Senza un accordo di scadenza, inizia il blocco di MLB


La MLB ha affermato di voler anche migliorare l’equilibrio competitivo tra le squadre, ma ha proposto modi diversi per farlo rispetto al sindacato. Tra le sue proposte, alcune delle quali sono state respinte dal sindacato: un format di lotteria in stile NBA per le prime tre scelte del draft che potrebbe aiutare a prevenire il cosiddetto tanking, un piano paghe del club ($ 100 milioni) insieme a un lusso inferiore soglia fiscale ($ 180 milioni) – o aumenti più modesti della soglia della tassa sul lusso (a partire da $ 214 milioni) senza un piano ma con tassi più ripidi per il superamento, la revisione del sistema di arbitrato salariale, aumenti più piccoli ai salari minimi della lega, rendendo la libera agenzia in base all’età e ampliando i playoff (da 10 a 14 squadre), che porterebbe a maggiori entrate.

Nelle recenti proposte, la MLB ha mostrato la volontà di sbarazzarsi del sistema di offerta di qualificazione, che attribuisce le scelte al draft ad alcuni giocatori free agent, mentre i giocatori hanno offerto una postseason estesa a 12 squadre.

Mercoledì pomeriggio all’hotel dei giocatori, Andrew Miller, un importante rappresentante sindacale che quest’anno ha lanciato per i St. Louis Cardinals, e Meyer se ne sono andati con Dick Monfort, il proprietario dei Colorado Rockies e il presidente del comitato del lavoro della lega; Dan Halem, negoziatore capo della MLB; e Patrick Houlihan, vice consigliere generale della MLB. Sette minuti dopo, i funzionari della MLB sono tornati, hanno raccolto le loro cose e se ne sono andati.

Ai giocatori è stato quindi detto che non erano previsti altri incontri con la MLB per il resto della giornata. Circa nove ore dopo, MLB ha implementato il blocco.

“Rimaniamo determinati a tornare in campo secondo i termini di un contratto collettivo negoziato che sia equo per tutte le parti”, ha affermato il sindacato, “e fornisca ai fan la migliore versione del gioco che tutti amiamo”.

Manfred ha aggiunto: “Oggi è un giorno difficile per il baseball, ma come ho detto tutto l’anno, c’è un percorso per un accordo equo e lo troveremo. Non ho dubbi che il campionato e i giocatori condividano un apprezzamento fondamentale per questo gioco e un impegno nei confronti dei suoi tifosi. Rimango ottimista sul fatto che entrambe le parti coglieranno l’opportunità di lavorare insieme per far crescere, proteggere e rafforzare il gioco che amiamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *