Con esasperazione, il college football sta solo cercando di superare i playoff


In questo mondo di pandemia malleabile e altalenante, potrebbe esserci una certezza ricavata dagli ultimi quasi due anni di convivenza con il coronavirus: che qua e là potrebbero non sembrare molto simili.

Quando New York City era tutta sirene, silenzio e cupo isolamento durante la prima ondata della pandemia, era facile per qualcuno, ad esempio, a Medicine Lodge, Kan., alzare le spalle e chiedersi quale fosse tutto il trambusto per questo coronavirus – fino a quando un un paio di mesi dopo, quando ha attraversato le pianure.

Da allora è continuato, questo rialzo e declino, con mandati di maschere e vaccini, nuove varianti e la danza scomoda e inesorabile per i responsabili politici – che sono stati trascinati in una direzione dalla scienza (che cambia rapidamente) e in un’altra da una comunità imprenditoriale discontinua (che potrebbe non sempre tendere al benessere dei suoi dipendenti con lo stesso vigore con cui tende ai profitti).

Lo sport non è stato diverso.

I suoi creatori di miti spesso promuovono lo sport come una versione migliore di noi stessi, proclamando a lungo che la superficie di gioco è il vero luogo di lavoro egualitario dell’America, dove il merito è supremo, il che è vero, purché non fossi un giocatore di baseball nero o un quarterback, o apertamente gay, o un allenatore donna nei momenti sbagliati. In altre parole, è stato come molti altri luoghi di lavoro.

E così, mentre l’ultima ondata, stimolata dalle varianti Delta e Omicron, si sta diffondendo negli Stati Uniti da est a ovest, portando a più di 300.000 nuovi casi al giorno, più che raddoppiati nelle ultime due settimane, non c’è stato nessun esenzione per lo sport.

La NFL, che ha spostato tre partite all’inizio di questo mese a causa di epidemie di virus, aveva Lunedì 96 giocatori risultano positivi al virus. Dozzine di partite della NHL sono state rinviate o cancellate e la scorsa settimana la lega ha sospeso le attività. Sette dei 30 allenatori dell’NBA non sono disponibili per vari motivi legati al virus, con Doc Rivers di Filadelfia e Michael Malone di Denver, la cui partita della squadra contro il Golden State è stata posticipata, venendo messa da parte giovedì.

Negli sport universitari, centinaia di partite di basket maschili e femminili sono state cancellate o rinviate e molte squadre hanno giocato a corto di personale, come Seton Hall, la cui squadra maschile ha perso sei giocatori mercoledì in una sconfitta di misura contro Providence. E sette programmi di calcio hanno abbandonato le partite a causa di epidemie di virus all’interno delle loro squadre. Uno di loro, l’UCLA, si è ritirato dall’Holiday Bowl poche ore prima del calcio d’inizio previsto per martedì.

La maggior parte delle squadre che non potevano giocare sono state travolte rapidamente dalle epidemie. Il Boston College ha avuto un giocatore positivo al test appena prima di partire per il Military Bowl di Annapolis, Md., il 22 dicembre. È stato lasciato indietro. Entro il 25 dicembre, più giocatori erano risultati positivi. Ce ne sono stati altri di nuovo domenica. Con più di 40 giocatori indisponibili a causa di virus, infortuni, trasferimenti e deroghe, la scuola ha deciso che non poteva giocare in sicurezza la partita che era stata programmata per lunedì.

In Virginia, le riunioni di posizione sono state spostate nel campo pratica al coperto, dove le porte del garage su due lati dell’edificio possono essere arrotolate per consentire una migliore ventilazione. Gli schermi piatti sono stati montati alle pareti, le sedie pieghevoli sono state sistemate in gruppi e sono stati installati dei proiettori. Tuttavia, una manciata di test positivi la scorsa settimana ha spinto l’intero team a essere testato il giorno di Natale. Quando i test sono tornati domenica mattina, c’erano abbastanza positivi che la squadra si è ritirata dal Fenway Bowl, che era stato programmato per mercoledì.

