L’Indonesia accetterà decine di rifugiati Rohingya bloccati in mare | Notizie sui Rohingya


I funzionari avevano precedentemente affermato che i rifugiati avrebbero ricevuto cibo e acqua, ma non avrebbero potuto sbarcare in Indonesia.

L’Indonesia ha annunciato che consentirà a una barca piena di rifugiati Rohingya, che era rimasta bloccata al largo delle sue coste, di attraccare dopo le chiamate delle organizzazioni umanitarie per consentire alla nave di cercare rifugio.

I funzionari locali di Aceh, provincia dell’isola occidentale di Sumatra, avevano dichiarato martedì che avrebbero fornito cibo, medicine e acqua ai circa 120 passeggeri a bordo, ma non avrebbero permesso loro di cercare rifugio nel Paese del sud-est asiatico, nonostante appelli internazionali per farlo.

“Oggi il governo indonesiano ha deciso, in nome dell’umanità, di dare rifugio ai rifugiati Rohingya attualmente a galla su una barca vicino al distretto di Biereun, Aceh”, ha detto mercoledì in una dichiarazione Armed Wijaya, un funzionario del ministero della sicurezza indonesiano.

“La decisione è stata presa dopo aver considerato le condizioni di emergenza che i rifugiati stanno vivendo a bordo della barca”, ha detto. I suoi passeggeri erano per lo più donne e bambini, ha aggiunto.

Marinai indonesiani portano rifornimenti a una nave della marina destinata ai profughi Rohingya dopo che la loro barca è stata intercettata nelle acque al largo di Bireuen, provincia di Aceh [Indonesian Navy/AFP]

La barca incagliata aveva rischiato di affondare in pochi giorni, hanno detto mercoledì all’agenzia di stampa Reuters due pescatori.

“C’erano due punti in cui la barca perdeva. C’era [a] molta acqua”, ha detto Aditya Setiawan, uno dei pescatori. In un video visto da Reuters, dozzine di persone sembravano stipate sopra e sotto il ponte della lunga barca di legno.

Jessica Washington di Al Jazeera, riportando dalla capitale indonesiana Jakarta, ha affermato che la decisione di consentire lo sbarco dei profughi “non è del tutto sorprendente”.

“In passato, l’Indonesia ha accolto profughi giunti via acqua vicino ad Aceh. Ma vale la pena notare che l’Indonesia non è firmataria della convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati e non è vista come una destinazione per il reinsediamento permanente”, ha affermato Washington.

I Rohingya sono una minoranza etnica musulmana, più di 700.000 dei quali sono fuggiti dalla persecuzione e dalla violenza nel vicino Myanmar nell’agosto 2017.

L’anno scorso, centinaia di Rohingya fuggiti dalla persecuzione nel Myanmar a maggioranza buddista sono arrivati ​​in Indonesia.

I rifugiati musulmani Rohingya dal Myanmar hanno navigato per anni in paesi come la Malesia, la Thailandia e l’Indonesia tra novembre e aprile, quando il mare è calmo. Molti sono stati allontanati.

La rappresentante dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati a Jakarta, Ann Maymann, ha dichiarato ad Al Jazeera che la decisione dell’Indonesia di consentire ai rifugiati di sbarcare dalla barca colpita è stata una vittoria per i diritti umani e il diritto internazionale.

“Siamo estremamente grati al governo indonesiano… è una decisione che non abbiamo visto prendere da altri governi riguardo ad altre barche”, ha detto.

“È un esempio da seguire per altri paesi, sia nella regione dell’Asia Pacifico che in altre parti del mondo dove le barche vengono respinte”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.