Xi’an cinese impone controlli “più severi” per fermare l’epidemia di COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Da quando la città è stata bloccata la scorsa settimana, le autorità hanno lanciato diversi cicli di test di massa e hanno messo quasi 30.000 persone in quarantena in hotel.

La città cinese di Xi’an ha rafforzato i controlli COVID-19 al livello “più rigoroso”, vietando ai residenti di guidare auto in città nel tentativo di controllare il peggior focolaio del paese in 21 mesi.

La Cina si è attenuta a una strategia “zero-COVID” di rigide restrizioni alle frontiere, lunghe quarantene e blocchi mirati mentre Pechino si prepara ad accogliere migliaia di visitatori per le Olimpiadi invernali di febbraio.

Ma Xi’an – dove 13 milioni di residenti stanno affrontando il loro quinto giorno di reclusione domiciliare – è al centro di una riacutizzazione che ha portato le infezioni quotidiane a livello nazionale al loro numero più alto da marzo 2020.

Le restrizioni si sono ulteriormente inasprite lunedì quando Xi’an ha annunciato che avrebbe imposto le “misure di controllo sociale più rigorose”, secondo un account sui social media del governo cittadino.

La città settentrionale, sede dei famosi Guerrieri di Terracotta, ha registrato lunedì 150 nuovi casi, portando il totale a circa 650 dal 9 dicembre.

Nessun veicolo è consentito sulle strade a meno che non stiano assistendo nel lavoro di controllo delle malattie, afferma l’ultimo annuncio.

La polizia e i funzionari sanitari “ispezioneranno rigorosamente” le auto e coloro che infrangono le regole potrebbero affrontare 10 giorni di detenzione e una multa di 500 yuan ($ 78).

Anche altre due città della provincia dello Shaanxi hanno riportato un caso legato a Xi’an, poiché le autorità hanno esortato i lavoratori migranti della città a non tornare a casa durante le prossime vacanze del capodanno cinese.

Lo scoppio della variante Delta a rapida diffusione ha causato gravi sintomi in quattro pazienti tra cui un bambino di un anno, secondo il tabloid statale Global Times.

Da quando la città è stata bloccata la scorsa settimana, le autorità hanno lanciato diversi cicli di test di massa e hanno messo quasi 30.000 persone in quarantena in hotel.

Tutte le attività non essenziali sono state chiuse, mentre ogni famiglia può inviare solo una persona ogni tre giorni per l’acquisto di beni di prima necessità.

Il governo di Xi’an è stato preso di mira per la sua percepita cattiva gestione dell’epidemia, con l’organo disciplinare cinese che ha affermato la scorsa settimana che 26 funzionari locali erano stati puniti per errori nella prevenzione del virus.

Le autorità hanno rigorosamente limitato i movimenti dentro e fuori la città, con filmati dall’emittente statale CCTV di domenica che mostrano camion in attesa in fila ai posti di blocco stradali mentre i lavoratori in tute ignifughe controllano i dati sanitari sui telefoni cellulari dei conducenti.

Da quando il coronavirus è emerso per la prima volta nella città centrale di Wuhan alla fine del 2019, la Cina ha ampiamente tenuto a bada la pandemia.

Il Paese ha ufficialmente registrato solo due decessi in più di un anno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.