Dave Draper, il “Blond Bomber” del bodybuilding, muore a 79 anni


Dave Draper, un popolare bodybuilder degli anni ’60 che ha vinto tre titoli importanti prima di abbandonare le competizioni all’età di 28 anni, è morto il 30 novembre nella sua casa di Aptos, in California, vicino a Santa Cruz. Aveva 79 anni.

La causa è stata un’insufficienza cardiaca congestizia, ha detto sua moglie, Laree Draper.

Mr. Draper – che era alto un metro e ottanta, aveva un torace di 54 pollici e gareggiava a 235 libbre – è emerso come una forza nel bodybuilding nel 1962 con la sua vittoria alla competizione Mr. New Jersey. Ben presto si trasferì nel sud della California, dove continuò a scolpire il suo corpo a il sotterraneo, una palestra sulla leggendaria Muscle Beach a Santa Monica, e alla Gold’s Gym, nel quartiere Venice di Los Angeles.

Amava sollevare pesi per i suoi benefici fisici e spirituali. Ma non gli piaceva il pavoneggiarsi e le pose richieste ai bodybuilder durante le competizioni e le esibizioni.

“Per una ragionevole stagione della mia vita, sembrava la cosa da fare”, Mr. Draper ha detto in un’intervista a T-Nation, un sito web di allenamento per la forza e bodybuilding, nel 2009. “Ma la competizione si frapponeva tra me e il sollievo di sollevare il ferro: lo sforzo privato, la pura gioia e la soddisfazione quotidiana di costruire muscoli e forza”.

Nonostante questa ambivalenza, Mr. Draper, che divenne noto come il Blond Bomber, era una star sulla scena del bodybuilding degli anni ’60. Fu nominato Mr. America nel 1965 e Mr. Universo nel 1966, prima che Arnold Schwarzenegger arrivasse dall’Austria, e vinse il titolo di Mr. World nel 1970.

“Dave si è allenato più duramente di chiunque altro e in palestra indossava sempre i jeans”, Frank Zane, un tre volte Mr. Olympia, ha detto in un’intervista. “Amava allenarsi ed era molto forte. Semplicemente non gli piaceva competere”.

Il fisico spettacolare del signor Draper ha trovato una casa occasionale a Hollywood. Aveva ruoli in sitcom come “The Beverly Hillbillies” (come Dave Universo, una data per Elly May Clampett) e “The Monkees” (come un personaggio di nome Bulk). È stato anche in alcuni film, tra cui “Non fare le onde” (1967), in cui interpreta il fidanzato di Sharon Tate.

“In Austria, ho tenuto la sua copertina della rivista Muscle Builder sulla parete sopra il mio letto per motivazione”, ha detto il signor Schwarzenegger in una dichiarazione dopo la morte del signor Draper, “e quando l’ho visto recitare in ‘Don’t Make Waves, ‘ Ho pensato, ‘I miei sogni sono possibili.’”

Il signor Draper, che era anche un abile falegname, è diventato uno dei compagni di formazione del signor Schwarzenegger e ha costruito alcuni mobili per la sua casa a Santa Monica. “Ho scoperto che il suo cuore era grande quanto i suoi pettorali”, ha detto Schwarzenegger.

Anche mentre gareggiava, il signor Draper abusava di alcol, marijuana e polvere d’angelo. (Ha detto che usava anche steroidi, con parsimonia, sotto la supervisione di un medico.) Continuò ad avere problemi, principalmente con l’alcol, fino al 1983, quando gli fu diagnosticata un’insufficienza cardiaca congestizia.

La signora Draper – che ha incontrato il suo futuro marito in una palestra a Capitola, in California, vicino a Santa Cruz – ha attribuito il suo consumo di alcol e droghe alle tensioni provocate dalla competizione e dall’affrontare le richieste di Hollywood.

“E’ stato coinvolto in esso, e immagino che non potesse gestirlo”, ha detto in un’intervista.

