Il marchio di motociclette elettriche di Harley-Davidson LiveWire si fonde con una SPAC per diventare pubblico

LiveWire, la società di motociclette elettriche nata da Harley-Davidson, sta per diventare pubblica fondendosi con una società di acquisizione speciale, o SPAC. La transazione porterà a LiveWire circa $ 545 milioni con un valore aziendale pro forma di circa $ 1,77 miliardi, afferma Harley-Davidson nel suo annuncio. LiveWire è l’ultima azienda di veicoli elettrici ad essere quotata in borsa fondendosi con una SPAC, nota anche come società di “assegno in bianco”.

LiveWire si sta fondendo con AEA-Bridges Impact Corp. (ABIC), una SPAC formata da John Garcia e Michele Giddens, due dirigenti di private equity con sede rispettivamente a New York e Londra. Garcia e Giddens hanno collaborato l’anno scorso con il preciso scopo di fondersi con un’azienda che sta lavorando per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, secondo Reuters.

Insolitamente, c’è un terzo partner nell’accordo: Kymco, il produttore di scooter con sede a Taiwan. Harley-Davidson descrive Kymco come un “partner strategico” che aiuterà a produrre e distribuire la moto elettrica di LiveWire.

L’accordo sarà finanziato da “400 milioni di dollari in contanti di ABIC detenuti in un fondo fiduciario, un investimento di 100 milioni di dollari da Harley-Davidson e un investimento di 100 milioni di dollari da KYMCO, attraverso un PIPE (investimento privato in azioni pubbliche)” il comunicato stampa afferma. Quando l’operazione si chiude, le azioni di LiveWire saranno quotate alla Borsa di New York con il simbolo “LVW”.

All’inizio di quest’anno, Harley-Davidson ha deciso di trasformare LiveWire nel proprio marchio, con l’obiettivo di lanciare più motociclette elettriche sotto la targa. Il primo prodotto di questo sforzo è LiveWire One, una moto elettrica da $ 21.999 con circa 145 miglia di autonomia (a seconda del tipo di guida).

È una mossa simile a come l’azienda di 118 anni si è avvicinata al suo nuovo marchio di e-bike, Serial 1. L’idea è che LiveWire continui a beneficiare della sua relazione con la sua società madre, forgiando anche la propria identità di marchio che è distinta da Harley Davidson. La società ha telegrafato questa mossa nel suo Piano strategico cablato per rinvigorire le sue vendite in calo nei prossimi cinque anni. Questa divisione dedicata sarebbe “concentrata esclusivamente sulla guida del futuro delle moto elettriche”, ha affermato la società nel suo piano.

Secondo Harley-Davidson:

LiveWire prevede di ridefinire il motociclismo come azienda leader nel settore delle moto completamente elettriche, con un focus sul mercato urbano e oltre. Come marchio forte e desiderabile con un crescente riconoscimento globale, LiveWire prevede di sviluppare la tecnologia del futuro e di investire nelle capacità necessarie per guidare la trasformazione del motociclismo. LiveWire attingerà al suo DNA di agile disgregatore dal lignaggio di Harley-Davidson, capitalizzando un decennio di apprendimenti nel settore dei veicoli elettrici e l’eredità iconica del marchio di motociclette più desiderabile al mondo.

LiveWire è l’ultima di una gamma in crescita di startup di veicoli elettrici, società di veicoli autonomi e fornitori automobilistici a diventare pubbliche fondendosi con società “assegno in bianco”, che sono veicoli di investimento quotati in borsa.

Ci sono stati alcuni successi, come il mega-SPAC di Lucid Motors che ha valutato la società di veicoli elettrici di lusso a $ 20 miliardi. Ma ci sono stati anche alcuni flop evidenti. Lordstown, Canoo e Nikola sono tra le aziende di veicoli elettrici che hanno subito alcuni dossi dopo essere diventate pubbliche. (Anche Lucid è ora sotto indagine della SEC.) C’è la sensazione che, affrettandosi a trarre vantaggio dal boom della SPAC, queste startup siano state lasciate a far fronte alle richieste di essere quotate in una delle principali borse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.