Ecco la verità sul cryptominer fornito con Norton Antivirus

Norton sta affrontando critiche per aver incluso un cryptominer insieme al suo software di sicurezza Norton 360. Attivisti come Cory Doctorow hanno affermato che la società “installa subdolamente il software di crittografia sul tuo computer” e sfiora una commissione sui profitti, e punti vendita come PC Mag, Krebs sulla sicurezza, e Tendenze digitali hanno anche scritto di utenti che esprimono frustrazione nel tentativo di disinstallarlo. Anche se c’è più di un granello di verità in queste affermazioni, ci abbiamo scavato noi stessi e abbiamo scoperto che vengono gonfiate a dismisura.

La scorsa estate, Norton ha annunciato pubblicamente che stava aggiungendo un cryptominer alla sua suite di sicurezza Norton 360, proponendolo come un’alternativa più sicura al tentativo di installare programmi di mining complessi e “non controllati” da Internet. Inizialmente era disponibile solo per un numero limitato di utenti, ma ora sembra essere disponibile per chiunque installi il programma, ma nei circa sei mesi successivi all’annuncio non si è discusso molto del software fino a questa settimana.

Ora, è improvvisamente al centro di un contraccolpo, con alcuni utenti di Twitter accusando Norton di installazione di un cryptominer sui computer degli utenti senza alcun preavviso. In un senso molto tecnico, è vero: il mio collega Sean Hollister ha installato una copia di Norton 360 per se stesso e ha effettivamente scoperto che l’app di mining NCrypt.exe era inclusa nella directory del programma.

Tuttavia, ciò non significa che Norton avvierà automaticamente il mining sul tuo computer, come alcuni sembrano credere. Domande frequenti su Norton afferma che non verrà estratto senza autorizzazione e che “oltre ad avere un dispositivo che soddisfa i requisiti di sistema, devi anche attivare Norton Crypto sul tuo dispositivo”. Sean dice che per quanto poteva dire, questo sembrava essere vero; la funzione non si è attivata di nascosto dopo l’installazione di Norton. Non si è aperto finché non glielo ha chiesto.

Il TL;DR è che sì, Norton installa un cryptominer con il suo software, senza chiarirlo nel processo di installazione iniziale. Ma non farà nulla a meno che tu non dia il tuo consenso specifico, quindi non è una situazione in cui installerai la suite di sicurezza e inizierai immediatamente a vedere il tuo computer in ritardo mentre sgretola le criptovalute in background.

Lo ha detto anche un portavoce di NortonLifeLock Il Verge in un’e-mail che puoi rimuovere completamente NCrypt.exe da disattivare temporaneamente la funzione di protezione contro le manomissioni di Norton, quindi eliminare l’eseguibile. Lo abbiamo confermato noi stessi e potrebbe essere una buona notizia per chiunque sia preoccupato per l’attivazione remota della funzione da parte di Norton.

Abbiamo chiesto a Norton se avrebbe promesso che la funzione sarebbe sempre stata attiva e il portavoce Spring Harris ci ha detto che “[the] La funzione richiede un hardware speciale del dispositivo e il consenso dell’utente per funzionare. Siamo trasparenti sulle prestazioni del nostro software sui dispositivi degli utenti e non abbiamo alcuna intenzione di cambiarlo”.

Niente di tutto questo per difendere l’inclusione di Norton di un cryptominer nella sua suite di sicurezza: è semplicemente per spiegare cosa sta succedendo e cosa non sta accadendo.

Come accennato in precedenza, abbiamo installato Norton noi stessi per avere un’esperienza di prima mano con il minatore. Sebbene il servizio possa essere opt-in, Norton non lo rende difficile da trovare: quando Sean ha installato il software, il suo pannello di controllo aveva un grande banner verde in alto con il testo “Trasforma il tempo di inattività del tuo PC in contanti”. Facendo clic sul pulsante “mostrami come” viene mostrata una presentazione sulla funzione, un grande pulsante “Accetta e inizia” e un testo più piccolo che ti informa che la funzione che stai attivando è Norton Crypto.

