Fossil promette che Alexa arriverà “presto” sui suoi smartwatch

Sebbene Fossil abbia lanciato oggi due nuovi smartwatch al CES, c’è un grande elefante nella stanza: l’aggiornamento a Wear OS 3 non arriverà prima di diversi mesi. Per alleviare l’attesa, Fossil si è intrufolata in un’altra nuova funzionalità per i suoi smartwatch Gen 6: Amazon Alexa. Per quanto riguarda l’arrivo di Alexa, dovrai accontentarti di “arrivare presto”. Si spera prima di Wear OS 3.

In una dichiarazione a 9to5Google, Fossil afferma che l’aggiornamento arriverà nella prima metà del 2022. Questo segue ciò che ha detto Fossil Il Verge in un briefing del CES, in cui il portavoce Robyn Sills ha affermato che Alexa sarebbe arrivata sui dispositivi Gen 6 “all’inizio di quest’anno”. Fossil mi ha inviato sia lo smartwatch Skagen Falster 6 che lo smartwatch Razer x Fossil Gen 6 e, sì, c’è un widget solo per Alexa. Se lo tocchi, tuttavia, non visualizzerai l’assistente vocale. Vedrai solo un messaggio “prossimamente”.

Quindi, tra “prossimamente”, “all’inizio di quest’anno” e “prima metà di quest’anno”, nessuno può indovinare. Con funzionalità come questa, non è raro vedere le aziende proteggersi dalle tempistiche, per timore che fai come Douglas Adams e guarda le scadenze prefissate che sfrecciano. Tuttavia, se tutto va bene, sembra probabile che la compatibilità con Alexa arriverà prima di Wear OS 3. Per quanto riguarda quando arriveranno gli aggiornamenti di Wear OS 3, dipende da Google. Per ora, sia Google che Fossil non si sono mossi dall’altrettanto vaga timeline tra la metà e la fine del 2022.

Potrebbe sembrare curioso il motivo per cui Fossil potrebbe persino stuzzicare Alexa se non è ancora pronto. Il motivo più probabile è quello di dare a tutti qualcosa da aspettarsi in attesa di Wear OS 3, che potrebbe arrivare tra qualche mese o un anno intero da oggi. In un briefing, Fossil ha detto Il Verge che questo imbarazzante tempismo ha avuto un impatto sulle vendite iniziali di Gen 6, anche se sorprendentemente, le vendite di Gen 5E sembrano andare forte. Data tutta l’incertezza, ha senso che Fossil voglia evidenziare la compatibilità con Alexa.

Per quel che vale, è (o sarà) una vittoria per Fossil. Gli assistenti vocali sono sempre più comuni sugli smartwatch, ma i clienti non hanno davvero voce in capitolo su quale assistente venga fornito con il loro indossabile. Gli orologi Wear OS sono attualmente collegati a Google Assistant e gli Apple Watch sono solo Siri. Samsung ha inflitto Bixby ai possessori di Galaxy Watch per anni e, sebbene Samsung abbia affermato che avresti potuto optare per Google Assistant sul nuovo Galaxy Watch 4, deve ancora arrivare ufficialmente. Alcuni orologi, come il nuovo Venu 2 Plus di Garmin, ti connettono semplicemente all’assistente del tuo telefono. Altri ti collegano con un assistente proprietario, e raramente è un buon momento.

In questo momento, Fitbit è l’unico che offre effettivamente qualsiasi tipo di scelta. A partire da Fitbit Sense e Versa 3, avevi la possibilità di scegliere tra Alexa o Google Assistant. Tuttavia, potresti fare solo l’uno o l’altro. Per quanto posso vedere sulle mie unità di prova, sebbene sia presente un widget Alexa, ciò non ti impedisce anche di utilizzare Google Assistant. Certo, ci sono pochi dettagli ufficiali e Alexa al polso non è il massimo. Tuttavia, Fossil offre una scelta di assistenti – o anche l’opzione per utilizzarne potenzialmente più di uno – è una mossa intelligente. Sarebbe solo più intelligente se fosse già qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.