Diversi uccisi in Arabia Saudita, Yemen nella coalizione, attacchi dei ribelli | Notizie Houthi


Due sono stati uccisi nella città saudita di Jizan mentre tre sono morti in un raid aereo della coalizione ad Ajama, nello Yemen.

Tre persone sono state uccise in Yemen in un raid aereo da una coalizione guidata da Riyadh, mentre due sono state uccise in Arabia Saudita in un attacco proiettile attribuito ai ribelli Houthi dello Yemen.

Dal 2014, lo Yemen è stato sconvolto da una guerra civile che vede i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran contro il governo riconosciuto a livello internazionale, che è sostenuto dalla coalizione militare guidata dai sauditi.

La protezione civile dell’Arabia Saudita ha detto sabato che due persone, un saudita e uno yemenita, sono state uccise e altre sette ferite in un attacco proiettile a Jazan, una regione meridionale del regno, al confine con lo Yemen.

“Un proiettile militare è caduto su un negozio commerciale sulla strada principale, provocando due morti”, si legge in una nota, aggiungendo che altri sette sono rimasti feriti.

Nello Yemen, i medici hanno detto che tre persone sono state uccise e altre sei ferite nei raid aerei della coalizione ad Ajama, una città a nord-ovest della capitale Sanaa in mano ai ribelli.

“Tre civili, tra cui un bambino e una donna, sono stati uccisi e altri sei sono rimasti feriti”, hanno detto i medici all’agenzia di stampa AFP.

Il fatale attacco transfrontaliero segna un’escalation nella lunga guerra civile dello Yemen.

I raid aerei della coalizione militare a guida saudita hanno preso di mira Sanaa venerdì, colpendo un campo militare vicino al centro della città, secondo quanto riportato dai media sauditi.

I media Houthi hanno affermato che gli attacchi hanno colpito un quartiere popolato, danneggiando le case.

Escalation militare

La guerra dello Yemen è scoppiata nel 2014 quando gli Houthi si sono impadroniti di Sanaa e di gran parte del nord del Paese.

Mesi dopo, la coalizione guidata dai sauditi, sostenuta dagli Stati Uniti, è intervenuta per rovesciare gli Houthi e ripristinare il governo riconosciuto a livello internazionale.

La guerra si è stabilizzata in una situazione di stallo e ha generato il peggior disastro umanitario del mondo.

Durante il conflitto, gli Houthi hanno organizzato sempre più attacchi di droni e lanciato missili oltre il confine negli aeroporti, nelle strutture petrolifere e nelle installazioni militari all’interno del regno.

All’interno dello Yemen, la campagna di bombardamenti della coalizione ha attirato critiche internazionali per aver colpito obiettivi non militari come ospedali e feste di matrimonio nella nazione più povera del mondo arabo.

La guerra civile in Yemen ha ucciso circa 130.000 persone, tra cui migliaia di civili.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.