David Paul Draper è nato il 16 aprile 1942 a Secaucus, NJ. Suo padre, Dan, era un venditore; sua madre, Anne (Simsek) Draper, era una casalinga.

Dave, che non eccelleva negli sport di squadra, ha ottenuto la sua prima serie di pesi all’età di 10 anni. A 12 anni, si allenava in modo aggressivo con bilancieri e manubri.

“Erano i miei amici di acciaio solido di cui potevo fidarmi”, ha detto nel suo libro “A Glimpse in the Rear View” (2020), una raccolta di colonne dal suo sito web. “Quando il gioco si faceva duro, quando continuavo a perdere la palla da baseball e quando le ragazze erano troppo carine per parlare, i pesi erano lì e parlavano la mia lingua”.

Ha comprato la sua attrezzatura da Weider Barbell a Union City, NJ – parte dell’impero di Joe Weider di riviste muscolari, attrezzature per il fitness, integratori e competizioni – e a 19 anni è diventato il manager del fine settimana di una palestra a Jersey City. Ha anche ottenuto un lavoro part-time nel magazzino Weider Barbell, dove ha lavorato con gli altri impiegati di spedizione. Il signor Weider, che era conosciuto come il Maestro Blaster, ha dato al signor Draper il soprannome di Bombardiere biondo.

“Aveva il fuoco nella pancia, non illuderti” Il signor Weider ha detto alla rivista GQ per un profilo di Mr. Draper nel 2000. “Non avrebbe ottenuto il tipo di corpo che ha fatto senza il duro lavoro.”

Dopo aver vinto Mr. New Jersey, Mr. Draper si è trasferito a Santa Monica, dove ha continuato a lavorare per Mr. Weider. Man mano che il profilo di Mr. Draper nel bodybuilding cresceva, è apparso sulle copertine delle riviste pubblicate da Mr. Weider, come Muscle Builder e Mr. America, e negli annunci per la sua attrezzatura.

Riflettendo sulla sua vittoria all’evento Mr. America, tenutosi alla Brooklyn Academy of Music, Mr. Draper ha scritto di essere orgoglioso di essere un “originale per la costruzione dei muscoli”.

“Ho inventato, improvvisato e radicato, insieme a una piccola banda di ribelli disconnessi con una causa: costruire muscoli e forza solidi attraverso l’austero e duro lavoro dell’amore – il sollevamento del ferro”, ha scritto in una colonna inclusa in “Uno sguardo nella vista posteriore”.

Nel 1972 il signor Draper ha citato in giudizio il signor Weider per non averlo pagato per la sua approvazione dei prodotti per la palestra e il bodybuilding del signor Weider. Si stabilì per $ 17.500 prima che la giuria emettesse un verdetto.

Il signor Draper non ha smesso di sollevare pesi fino a un anno prima di morire.

Una volta sobrio, è stato assunto come programmatore speciale in una palestra a Santa Cruz. Ha sposato Laree Setterlund nel 1988 e ha aperto con lei due World Gym negli anni ’90, che possedevano e gestivano negli anni 2000.

Oltre a sua moglie, lascia le sue sorelle, Dana Harrison e Carla Scott; i suoi fratelli, Don e Jerry; due nipoti; e una pronipote. Sua figlia, Jamie Johnson, è morta nel 2016. Il suo matrimonio con Penny Koenemund è finito con un divorzio.

In una colonna, il signor Draper ha contemplato come sarebbe stata la sua vita senza sollevamento pesi. Il pensiero, disse, era insopportabile.

“Niente set? Niente ripetizioni? Nessuna astuta determinazione su come bombardare i deltoidi o far esplodere i bicipiti?” scrisse. “Giorni senza inseguire il dolore estremo attraverso il massimo sforzo muscolare?” Ha aggiunto: “Tutto il corpo, piena forza, pieno respiro e appagamento sono perduti, andati, non più: nemmeno un residuo da ricordare, deludere o vergognare. Colpiscimi!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.