Final Fantasy XVI è stato posticipato di sei mesi a causa dei ritardi dovuti al COVID-19

Final Fantasy XVI è l’ultimo gioco ad essere colpito dai ritardi di sviluppo legati al COVID, con il produttore del gioco Naoki Yoshida che annuncia in una lettera pubblicata su Twitter che il lavoro sul prossimo gioco di ruolo per PlayStation 5 è stato ritardato di circa sei mesi. Inoltre, Yoshida ha annunciato che la prossima grande rivelazione per il titolo in arrivo – originariamente promessa per un certo periodo nel 2021 – verrà ora spostata nella primavera del 2022.

Non è troppo sorprendente che Final Fantasy XVI è stato colpito da ritardi. Come la prima ammiraglia Fantasia finale gioco per una console di nuova generazione, il processo di sviluppo è uno sforzo enorme che coinvolge i team di sviluppo di tutto il mondo. “Nel tentativo di compensare gli effetti del COVID-19, abbiamo dovuto decentralizzare quella forza lavoro consentendo al personale di svolgere i propri incarichi da casa”, spiega la lettera di Yoshida. “Questo ha purtroppo ostacolato la comunicazione dall’ufficio di Tokyo, che a sua volta ha portato a ritardi o, in casi estremi, cancellazioni di consegne di risorse da parte dei nostri partner in outsourcing”.

Tuttavia, il ritardo significa che ciò che è già stata una lunga attesa Fantasia finale i fan desiderosi di vedere di più sul titolo in arrivo si allungheranno ancora di più, soprattutto considerando che Final Fantasy XVI è stato rivelato per la prima volta a settembre 2020, prima ancora del lancio di PlayStation 5. Da quella rivelazione iniziale, non c’è ancora stato un nuovo trailer, ulteriori informazioni sul gioco o anche una finestra di rilascio stimata.

Final Fantasy XV — l’ultima versione numerata della serie principale del franchise — è stata rilasciata più di cinque anni fa a novembre 2016. Square Enix ha tenuto occupati i giocatori nel frattempo, tuttavia, con versioni più recenti come Final Fantasy VII Remake e le continue espansioni per il suo MMO online, Final Fantasy XIV — la cui più recente espansione, Endwalker, è così forte che Square Enix ha dovuto sospendere le vendite dei giochi per cercare di mitigare le code dei server. (Yoshida è anche produttore e regista di Final Fantasy XIV, oltre al suo lavoro su Final Fantasy XVI.)

Tuttavia, c’è speranza all’orizzonte per Fantasia finale fan: la lettera di Yoshida rileva che il team ha trascorso la maggior parte del 2021 affrontando i ritardi legati al COVID e prevede di “concentrarsi meglio” su cose come il miglioramento della grafica del gioco, le meccaniche di combattimento, i filmati e altro ancora andando avanti, prima del suo “prossimo grande rivelare” nella primavera del 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.