Un preparatore atletico di una scuola che ha dovuto cancellare la sua partita a bocce ha affermato che uno dei suoi compiti più difficili è spiegare ad atleti e allenatori perché le linee guida continuano a cambiare, come hanno fatto questa settimana quando i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno ridotto la finestra per l’isolamento a cinque giorni dalle 10, e ha sconsigliato un test negativo per porre fine all’isolamento, cosa che ha generato critiche da parte di alcuni scienziati.

“Quello che stiamo vedendo è molta frustrazione ed esaurimento”, ha detto l’allenatore, che ha parlato a condizione di anonimato perché ha detto che l’argomento era troppo politicamente teso. “Ci vuole molta educazione e educazione ripetuta di dove ti trovi, ancora e ancora e ancora. A volte ti guardano come: ‘Di cosa stai parlando? Il mese scorso ci hai detto qualcos’altro.’”

Poi c’è il fiore all’occhiello della stagione calcistica del college, il playoff a quattro squadre che inizia venerdì con un paio di semifinali: n. 1 Alabama contro n. 4 Cincinnati nel Cotton Bowl fuori Dallas e n. 2 Michigan contro n. 3 Georgia nell’Orange Bowl vicino a Miami.

Quello che sta succedendo con il virus nel resto del paese è un argomento che pochi associati ai giochi vorrebbero affrontare. Ci sono stati una manciata di casi da emergere: due con allenatori dell’Alabama, altri con giocatori per Georgia e Michigan — e le università non sono tenute a testare i giocatori vaccinati, anche se la variante Omicron ha avuto successo nell’infettare le persone vaccinate. Forse venerdì ci saranno annunci di giocatori che non sono disponibili, come c’era la scorsa stagione.

In verità, però, le due semifinali e la partita di campionato del 10 gennaio a Indianapolis sono troppo preziose per essere tese in un agguato dal virus. ESPN ha pagato al College Football Playoff circa 470 milioni di dollari per i diritti sui giochi di quest’anno, secondo l’Associated Press.

E i giochi sono stati protetti come tali. Le pratiche sono state chiuse ai media da martedì – anche i soliti 15 minuti circa quando le troupe televisive raccolgono filmati di giocatori che si allungano – quindi non ci sarà alcun monitoraggio se manca qualcuno, il che potrebbe far sorgere domande sul perché. Le sessioni dei media sono state realizzate a distanza e sono state, diciamo, curate.

In uno di questi mercoledì, al ricevitore dell’Alabama Slade Bolden è stato chiesto se, con i vaccini così diffusi, pensava che avessimo passato il peggio della pandemia. “Voglio dire, non so mai quando finirà davvero”, ha detto. “Spero che finisca il prima possibile”.

Gli è stata posta una domanda di follow-up: quando è stata l’ultima volta che è stato testato?

“Onestamente non posso dirtelo perché di solito non ci sottoponiamo a test a meno che non abbiamo sintomi”, ha detto. (Ciò è in linea con le linee guida NCAA, che hanno richiesto di eseguire test solo per giocatori sintomatici e giocatori non vaccinati entro 72 ore dal calcio d’inizio.)

Quest’ultimo scambio, tuttavia, è stato trattenuto dalle trascrizioni che vengono distribuite più ampiamente ai media, così come un altro sul virus con il tight end di Cincinnati Josh Whyle, che ha affermato che avrà 25 membri della famiglia che si recheranno al gioco.

Scottie Rodgers, il portavoce del Cotton Bowl, ha affermato che tutte le trascrizioni sono state modificate “per accuratezza e per assicurarsi che le citazioni incluse forniscano contenuti sostanziali”.

Rodgers non ha risposto a un’e-mail di follow-up che chiedeva cosa le domande sul coronavirus non fossero considerate contenuti sostanziali. C’era, tuttavia, un sacco di avanti e indietro nelle trascrizioni sui meriti del peperoncino distintivo della zona di Cincinnati.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.