Iniziano i funerali per l’icona anti-apartheid del Sud Africa Tutu | Desmond Tutu Notizie


La morte di Tutu ha scatenato il dolore tra i sudafricani, leader mondiali, per una vita spesa a combattere le ingiustizie.

Il Sudafrica ha iniziato a dire addio all’arcivescovo Desmond Tutu, l’ultimo grande eroe della lotta contro l’apartheid, in un funerale spogliato di sfarzo ma carico di lacrime e inzuppato di pioggia.

Il funerale è iniziato con un inno e una processione di chierici lungo la navata che bruciavano incenso e portavano candele nella chiesa dove sabato sarà sepolto anche Tutu.

Tutu è morto domenica scorsa all’età di 90 anni, scatenando il dolore tra i sudafricani e il tributo dei leader mondiali per una vita trascorsa a combattere l’ingiustizia.

Famoso per la sua modestia, Tutu ha dato istruzioni per una cerimonia semplice e senza fronzoli, con una bara economica, donazioni per beneficenza invece di omaggi floreali e una cremazione ecologica.

La messa da requiem è iniziata alle 10 del mattino (08:00 GMT) nella cattedrale di San Giorgio a Città del Capo, dove, per anni, Tutu ha usato il pulpito per inveire contro un brutale regime di minoranza bianca.

È lì che sarà sepolto.

Tutu è morto domenica scorsa all’età di 90 anni, scatenando il dolore tra i sudafricani e i tributi dei leader mondiali per una vita trascorsa a combattere l’ingiustizia [Jaco Marais/Pool via Reuters]

Il presidente Cyril Ramaphosa, che pronuncerà l’elogio funebre, ha concesso a Tutu un funerale di categoria speciale, solitamente designato per presidenti e persone molto importanti.

Consegnerà anche la bandiera multicolore del Sudafrica alla vedova di Tutu, Leah, in ricordo della descrizione del marito del paese post-apartheid come la “nazione arcobaleno”.

“Quando eravamo al buio, ha portato la luce”, ha detto l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby, capo della Chiesa anglicana mondiale, in un videomessaggio mostrato durante una messa da requiem celebrata sabato in onore di Tutu nella cattedrale di San Giorgio.

“Per me lodarlo è come un topo che rende omaggio a un elefante”, ha detto Welby. “Il Sudafrica ci ha fornito esempi straordinari di leader imponenti della nazione arcobaleno con il presidente Nelson Mandela e l’arcivescovo Tutu… le luci di molti premi Nobel si sono affievolite nel tempo, ma quella dell’arcivescovo Tutu è diventata più luminosa”.

“L’anima è benvenuta”

Il Sudafrica ha celebrato una settimana di lutto, culminata con due giorni di mentire nello stato.

Diverse migliaia di persone, alcune delle quali avevano viaggiato in tutto il paese, sfilarono davanti a una minuscola bara di pino con il manico di corda, adornata semplicemente da un mazzo di garofani.

Sotto un cielo grigio e pioviggine, le persone in lutto sono state introdotte nella cattedrale. Le piogge, secondo lo storico Khaya Ndwandwe “sono una benedizione” e mostrano che “l’anima di Tutu è benvenuta” in paradiso.

Le persone in lutto includevano amici intimi e familiari, clero e ospiti, tra cui l’ex presidente irlandese Mary Robinson, che deve leggere una preghiera.

Altre persone in lutto erano Elita, la vedova dell’ultimo leader dell’apartheid FW de Klerk, morta a novembre.

Vistosamente assente dal funerale è uno dei migliori amici di Tutu, il Dalai Lama. Non è riuscito a viaggiare a causa dell’età avanzata e delle restrizioni COVID, ha detto il suo rappresentante Ngodup Dorjee all’agenzia di stampa AFP fuori dalla chiesa.

L’amico di lunga data di Tutu, il vescovo in pensione Michael Nuttall, che era decano della Chiesa anglicana quando Tutu era arcivescovo di Cape Town, terrà il sermone.

I due hanno stretto una forte relazione, illustrando per molti come un leader bianco potrebbe lavorare per un leader nero. Nuttall ha continuato a scrivere un libro di memorie intitolato Tutu’s Number Two sulla loro amicizia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.