L’ultima acquisizione di Zoom collega strumenti di trasmissione professionali per eventi su larga scala

Zoom ha acquisito gli strumenti di trasmissione basati su Zoom creati dalla startup Liminal, insieme a due dei co-fondatori dell’azienda, la piattaforma di videoconferenza annunciata in un post sul suo blog. I componenti aggiuntivi di Liminal, ZoomOSC e ZoomISO, sono progettati per la creazione di eventi virtuali professionali, che Zoom probabilmente integrerà nativamente nel suo software come parte dell’acquisizione.

Come notato sul sito di Liminal, ZoomOSC è progettato per migliorare riunioni ed eventi professionali utilizzando il protocollo Open Sound Control (OSC), che consente di integrare Zoom con software di terze parti, controller hardware e server multimediali. Nel frattempo, ZoomISO ti consente di esportare il feed video di ciascun partecipante come output separato su hardware di produzione professionale, cinque dei quali puoi scegliere di produrre in HD.

Acquisendo queste risorse da Liminal, Zoom afferma che aiuterà la piattaforma a “colmare” il divario tra forme “emergenti” e “tradizionali” di strumenti di controllo degli eventi, che dovrebbero tornare utili per studi di trasmissione, teatri e altre organizzazioni che desiderano creare flussi professionali. La piattaforma si è tuffata in eventi virtuali su larga scala quando ha annunciato per la prima volta la sua funzione Eventi a maggio e l’ha lanciata ufficialmente a luglio. Con Eventi, gli organizzatori possono creare hub di eventi, vendere biglietti e creare più sessioni di live streaming durante il giorno.

Non si sa quando o come Zoom abbia intenzione di integrare le funzionalità di Liminal, e non è nemmeno chiaro se i componenti aggiuntivi Zoom di Liminal saranno ancora disponibili separatamente da Zoom quando l’integrazione avrà luogo. Il Verge ha contattato Zoom con una richiesta di commento ma non ha ricevuto immediatamente risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.