Betlemme riprende le celebrazioni natalizie tra i cordoli del COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Le celebrazioni natalizie nella città dove è nato Gesù Cristo erano state annullate lo scorso anno a causa del blocco del coronavirus.

Le celebrazioni natalizie sono riprese quest’anno nella città biblica di Betlemme, sebbene smorzate dalle restrizioni per prevenire la diffusione della pandemia di coronavirus.

Betlemme è tornata alle tradizionali parate della banda musicale e alle celebrazioni di strada, con bande di scout che suonavano tamburi e sventolavano bandiere in Piazza della Mangiatoia.

Nella chiesa della Natività, che ospita la grotta dove nacque Gesù, era prevista anche una messa di mezzanotte celebrata dal patriarca latino Pierbattista Pizzaballa, il massimo sacerdote cattolico romano in Terra Santa.

Quando venerdì ha lasciato Gerusalemme per Betlemme, Pizzaballa ha detto che sperava che la pandemia si placasse.

“Abbiamo bisogno di pellegrini che ci portino la vita nelle nostre comunità”, ha detto. “Dobbiamo trovare questo equilibrio e stiamo tutti lavorando per questo perché è molto triste vedere la Città Vecchia [of Jerusalem] quasi vuoto.”

Il sindaco di Betlemme, Anton Salman, si è detto ottimista sul fatto che le celebrazioni del 2021 sarebbero state migliori del Natale dell’anno scorso, quando anche i residenti locali sono rimasti a casa a causa delle restrizioni di blocco.

“L’anno scorso, il nostro festival era virtuale, ma quest’anno sarà faccia a faccia con la partecipazione popolare”, ha detto Salman.

La città biblica di Betlemme si sta preparando per la sua seconda vigilia di Natale consecutiva colpita dal coronavirus [Mahmoud Illean/AP Photo]

Il divieto di quasi tutto il traffico aereo in arrivo da parte di Israele, tuttavia, ha tenuto lontani i turisti internazionali per il secondo anno consecutivo. Il divieto ha lo scopo di rallentare la diffusione della variante altamente contagiosa di Omicron, che ha scosso le celebrazioni natalizie in tutto il mondo.

Israele ha revocato un anno e mezzo di divieto che aveva tenuto fuori la maggior parte dei turisti stranieri a novembre, ma è stato costretto a reintrodurlo dopo solo poche settimane quando la variante Omicron ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo.

Il turismo è una delle principali linee di vita per l’economia di Betlemme e la mancanza di visitatori ha colpito particolarmente duramente i residenti.

Ibrahim Salameh, una guida turistica locale, ha detto ad Al Jazeera di essere disoccupato negli ultimi due anni.

“Abbiamo perso la fiducia nell’industria del turismo, nessuno ha abbastanza fiducia per rimanere”, ha detto Salameh, aggiungendo che molti conoscenti nell’industria del turismo si erano dimessi a favore di altri settori, tra cui l’agricoltura.

Salameh si è detto “fortunato” ad avere un tour all’inizio di novembre, nel breve lasso di tempo in cui Israele ha permesso la ripresa del turismo. “Abbiamo appena ricominciato a respirare un po’, e poi tutto è sparito”.

Ha aggiunto che, mentre la folla raccolta nella piazza principale era forse un decimo di quella di un tempo, la celebrazione del Natale quest’anno sembrava più vivace rispetto al 2020, quando i negozi e i locali erano rimasti chiusi.

“Questo mi dà un po’ di speranza che le cose miglioreranno”, ha detto Salameh.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.