Le prime stelle del breakout dell’NBA


Che si tratti di infortuni, dei protocolli di salute e sicurezza Covid-19 dell’NBA o di un generale abbandono annuale, la lega ha visto un’ascesa inaspettatamente rapida di giovani stelle in questa stagione. Alcuni di questi sono unici per quest’anno: con diverse star di spicco mancanti in azione, c’è più spazio sotto i riflettori per i nuovi talenti.

Tyler Herro, la guardia del terzo anno dei Miami Heat, sta aiutando a mantenere a galla la squadra di fronte agli infortuni dei suoi migliori giocatori. Cole Anthony, la guardia del secondo anno degli Orlando Magic, è diventato un forte giocatore a tutto tondo con un tiro in sospensione praticabile. E il 23enne centro Jarrett Allen sta segnando quasi 17 punti a partita per i Cleveland Cavaliers con un tiro migliore del 70%. Allen ha una forte possibilità di fare il suo primo gioco All-Star in questa stagione.

Il gioco forte di tre giocatori in particolare ha dato speranza ai fan assediati delle loro squadre: Evan Mobley, l’allampanato rookie dei Cavaliers, e Anthony Edwards, lo swingman dei Minnesota Timberwolves al suo secondo anno. E nel caso della guardia del secondo anno dei Grizzlies Desmond Bane, ha avuto successo durante l’assenza per infortunio del miglior giocatore della squadra, Ja Morant, che avrebbe potuto mandare Memphis in tilt.

Tutti e tre hanno successo in modi diversi: Mobley con la sua altezza e agilità; Edwards con i suoi tagli e schiacciate; Bane con la sua abilità di tiro. Ma tutti stanno aiutando le loro squadre a essere competitive e sono, se non altro, divertenti da guardare.

Probabilmente nessuno dei tre entrerà a far parte della squadra All-Star in questa stagione, ma farne di futuri è sicuramente a portata di mano.

Ecco cosa li rende tre delle prime stelle esordienti della stagione.

Mentre i Cleveland Cavaliers si sono tirati fuori dalla cantina della lega, uno degli sviluppi più entusiasmanti per il futuro della franchigia è stato l’emergere dell’attaccante rookie Evan Mobley.

Con un tipo di corpo e un set di abilità che hanno paragonato a un giovane Anthony Davis, Mobley è uno dei primi contendenti per il premio Rookie of the Year. È stato nominato il debuttante inaugurale della stagione del mese, che copre ottobre e novembre. Durante quel periodo, i 30 blocchi di Mobley erano il doppio di quelli del successivo miglior rookie, Scottie Barnes di Toronto.

Ancora più importante, il suo gioco è aiutare la sua squadra a vincere. I Cavaliers sono stati l’unica squadra che ha giocato un rookie per più di 400 minuti fino a novembre ad avere anche un record di vittorie.

Verso il Natale, Mobley ha guidato tutti i rookie nei blocchi a partita con 1.8 ed è stato legato con Barnes per la maggior parte dei rimbalzi da principiante a partita. Il suo punteggio difensivo è tra i primi 10 giocatori che hanno giocato almeno 25 partite in questa stagione.

Il centro 6 piedi-11 di Temecula, in California, avrebbe dovuto brillare nell’NBA Era una stella al liceo e ha trascorso una stagione all’Università della California del sud, dove è stato nominato giocatore dell’anno del Pac-12 , difensore dell’anno e matricola dell’anno.

Ma i debuttanti non sempre entrano nell’NBA così raffinati.

Anthony Edwards ha lasciato il segno come uno slasher ad alta quota durante la sua stagione da rookie con i Minnesota Timberwolves lo scorso anno. Era una delizia da guardare, soprattutto per le sue schiacciate d’élite. Ma c’erano alcune domande sulla sua efficienza offensiva quando è entrato nel suo secondo anno in campionato. Ha tirato solo il 32,9 percento dai 3 della scorsa stagione e il 41,7 percento in totale. L’NBA ha una lunga e leggendaria lista di marcatori inefficienti che avevano statistiche gonfiate, perché facevano parte di squadre pessime che avevano bisogno di qualcuno mettere la palla nel canestro.

Ma in questa stagione, Edwards sta tirando un po’ meglio, anche da 3, e mantiene competitivi i Timberwolves. Questo mese, Edwards ha segnato 10 triple in una partita contro i Denver Nuggets. Ha ancora del lavoro da fare per diventare un capocannoniere, ma a 20 anni è già uno dei migliori giovani del campionato. Ha anche diversificato il suo gioco in altro modo, migliorando i suoi rimbalzi e passaggi, permettendogli di contribuire nei giochi anche quando il suo tiro non cade. Se il Minnesota arriva ai playoff, il salto di Edwards sarà uno dei motivi principali.

Si è anche affermato come un leader che non ha paura del rispetto chiamare i compagni di squadra, come Karl-Anthony Towns, o non così rispettosamente alle stelle di altre squadre, come il centro Utah Jazz Rudy Gobert. È un portiere del Minnesota e ha un tiro dall’esterno per entrare a far parte della squadra All-Star quest’anno, così come, sai, un vero tiro dall’esterno.

Al Draft NBA 2020, Desmond Bane è stato poco più di un ripensamento, per quasi tutti, tranne i Memphis Grizzlies, che hanno scambiato un paio di scelte del secondo turno con i Boston Celtics come parte di un accordo a tre squadre in modo che potevano salire nell’ordine e selezionare Bane con la scelta finale del primo round.

Prima del draft, gli esperti avevano domande su Bane, una guardia alta 6 piedi e 5 che aveva trascorso ben quattro stagioni alla Texas Christian University, una bandiera rossa in un’era in cui la maggior parte delle migliori prospettive sono una cosa sola. Bane sarebbe semplicemente un tiratore azzeccato nella NBA o sarebbe in grado di creare il proprio look? E non erano le sue braccia? un po’ corto? Bane aveva sentito tutto.

Da principiante, Bane si è guadagnato un posto di rotazione per i Grizzlies come una minaccia esterna affidabile. Ora titolare a tempo pieno alla sua seconda stagione, è il terzo capocannoniere della squadra dietro Ja Morant e Dillon Brooks, e si colloca tra i la capolista nel tiro da tre punti (41,3 per cento a Natale). Il suo valore è stato particolarmente evidente quando Morant è caduto a causa di un infortunio al ginocchio alla fine di novembre. I Grizzlies hanno vinto 10 partite su 12 senza di lui, e Bane è stato una forza stabilizzatrice, e occasionalmente spettacolare. Ha avuto un career-high di 29 punti in una vittoria contro i Dallas Mavericks.

Da allora Morant è tornato e i Grizzlies sono nel bel mezzo della corsa ai playoff come una delle giovani squadre più sorprendenti della Western Conference.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.