Decine di migranti cercano rifugio sulla piattaforma petrolifera del Mediterraneo | Notizie sulla migrazione


I soccorritori affermano che 65-70 persone erano su una piattaforma petrolifera Shell dove avevano “resistito tutta la notte”.

Fino a 70 migranti che cercano di attraversare il Mediterraneo si sono rifugiati su una piattaforma petrolifera prima di essere consegnati alle autorità tunisine, hanno detto il gigante energetico Shell e un ente di beneficenza.

La nave di soccorso Louise Michel ha annunciato martedì in una dichiarazione di aver salvato 31 persone da una barca di legno alla deriva in caso di maltempo mentre “altre 65-70 persone hanno resistito tutta la notte sulla piattaforma petrolifera Shell” su cui erano salite.

La Shell in Tunisia ha confermato che un numero imprecisato di migranti ha raggiunto la sua piattaforma Miskar, situata a circa 120 km (75 miglia) al largo della costa tunisina, alle 20:00 ora di Tunisi (19:00 GMT) di lunedì.

“I migranti sono stati assistiti e forniti di acqua, cibo e indumenti asciutti”, ha detto la compagnia, aggiungendo di aver informato le autorità tunisine.

Ha aggiunto: “Da allora i migranti sono stati trasferiti in sicurezza sulla nave della Marina tunisina il 4 gennaio 2022 intorno alle 14:00 ora di Tunisi”.

La Louise Michel è un’ex nave della marina francese di 30 metri (98 piedi) decorata dall’elusivo artista britannico Banksy, uno dei suoi sponsor.

È una delle tante navi di soccorso che operano nel Mediterraneo, poiché decine di migliaia di migranti cercano di raggiungere l’Europa ogni anno, spesso su barche che perdono e sovraffollate.

Non è insolito per alcuni di quelli bloccati cercare rifugio su piattaforme petrolifere offshore, anche se gli operatori avvertono che può essere pericoloso.

Più di 115.000 persone sono arrivate via mare in Italia, Grecia, Spagna, Cipro e Malta lo scorso anno, mentre circa 1.800 sono morte o scomparse, secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.