercoledì si è ritirato dalle nazionali dopo essersi svegliato male ed essere risultato positivo.

“Anche se i miei sintomi sono piuttosto brutti, niente fa più schifo del non essere in grado di competere”, ha detto Frazier sui social media.

Knierim ha scritto: “Abbiamo preso tutte le precauzioni necessarie prima di questi campionati, incluso ma non limitato al distanziamento sociale, all’uso delle maschere KN95 e all’annullamento di tutti i raduni festivi e delle lezioni private sulla pista, quindi è stato scioccante e devastante per noi elaborare quello che è successo”.

Il pattinaggio di figura statunitense annuncerà domenica le due squadre olimpiche degli Stati Uniti e Frazier e Knierim hanno dichiarato di aver presentato una petizione per essere selezionati per i Giochi di Pechino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.