Che cos’è un fallo nel basket? È sempre in evoluzione


Per gran parte del 20 ° secolo, il basket ha favorito i giocatori più alti, che hanno fatto la maggior parte dei loro punteggi nella vernice. Ai difensori è stato permesso di effettuare il check manuale, di usare le mani per rallentare la guida degli avversari. Questo metteva le guardie, che in genere erano i giocatori più bassi, in svantaggio. Ma i Chicago Bulls degli anni ’90, guidati da Michael Jordan e Scottie Pippen sul perimetro, hanno cambiato i calcoli per l’NBA

Nel 1994, Jordan e Pippen avevano vinto tre campionati insieme, ma Jordan si era ritirato e la lega stava cercando una nuova stella perimetrale per riempire il vuoto. L’NBA ha incaricato i funzionari di iniziare a chiamare falli per la maggior parte dei tipi di controlli manuali sul perimetro, il che renderebbe più facile per le guardie segnare.

“In attacco, sarà fantastico”, Pippen disse al tempo. “Ma in fase difensiva, ci vorrà un po’ di tempo per abituarsi. Non è che lo faccia necessariamente molto, è solo qualcosa che se l’hai fatto per così tanto tempo, sarà difficile ricordare di non farlo.

Il suo compagno di squadra Steve Kerr ha aggiunto: “Non so come qualcuno farà a proteggere ragazzi come Kevin Johnson o Tim Hardaway”, riferendosi a Johnson dei Phoenix Suns e Hardaway dei Golden State Warriors, due delle migliori guardie della lega.

L’applicazione da parte della NBA dei falli di controllo manuale era incoerente. Vari livelli di utilizzo della mano difensiva furono consentiti fino alla stagione 2004-5, quando la lega proibì quasi tutti i contatti restrittivi con l’attaccante.

“Era diventato così diffuso in campionato che non potevi più funzionare con la palla”, ha detto McCutchen.

Il punteggio è passato da 93,4 punti a partita nella stagione 2003-4 a 97,2 nel 2004-5, probabilmente il risultato della maggiore enfasi sul controllo manuale e di altre modifiche alle regole che facevano parte di un continuo spostamento verso i giocatori offensivi. L’applicazione più rigorosa dei falli a controllo manuale ha aperto la porta a giocatori come Stephen Curry di Golden State per diventare in seguito dominanti dalla distanza da 3 punti e nella guida verso il canestro.

Lo stile meno fisico ha avuto i suoi critici, come Metta Sandiford-Artest, che per quasi due decenni è stato uno dei migliori e più fisici difensori della NBA

“Se eri grande e forte, stavano cercando di togliere il fatto che qualcuno potesse mostrare quanto sono più grandi e più forti”, ha detto Sandiford-Artest, che era conosciuto come Ron Artest e Metta World Peace durante la sua carriera. “Così hanno fatto andare tutte le regole contro il giocatore grande e forte e si sono occupati del giocatore più piccolo e più veloce. Mi sembrava che le regole fossero sbilanciate. Perché ora puoi colpire Shaq o LeBron, ma loro non possono risponderti”.

Non che la regola lo abbia influenzato: “Sono un difensore d’élite, quindi non potrebbe davvero cambiare il modo in cui gioco”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.