La Corea del Sud perdona l’ex presidente incarcerato Park Geun-hye | Notizie sulla corruzione


STORIA IN SVILUPPO,

Il ministero della Giustizia afferma che il perdono di Park mira a promuovere l’unità nazionale di fronte alle difficoltà causate dalla pandemia di coronavirus.

La Corea del Sud afferma che concederà una grazia speciale all’ex presidente Park Geun-hye, che sta scontando una lunga pena detentiva per una serie di accuse di corruzione.

Il ministero della Giustizia ha affermato venerdì che l’indulto di Park mira a promuovere l’unità nazionale di fronte alle difficoltà causate dalla pandemia di coronavirus.

Era in una lista di persone che ricevevano un’amnistia speciale ed è stata graziata da “una prospettiva di unità nazionale”, ha detto ai giornalisti Park Beom-kye.

Park è stato arrestato e mandato in prigione nel 2017, dopo essere stato rimosso dall’incarico a seguito di uno scandalo di corruzione che ha provocato mesi di massicce proteste di piazza.

Park è una figlia del defunto presidente autoritario Park Chung-hee.

È stata eletta prima presidente donna della Corea del Sud.

Il 69enne stava scontando una pena detentiva di 20 anni per corruzione e abuso di potere, con altri due anni dopo per violazione della legge elettorale.

Lo scandalo della corruzione ha messo in luce legami loschi tra le grandi imprese e la politica in Corea del Sud, con Park e la sua cara amica Choi Soon-sil accusati di aver accettato tangenti da conglomerati, tra cui Samsung Electronics, in cambio di un trattamento preferenziale.

Il conseguente contraccolpo pubblico contro Park e il suo partito conservatore ha contribuito a spingere al potere Moon Jae-in, di sinistra.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.