Christine Grant ha lottato per l’equità per le atlete


All’età di 11 anni, Grant iniziò a giocare a netball, un equivalente approssimativo del basket senza tabellone, in Scozia. Successivamente, ha contribuito a formare un organo di governo nazionale per le giocatrici di hockey su prato in Canada. Nel 1968 arrivò in Iowa, dove conseguì un dottorato di ricerca. nell’amministrazione sportiva. Ha anche scoperto inaspettatamente e con delusione che le opportunità atletiche per le atlete negli Stati Uniti erano claustrofobiche come il rifugio sotterraneo in cui aveva sopportato la seconda guerra mondiale.

Nel 1969, in una storia che Grant ricordava spesso, una casa sul campo nel campus dell’Iowa doveva essere costruita con le tasse pagate da studenti e studentesse. Ma i piani architettonici escludevano spogliatoi e bagni per le donne, che non dovevano essere ammesse all’interno dell’edificio. Ha detto che le era stato detto che le donne non avevano interesse per lo sport.

“E sono sicuro che questo è stato l’innesco che mi ha reso una femminista”, ha detto Grant a Ellyn Bartges nel 2009 in un’intervista per l’Oral History Project presso la Biblioteca presidenziale di Abraham Lincoln. “Voglio dire, ho solo… questo mi ha lasciato senza fiato.”

Grant rise e continuò: “Sto pensando: ‘La più grande democrazia del mondo, è ciò che gli Stati Uniti affermano sempre di essere. Ebbene, è solo per una minoranza della popolazione, perché qui le donne sono la maggioranza». Quindi quello è stato l’inizio di una vera comprensione di come funziona questo mondo”.

Aveva intenzione di tornare in Canada ma, invece, è rimasta in Iowa e ha deciso di cambiare queste disparità per più di tre decenni come amministratore e professore. Nel 1973, un lungimirante presidente universitario maschio, Willard L. Boyd, noto come Sandy, nominò Grant direttore sportivo degli sport femminili in Iowa con uno stipendio di $ 14.000, rendendola una delle prime donne del paese a ricoprire il ruolo di titolo.

Ha tenuto il lavoro fino al 2000, dirigendo una dozzina di sport che hanno vinto 27 campionati della Big Ten Conference, quindi ha tenuto corsi fino al 2006. Secondo L’Atletico, Grant ha aumentato il budget sportivo femminile da $ 3.000 a quasi $ 7 milioni. E nella sua instancabile ricerca dell’uguaglianza per le donne, non era allergica allo spettacolo e alla malizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.