Corpi trovati dopo un raid aereo militare a Magway in Myanmar: rapporto | Notizie sui rifugiati


Due delle nove vittime trovate erano membri di una forza di autodifesa anti-golpe, mentre il resto erano civili, compresi i bambini.

I corpi di almeno nove persone sono stati trovati nella regione centrale del Myanmar a seguito di un sospetto raid aereo delle forze militari, secondo un rapporto di notizie, aggiungendo che la maggior parte delle vittime erano civili, compresi due bambini.

Il sito web di notizie Myanmar Now ha riferito martedì che i corpi sono stati scoperti dai membri di una squadra di ricerca e soccorso che ha raggiunto la periferia del villaggio di Hnan Khar nella cittadina di Gangaw nella regione di Magway dopo l’attacco.

Solo due delle vittime erano membri di una forza di autodifesa anti-golpe, mentre il resto erano abitanti del villaggio, aggiunge il rapporto.

La notizia della scoperta arriva quando i residenti nella zona e un portavoce delle milizie anti-golpe hanno detto all’agenzia di stampa AFP che le truppe militari hanno schierato almeno un elicottero per effettuare un raid aereo mentre il governo militare lotta per spezzare la resistenza al colpo di stato.

Myanmar Now, tuttavia, ha affermato che ben tre elicotteri sono stati responsabili del micidiale raid aereo.

Un altro locale ha detto all’AFP che i militari hanno utilizzato cinque elicotteri nell’attacco e che le truppe avevano sparato dal cielo sul villaggio di circa 6.000 persone.

Le milizie anti-golpe sono sorte in tutto il Myanmar per contrattaccare dopo il golpe di febbraio; il governo militare ha risposto con un giro di vite sul dissenso che secondo un gruppo di monitoraggio locale ha ucciso più di 1.300 persone.

Queste “forze di difesa popolare” (PDF) hanno sorpreso l’esercito con la loro efficacia, hanno detto gli analisti all’AFP, trascinando le forze del generale Min Aung Hlaing in una situazione di stallo sanguinoso.

“Credibile e disgustoso”

Venerdì, le truppe militari hanno lanciato per la prima volta un raid su una riunione PDF nella vicina regione centrale di Sagaing, a Magway, utilizzando elicotteri e caccia a reazione, hanno detto i residenti all’AFP.

Il portavoce militare Zaw Min Tun ha confermato che i militari hanno utilizzato elicotteri in un raid, senza dire come sono stati utilizzati.

Ha detto di non avere cifre sulle vittime.

L’esercito in genere richiede elicotteri e attacchi aerei quando le truppe di terra hanno lottato, hanno detto gli analisti.

A maggio, il Kachin Independence Army, un gruppo etnico ribelle nell’estremo nord del Paese, ha dichiarato di aver abbattuto un elicottero militare da combattimento durante feroci scontri vicino alla città di Momauk.

All’inizio di questo mese, gli Stati Uniti e le Nazioni Unite hanno condannato i militari per quelli che Washington ha descritto come rapporti “credibili e disgustosi” sull’uccisione di 11 abitanti del villaggio, compresi i bambini.

Le dichiarazioni sono arrivate quando i media locali e i residenti hanno affermato che i soldati hanno sequestrato 11 persone dal villaggio di Dontaw nella regione di Sagaing a seguito di attentati dinamitardi e mine contro un convoglio militare il giorno prima.

I militari hanno respinto le affermazioni come false.

Separatamente, i militari sono anche impegnati in un conflitto armato in corso con la Karen National Union (KNU), un gruppo ribelle che si oppone al colpo di stato nello stato di Karen.

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR, i combattimenti hanno costretto oltre 3.900 rifugiati del Myanmar ad attraversare il confine con la Thailandia.

Lunedì l’UNHCR ha chiesto alla Thailandia di consentire loro un “accesso urgente” ai rifugiati.

Si ritiene inoltre che migliaia di rifugiati siano bloccati sul lato del confine con il Myanmar e martedì la KNU ha avvertito in una dichiarazione che i militari potrebbero anche prendere di mira quei civili con attacchi aerei.

La KNU chiede al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di convocare una riunione di emergenza e identificare una “no-fly zone” per proteggere i civili.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.