Norton Crypto non è una funzionalità difficile da trovare.
Schermata: Sean Hollister / The Verge

Norton promette che verrà estratto solo quando non stai usando il tuo computer in altro modo (e puoi metterlo in pausa manualmente se necessario).
Schermata: Sean Hollister / The Verge

Dopo aver attivato Norton Crypto, creerà un portafoglio per te e inizierà immediatamente a utilizzare la GPU del tuo computer per estrarre Ethereum (il suo requisiti di sistema diciamo che hai bisogno di una scheda Nvidia o AMD con almeno 6 GB di memoria). Eventuali guadagni verranno periodicamente depositati nel portafoglio predisposto per te, e una volta raggiunta una soglia minima potrai ritirare i tuoi guadagni su Coinbase.

Norton ha incentivi per convincere le persone a utilizzare la funzione. Come BleepComputer sottolineato quando ha provato il software l’anno scorso, Norton prende un enorme 15% di tutti i guadagni che guadagni dal mining. Senza approfondire come funziona il mining, Norton Crypto’s Termini di servizio (PDF) dicono che gestisce un pool di mining, che combina la potenza di calcolo di tutti per aumentare le possibilità di estrarre un blocco: quando ciò accade, tutti coloro che hanno contribuito con il potere ottengono una parte della ricompensa. È quella ricompensa da cui Norton sta prendendo la sua parte.

Gli operatori di piscine spesso prendono una quota o una commissione per riunire tutti. Tuttavia, le commissioni sono generalmente più vicine all’1 o al 2 percento, che è ovviamente significativamente inferiore. E, naturalmente, c’è l’elefante nella stanza: chiunque utilizzi il software Norton per il mio ha già pagato all’azienda una quota di abbonamento per il suo software di sicurezza (e dopo aver acquistato una copia, abbiamo anche dovuto fornire le nostre informazioni di pagamento in modo che potesse rinnovarsi automaticamente ogni anno).

La ricompensa del mining è abbastanza buona da poter ignorare le commissioni elevate o considerarle un costo conveniente per non dover capire come entrare a far parte di un pool da soli (che di solito è un processo ragionevolmente tecnico)? L’abbiamo provato noi stessi, misurando il consumo di elettricità utilizzando un misuratore di potenza Kill-A-Watt. I risultati? Con l’attuale difficoltà di estrarre un blocco e i prezzi di Ethereum, abbiamo completamente rotto anche per quello che abbiamo guadagnato rispetto a quello che abbiamo pagato per l’energia. In numeri reali, una notte di mining su un RTX 3060 Ti ha fruttato $ 0,66 centesimi di Ethereum e costava $ 0,66 in elettricità non di punta. Norton ha preso tutto il profitto.

Norton ti dice quanto hai guadagnato e ti dà i guadagni previsti.
Schermata: Sean Hollister / The Verge

Dato Il Verge‘s contro la detenzione di criptovaluta, cederemo immediatamente la frazione di ETH che abbiamo guadagnato nel nostro test.

Anche se avessi un hardware minerario più potente e un’elettricità più economica, il modello di Norton potrebbe finire per essere un affare difficile. Deposita la tua parte di Ethereum nel tuo portafoglio Norton Crypto, ma se vuoi usarlo o cambiarlo con valuta fiat dovrai incassarlo – attualmente, l’unica opzione è trasferendolo su un account Coinbase. Tuttavia, ciò comporterà una commissione di transazione (nota anche come commissione del gas) che viene addebitata dalla stessa rete Ethereum. Ciò potrebbe significare che dovresti estrarre molte criptovalute prima che abbia senso dal punto di vista finanziario prelevarle dal tuo portafoglio Norton.

L’accordo sembra molto migliore dalla fine di Norton, tuttavia, come spesso accade con le criptovalute, la scala è la chiave qui. Sebbene l’utilizzo della funzione possa non essere particolarmente redditizio per nessuno, se molte persone la provano, il taglio di Norton potrebbe raggiungere una somma significativa. È difficile dire se sarà sufficiente per compensare il successo delle pubbliche relazioni che l’azienda ha preso da questa funzione, ma anche ignorando Twitter, gli utenti su Il forum Crypto di Norton non mi sembra particolarmente soddisfatto di come sta andando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.