Il Covid diventerà endemico. Il mondo deve decidere cosa significa

Un mese fa, sembrava che potessimo vedere il futuro. I booster stavano uscendo. I bambini in età scolare stavano facendo il loro secondo scatto in tempo per vedere i nonni durante le vacanze invernali. La vita negli Stati Uniti stava scivolando verso qualcosa che sembrava potesse essere normale, non normale pre-pandemia, ovviamente, ma forse uno sguardo post-pandemia.

E poi è arrivata la variante Omicron, che ha schiacciato completamente le speranze per le vacanze come l’estate calda dei vax del Delta a luglio. Settimane dopo, non siamo ancora sicuri di cosa si preannuncia esattamente. è enormemente più trasmissibile. può o potrebbe non essere essere più virulento. è lacrimazione attraverso paesi e diffondendosi gruppi di amici e l’invio di università indietro in linea per il semestre primaverile.

Questa non è la fine dell’anno che volevamo, ma è la fine dell’anno che abbiamo. Al suo interno, come un cesto regalo lasciato accidentalmente sotto l’albero troppo a lungo, si annida una verità rancida: i vaccini, che sembravano la salvezza del 2021, hanno funzionato ma non sono bastati a salvarci. Se vogliamo salvare il 2022, dovremo anche abbracciare il mascheramento, i test e forse restare a casa a volte, quelli che gli epidemiologi chiamano in generale interventi non farmaceutici o NPI.

Riconoscere questa complessità ci consentirà di esercitarci per il giorno in cui il Covid si assesterà in un virus circolante ed endemico. Quel giorno non è ancora arrivato; abbastanza persone rimangono vulnerabili che dobbiamo prepararci per varianti e picchi. Ma a un certo punto raggiungeremo un equilibrio che rappresenta quanto lavoro siamo disposti a fare per controllare il Covid e quanta malattia e morte tollereremo per rimanere lì.

“La domanda chiave – che il mondo non ha dovuto affrontare su questa scala a memoria d’uomo – è come possiamo passare, razionalmente ed emotivamente, da uno stato di acuto [emergency] a uno stato di transizione verso l’endemia?” afferma Jeremy Farrar, un medico delle malattie infettive che è direttore della filantropia sanitaria globale Wellcome Trust. “Quel periodo di transizione sarà molto accidentato e apparirà molto, molto diverso in tutto il mondo”.

Per iniziare, cerchiamo di essere chiari su cosa sia l’endemia e cosa non lo sia. L’endemicità non significa che non ci saranno più infezioni, figuriamoci malattie e decessi. Inoltre, non significa che future infezioni causeranno malattie più lievi di quanto non facciano ora. In poche parole, indica che l’immunità e le infezioni avranno raggiunto uno stato stazionario. Non abbastanza persone saranno immuni da negare al virus un ospite. Non abbastanza persone saranno vulnerabili a scatenare epidemie diffuse.

I raffreddori sono endemici e poiché alcuni tipi di raffreddore sono causati da altri coronavirus, si è ipotizzato che questo coronavirus potrebbe eventualmente moderato pure. (Il coronavirus OC43, introdotto negli esseri umani alla fine del 1800, ha impiegato un secolo per farlo.) Ma anche l’influenza è endemica e negli anni prima che iniziassimo tutti a mascherare, uccideva ovunque da Da 20.000 a 50.000 americani ogni anno. L’endemicità, in altre parole, non è una promessa di sicurezza. Invece, come ha sostenuto l’epidemiologo Ellie Murray, è una garanzia di dover stai in guardia tutto il tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.