“Ha toccato molti di noi”: i sudafricani piangono la morte di Desmond Tutu | Notizia


Città del Capo, Sudafrica – Un’oscurità generale è calata sul Sudafrica mentre tributi – e alcune critiche – si riversano in seguito alla morte dell’icona anti-apartheid, l’arcivescovo Desmond Tutu.

Un gruppo etnicamente eterogeneo di persone in lutto si è riunito domenica fuori dalla chiesa della cattedrale di San Giorgio a Città del Capo mentre deponeva corone di fiori e rendeva l’ultimo saluto al sacerdote anglicano di 90 anni.

“La scomparsa dell’Arco ha toccato molti di noi. Anche coloro che non sono sempre stati d’accordo con lui politicamente stanno dando l’ultimo saluto al vecchio “, ha detto ad Al Jazeera Tsweu Moleme, il cui padre è stato insegnato da Tutu alla Munsieville High School al culmine del regime dell’apartheid.

Nelle principali città del paese, Città del Capo, Bloemfontein e Pretoria, vengono organizzati numerosi servizi commemorativi, mentre i leader africani e la comunità internazionale ricevono tributi per un uomo che è stato determinante nella costruzione di un Sudafrica democratico.

“Disuguaglianza razziale”

Modibe Madiba, che gestisce una popolare piattaforma di media alternativi, Insight Factor, ha detto ad Al Jazeera che i giovani neri sudafricani “continuano a vivere con le conseguenze di come leader come l’arcivescovo Tutu hanno gestito il processo di costruzione della nazione” nel paese.

“Mi sento colpito dall’eredità dell’arcivescovo Desmond Tutu. Vivo in un paese dove c’è disuguaglianza razziale. Questo è ciò che Tutu, che ha combattuto contro l’apartheid, alla fine ci ha permesso di ereditare dal regime dell’apartheid”, ha detto.

“Il mondo deve ricordare che la lotta contro l’apartheid non è stata una lotta per votare. È stata una lotta per la giustizia, per le opportunità economiche, per le vite perse inutilmente e per le persone espropriate della loro terra dal regime dell’apartheid”.

I premi Nobel Nelson Mandela, a sinistra, e l’arcivescovo Desmond Tutu, al centro, arrivano per le celebrazioni del settantesimo compleanno del collega laureato ed ex presidente FW de Klerk, a destra, a Cape Town [File: Mike Hutchings/Reuters]

Tuttavia, una parte della società sudafricana rimane critica nei confronti del ruolo di Tutu come presidente di una Commissione per la verità e la riconciliazione (TRC), istituita nel 1994 per portare alla luce le atrocità commesse dal governo della minoranza bianca dal 1948 al 1991, quando le leggi sull’apartheid furono abrogato.

Le udienze si sono concluse con molti leader del regime dell’apartheid che se ne sono andati con un’amnistia generale, un fatto storico che ora ha acceso dibattiti su come ricordare l’arcivescovo.

“L’arcivescovo Tutu deve essere ricordato per aver denunciato l’apartheid e in seguito per essere parte di un gruppo elitario nero che ha abbandonato la maggioranza nera per godersi le comodità materiali dell’era post-CODESA”, ha detto Madiba, riferendosi alla Convenzione per un Sudafrica democratico, un ombrello gruppo di quasi 100 gruppi che hanno negoziato la fine del governo dell’apartheid nel paese.

Eredità mista

Jason, un 29enne residente a Pretoria, ha detto che mentre la TRC “avrebbe dovuto fare di più” per ottenere giustizia per la comunità nera, di colore e indiana del Sud Africa, l’eredità di Tutu è “non macchiata” dai risultati.

“L’arcivescovo Tutu ha adottato l’approccio della giustizia riparativa e giustamente, perché lo spargimento di sangue non era la risposta in quel momento”, ha detto ad Al Jazeera Jason, che ha un solo nome.

È un sentimento rafforzato da Tutu, insignito del Premio Nobel per la pace nel 1984 per i suoi sforzi non violenti per porre fine alla segregazione razziale e al governo della minoranza bianca nella nazione africana.

Sikhumbuzo Mgxwati, 32 anni, è tra le voci in crescita dei giovani sudafricani che sono ambivalenti riguardo all’eredità dell’ultimo premio Nobel per la pace sopravvissuto del paese.

“Crescendo, siamo stati nutriti dall’idea degli eroi dell’apartheid come persone che hanno liberato i neri, ma oggi ti rendi conto che si sono semplicemente assimilati allo stesso sistema che ci ha tenuti oppressi, vivendo vite precarie e senza opportunità”, ha detto ad Al Jazeera.

L’arcivescovo Desmond Tutu presiede la Commissione per la verità e la riconciliazione del Sudafrica [File: Mike Hutchings/Reuters]

Mgxwati ha detto che non parteciperà a un servizio commemorativo locale per Tutu. Ha detto che la storia degli attivisti anti-apartheid come Tutu è “spesso annacquata” per adattarsi a una certa narrativa.

“Sono triste per la perdita della sua famiglia, ma voglio che sia ricordato come uno strumento coloniale”, ha detto.

Mgxwati si riferisce alla critica pubblica di Tutu all’attivista anti-apartheid Winnie Madikizela-Mandela, che aveva esortato a scusarsi per il suo ruolo in una lotta armata per porre fine alla segregazione razziale durante una delle udienze della TRC.

Tuttavia, dopo la morte di Winnie nel 2018, l’arcivescovo ha rilasciato una dichiarazione in cui ha detto che “ripensandoci, la sua coraggiosa sfida (di Winnie) è stata profondamente ispiratrice” per lui e per generazioni di attivisti sudafricani.

Lungelo Nkosi, studente post-laurea di 27 anni, ha affermato di volere che il Paese si concentri sul bene che ha fatto il defunto arcivescovo.

“Sono in lutto. Ha svolto un ruolo fondamentale nel spingere per le sanzioni contro l’apartheid in Sudafrica”, ha detto ad Al Jazeera. “Dopo tutto è stato detto e fatto, era un vero faro di moralità e dobbiamo piangerlo”.

“Tra una serie di altri straordinari contributi alla liberazione del Sudafrica c’è stato il suo appello per la trasformazione della South African Rugby Union”, ha affermato Nkosi.

Melissa Bingham, 24 anni, ha detto che intende pubblicare più messaggi di condoglianze sulla pagina commemorativa del governo che è stata creata per il defunto arcivescovo.

“Il perdono era la sua ideologia, non la perfezione. Non ha mai vacillato nella sua ricerca di costruire ponti che sono stati abbattuti ovunque dalle ingiustizie, e per questo merita molta grazia”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.