Jonathan Taylor non vincerà MVP. Ma il suo valore è innegabile.


La ricerca di Jonathan Taylor dei running back degli Indianapolis Colts per vincere il Most Valuable Player Award della NFL potrebbe essere destinata al fallimento a causa della semantica.

Taylor guida la NFL con 1.518 yard su corsa, 1.854 yard di scrimmage e 19 touchdown su corsa e ricezione. Nessun altro giocatore si trova a meno di 424 yard corse o 370 yard di scrimmage da lui, il che dà a Taylor un vantaggio di tre game sui suoi pari. Taylor corse per 170 yard e un touchdown contro l’apparentemente inespugnabile difesa dei New England Patriots nella vittoria per 27-17 nella settimana 15, che spostò i Colts verso la parte anteriore della caccia alle wild card dell’AFC.

Taylor, i cui Colts affronteranno gli Arizona Cardinals sabato sera in un match con conseguenze playoff per entrambe le squadre, è il giocatore più eccezionale della NFL. È sicuramente tra i giocatori più importanti e produttivi del campionato. Eppure non è il più forte del campionato prezioso giocatore.

Quando si tratta di “valore”, i quarterback sono una casta separata. La maggior parte dei modelli analitici suggerisce che anche i normali quarterback aggiungono più valore quantificabile alle loro squadre in termini di yard, punti e vittorie rispetto ai giocatori più spettacolari in qualsiasi altra posizione.

Per Football Outsiders, ad esempio, la fretta di Taylor ha ha aggiunto 479 yard all’attacco dei Colts questa stagione che un “livello di sostituzione” che esegue backback (un backup tipico) non è stato in grado di replicare. Questa è la cifra più alta del campionato tra i running back. Ma 12 quarterback aggiungere più di 479 yarde ai loro reati di quanto potesse fare il sostituto tipico, da Tom Brady a passanti minori come Jimmy Garoppolo e Teddy Bridgewater. I migliori quarterback aggiungono oltre 1.000 yard all’anno ai loro reati che le sostituzioni non potrebbero replicare, una cifra che nessun running back si avvicina. Altri modelli producono risultati simili.

Se non credi alle analisi, fidati della semplice economia: quindici quarterback guadagnano più di $ 20 milioni all’anno. Nessun running back guadagna così tanto.

Gli elettori dei premi hanno deciso molti anni fa che gli onori di MVP dovrebbero essere quasi limitati ai quarterback: l’ultimo giocatore in qualsiasi altra posizione a vincere il premio è stato Adrian Peterson quando si è precipitato per 2.097 yard nel 2012. Gli handicappati sono ben consapevoli delle preferenze degli elettori: Taylor sta guadagnando quota +1000 per guadagnare il titolo di MVP, ben dietro Aaron Rodgers (+125) e Brady (+175), nessuno dei quali sta vivendo una stagione eccezionale per i propri standard.

Nonostante i suoi successi, Taylor sarà probabilmente deviato in categorie di premi meno prestigiose: Giocatore offensivo dell’anno (Taylor è il favorito -110 per questa medaglia d’argento glorificata) o i vari “Compilatore di statistiche giornalieri dell’anno presentato da BetzPuppy Online Sportsbook” -tipo trofei che la NFL distribuisce per attirare sponsor e riempire il tempo di esecuzione del loro spettacolo annuale di premiazione. (Sì, la NFL ha uno spettacolo di premi.) È molto simile a un regista che guadagna il plauso della critica e fa botteghino boffo, solo per essere snobbato per il miglior film e costretto ad accontentarsi della migliore sceneggiatura adattata da un parco a tema.

L’argomento MVP di Taylor è ostacolato dal fatto che i tradizionalisti, gli esperti di analisi e gli elettori dei premi concordano sul fatto che ciò che sembra un eccezionale running back è spesso il risultato di un’eccellente parata o semplicemente il residuo statistico di un efficiente attacco complessivo. Taylor infatti corre dietro una linea eccezionale di Colts, guidata dalla tre volte All-Pro guard Quenton Nelson. Ad esempio, durante il touchdown run di Taylor da 67 yard nel quarto trimestre per suggellare la vittoria di sabato, Nelson e i suoi compagni di linea hanno abbattuto la difesa dei Patriots fino a quando non è stata perpendicolare alla linea di scrimmage, delimitando un percorso tra Taylor e la end zone.

L’argomento secondo cui Taylor sta beneficiando del gioco per un colosso offensivo a tutto tondo, tuttavia, si sfalda rapidamente.

Il quarterback dei Colts Carson Wentz, una volta una delle stelle nascenti della lega, sta uscendo da tre stagioni consecutive deludenti. I Colts hanno acquisito Wentz in uno scambio di febbraio come una sorta di programma di trasferimento dei testimoni per proteggerlo dai furiosi fan dei Philadelphia Eagles. Wentz ha gli strumenti di un quarterback in franchising ma si è guadagnato la reputazione di commettere errori gravi: la pala passa direttamente ai difensori, con la mano sinistra si getta nel traffico dalla propria end zone, e così via. L’allenatore dei Colts Frank Reich mantiene quindi i suoi piani di gioco piuttosto conservatori. Wentz ha effettuato solo 12 passaggi nella vittoria di sabato sui Patriots, completandone cinque, incluso un touchdown su un gioco di gadget che ha viaggiato per circa un braccio in aria. Ha anche lanciato un’intercettazione. Taylor ha corso più spesso di quanto Wentz abbia lanciato tre volte nelle ultime quattro settimane.

Taylor ha anche il compito di produrre le grandi giocate che la maggior parte delle squadre cerca di generare attraverso il gioco di passaggio. Taylor guida la NFL con 11 corse per oltre 20 iarde e quattro corse di oltre 40 iarde. Trasformò anche uno screen pass in un touchdown da 76 yard, il gioco di passaggi più lungo dell’anno per i Colts. Sports Info Solutions attribuisce a Taylor il merito di aver forzato 41 tackle mancati o rotti, la cifra più alta della lega. Il successo di Taylor non è un prodotto del sistema Colts; il successo dei Colts è (in gran parte) un prodotto di Taylor.

Quindi cosa deve fare un running back per vincere un premio MVP in questi giorni? La domanda più appropriata è cosa devono fare i quarterback della lega non vincere il premio. I Tampa Bay Buccaneers di Brady sono stati esclusi dai New Orleans Saints domenica sera. Rodgers è sempre a un podcast di distanza dal far sì che gli elettori considerino fortemente le loro alternative. Altri contendenti come Matthew Stafford e Patrick Mahomes stanno vivendo stagioni alterne. Se il ballottaggio del quarterback viene diviso tra tre o quattro candidati insignificanti, e se Taylor scappa con i titoli su corsa e touchdown mentre trascina i Colts ai playoff, allora forse ha una possibilità.

C’è un’altra possibilità. Gli elettori potrebbero smettere di pensare come etimologi che analizzano l’origine della parola “valore” e riconoscere che Taylor è stato il giocatore più affidabile e univocamente significativo della NFL nel 2021, e che il mancato riconoscimento di tali risultati lo renderebbe il giocatore più sottovalutato di quest’anno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.