La vita di John Madden nel calcio attraverso le foto


John Madden ha trascorso un decennio ai margini della NFL come allenatore, tre decenni in onda come commentatore e molti giorni in uno studio di registrazione per il videogioco che porta il suo nome.

Poche persone hanno mostrato tanta versatilità e dedizione al calcio come Madden, l’allenatore della Hall of Fame morto martedì all’età di 85 anni. I suoi contributi alla NFL e alla cultura dei videogiochi lo hanno reso una figura amata nella lega e oltre, trasformandolo in forse l’ambasciatore più riconoscibile del calcio.

Queste foto e questi video della carriera di Madden mettono in evidenza il suo amore e il suo contributo al gioco.

Gli Oakland Raiders assunsero Madden come allenatore dei linebacker nel 1967 e lo promossero a capo allenatore due anni dopo all’età di 32 anni. Sopra, con il quarterback Daryle Lamonica nel 1970.

I Raiders di Madden hanno battuto i Minnesota Vikings, 32-14, nel Super Bowl XI nel 1977 a Pasadena, in California. Fu l’unica apparizione di Madden al Super Bowl come capo allenatore, ma guidò i Raiders a otto presenze ai playoff in 10 stagioni.

Madden era a bordo campo per una delle giocate più memorabili e controverse della storia della NFL, il 10 settembre 1978. Il quarterback dei Raiders Ken Stabler armeggiò con la palla in avanti per evitare un sack con il tempo scaduto, Pete Banaszak spinse la palla più lontano avanti e Dave Casper lo ha recuperato in end zone. I Raiders hanno battuto i San Diego Chargers, 21-20.

“Gli Oakland Raiders hanno segnato il sogno più bizzarro, incredibile e assolutamente impossibile di un’opera teatrale”, Bill King, l’emittente radiofonica dei Raiders, ha annunciato. “Madden è in campo, vuole sapere se è vero. Dissero: “Sì, porta il tuo culone fuori di qui”. Lui fa. Non c’è più niente di reale al mondo. Questo sarà rivissuto, per sempre.”

Davvero. La NFL in seguito ha cambiato la sua regola sui fumble in avanti.

Madden è stato un ospite naturale del “Saturday Night Live”. In questo sketch del 1982, ha intervistato i Cincinnati Bengals (incluso Eddie Murphy).

Mai a corto di parole, Madden ha collaborato con il laconico Pat Summerall per 21 anni, a partire dal 1979, chiamando i giochi NFL per CBS e Fox. Sopra, Madden e Summerall nel 1986.

Ha anche collaborato con Al Michaels sia su ABC che su NBC, a partire dal 2002, fino al ritiro dopo il Super Bowl XLIII nel 2009.

Madden è stato il primo giornalista sportivo a lavorare per tutte e quattro le principali reti. È stato anche il giornalista sportivo che ha portato un turducken (un tacchino ripieno di anatra ripieno di pollo) nella copertura sportiva di prima serata. Nel 1989, ha creato il suo premio per il giocatore più prezioso del Giorno del Ringraziamento.

Sopra, alcuni dei Detroit Lions hanno avuto modo di assaggiare il tacchino di Madden – con le gambe extra attaccate – dopo la loro partita del Ringraziamento nel 1999.

“È stato un grande viaggio”, ha detto Madden quando è stato inserito nella Pro Football Hall of Fame nel 2006. Il momento più felice della sua vita, ha detto, è stato portato sulle spalle dei suoi giocatori dei Raiders dopo aver vinto il Super Bowl.

“Vado sulle spalle di centinaia di amici: allenatori, giocatori, colleghi, famiglia”, ha detto, aggiungendo: “Questa è stata la corsa più dolce di tutte”.

Madden, che aveva una paura ampiamente conosciuta di volare, ha viaggiato per il paese nel suo pullman, che a sua volta è diventato un famoso veicolo. Dopo aver lasciato le trasmissioni, Madden è stato consulente del commissario della NFL, Roger Goodell, insieme qui nel 2010.

Madden con l’ex presidente George W. Bush e sua moglie, Laura Bush, durante l’inno nazionale al Super Bowl XLV nel 2011.

Madden era perfetto per i predoni ribelli. “Non avrei mai allenato un’altra squadra”, ha detto. La squadra, ora con sede a Las Vegas, ha reso omaggio a Madden martedì all’Allegiant Stadium.

Talya Minsberg e Emmanuel Morgan segnalazione contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.