Dov’è Spotify HiFi? – Il Verge

Il 2021 sarà stato l’anno in cui Apple ha finalmente abbracciato lo streaming di musica senza perdita di dati e i prezzi per l’ascolto hi-fi sono scesi su Amazon e Tidal. Ma il più grande servizio di musica in abbonamento di tutti, Spotify, sembra probabile che manchi il suo obiettivo originale di lanciare un piano di streaming di qualità superiore.

Spotify HiFi, annunciato per la prima volta a febbraio, deve ancora essere lanciato nonostante le prime stime della società secondo cui avrebbe debuttato “più tardi quest’anno”. Al tempo, Spotify ha affermato che l’HiFi sarà disponibile in mercati selezionati e che la società “avrebbe presto maggiori dettagli da condividere”.

Nei successivi 10 mesi, quei dettagli non sono mai arrivati.

Nel frattempo, i concorrenti di Spotify non hanno aspettato. Apple Music ha lanciato la riproduzione senza perdita di dati e ad alta risoluzione a giugno, offrendo una qualità audio migliorata senza costi aggiuntivi. Prima di quel cambiamento, servizi come Amazon Music Unlimited e Tidal chiedevano un premio aggiuntivo per la funzione. Ma lo stesso giorno in cui Apple ha annunciato i suoi piani per lo streaming senza perdite, Amazon ha detto che avrebbe abbandonato il prezzo di abbonamento più alto e avrebbe incluso la qualità HD come parte del normale piano premium. Ora è ufficialmente il tavolo delle puntate.

Ci sono stati segnali occasionali di Spotify HiFi durante tutto l’anno; un pulsante “HiFi” potrebbe (molto brevemente) essere individuato nell’app a maggio, completo di spiegazioni sull’utilizzo della funzione. E un video di onboarding per HiFi è trapelato ad agosto.

Mentre il 2021 si estendeva, Spotify aveva molto da dire sui podcast, ma non parlava di HiFi e rifiutava commenti ogni volta che Il Verge chiesto il suo stato. A parte una sorpresa natalizia dell’ultimo minuto, sembra che aspetteremo fino al 2022 per Spotify HiFi. Le piattaforme molto popolari tendono ad evitare di lanciare nuove importanti funzionalità alla fine dell’anno.

È possibile che Spotify abbia avuto dei ripensamenti sul lancio della funzione, o almeno non abbia più fretta di consegnarla. Si potrebbe obiettare che l’azienda non ha bisogno di preoccuparsi affatto dell’HiFi. Spotify gode già di una forte condivisione mentale con i consumatori per i suoi algoritmi di playlist e l’esperienza utente; la recente ondata di post di Spotify Wrapped sui social media ne è stato un altro nuovo promemoria.

Inoltre, non ci sono più incentivi finanziari. Apple ha essenzialmente costretto la mano di Spotify a offrire streaming di qualità CD senza strappare più soldi ai clienti. E se non contribuisce alla linea di fondo, qual è il punto? C’è anche la possibilità che Spotify si sia imbattuto in un pantano legale nel tentativo di aggiornare le sue offerte musicali per l’HiFi.

La musica senza perdita di dati è fondamentalmente una caratteristica di nicchia che è in contrasto con il modo in cui la musica viene spesso consumata in questi giorni. In un mondo di cuffie e auricolari Bluetooth, Apple e Amazon sono molto più interessati a promuovere l’audio spaziale Dolby Atmos rispetto ai flussi a bitrate più elevato che brillano solo su dispositivi costosi. Anche allora, alcune persone non riescono a distinguerlo dalla qualità standard e con perdite che hanno ascoltato per anni. Spotify deve ancora confermare se offrirà tracce Atmos o anche audio ad alta risoluzione che supera i 16 bit/44,1 kHz.

Personalmente, spero ancora che Spotify HiFi alla fine venga lanciato. Esiste un significativo ecosistema di hardware per altoparlanti compatibile con Spotify Connect, che rende più facile e conveniente godersi la fedeltà extra. E mentre avanziamo ulteriormente nell’era dello streaming, sembra che l’opzione per ascoltare la musica a una qualità superiore Dovrebbe esserci per chi lo desidera.

Il Verge ha contattato Spotify per un aggiornamento su come stanno le cose con l’HiFi alla fine del 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.