L’ipocrisia di Emmerson Mnangagwa | Diritti umani


Da quando è diventato presidente dello Zimbabwe nel novembre 2017, nonostante abbia ripetutamente aderito a parole alle richieste di riforma democratica, Emmerson Mnangagwa ha fatto poco per promuovere i diritti umani e le libertà democratiche nel paese. Invece, il suo governo ha intensificato le lotte economiche dello Zimbabwe, ha permesso la corruzione endemica, ha alimentato l’instabilità e ha preso di mira figure dell’opposizione, attivisti per i diritti e giornalisti per incutere paura in una popolazione irrequieta.

Questo è il motivo per cui sono rimasto scioccato e arrabbiato nel vederlo affermare in un articolo del 14 novembre per Al Jazeera che le sanzioni dell’UE e degli Stati Uniti sullo Zimbabwe sono i principali ostacoli di fronte all’agenda progressista del suo governo.

Nell’articolo, con il pretesto di esprimere l’intento dello Zimbabwe di affrontare il cambiamento climatico, Mnangagwa ha dipinto un quadro impressionante delle azioni e delle intenzioni del suo governo, affermando che il suo governo ha in programma di rendere lo Zimbabwe “un paese a reddito medio entro la fine di questo decennio, aiutando migliaia di persone dalla povertà, stimolando l’innovazione e consentendo ancora una volta allo Zimbabwe di svolgere un ruolo di primo piano nel continente africano”. Ha proseguito affermando che il suo governo ha già compiuto grandi progressi da quando è salito al potere “e ha affrontato molte delle riforme che ci sono state chieste, compresa la fornitura di un risarcimento ai proprietari terrieri a cui sono state espropriate le loro proprietà negli anni 2000 e la lotta alla corruzione”.

Ma c’è un ampio divario tra questa retorica progressista e la realtà sul campo.

Sotto la guida di Mnangagwa, la corruzione è emersa ancora una volta come uno dei principali ostacoli alla stabilità economica e al progresso democratico nello Zimbabwe. A febbraio, il Daily Maverick ha pubblicato un rapporto esplosivo che accusava il presidente di consentire la corruzione e la cattura dello stato per guadagno finanziario e politico. “Tra l’altro, le transazioni finanziarie transfrontaliere illecite costano allo Zimbabwe fino a $ 3 miliardi all’anno e miliardi in oro e diamanti contrabbandati fuori dal paese”, afferma il rapporto. “Si stima che lo Zimbabwe potrebbe perdere fino alla metà del valore del suo PIL annuale di 21,4 miliardi di dollari a causa di attività economiche corrotte”. Il rapporto ha concluso che “cartelli” politicamente collegati stanno perpetrando queste attività illecite e che il presidente Mnangagwa, nonostante la sua posizione pubblica anticorruzione, è “uno dei capi del cartello il cui patrocinio e protezione mantengono operativi i cartelli”.

Ci sono anche ampie prove che, nonostante pubblicizzi costantemente il suo sostegno agli agricoltori indigeni neri, il governo di Mnangagwa non sta facendo molto per proteggerli. In effetti, lo stato dello Zimbabwe continua ad impossessarsi impunemente di terreni agricoli di proprietà degli indigeni neri fino ad oggi. A marzo, ad esempio, il governo ha approvato lo sgombero di oltre 13.000 persone di Shangaan dalle loro terre ancestrali nel distretto di Chiredzi per aprire la strada alla coltivazione dell’erba medica. Le obiezioni degli abitanti del villaggio, sostenute da molte organizzazioni per i diritti umani locali e internazionali, sono cadute nel vuoto.

Tutto sommato, contrariamente al quadro dipinto da Mnangagwa nel suo articolo per Al Jazeera, il più grande impedimento agli zimbabwesi di esercitare i loro diritti umani fondamentali non sono le sanzioni straniere, ma le azioni dello stesso Mnangagwa e del suo partito al governo ZANU-PF.

In effetti, da quando ha assunto la presidenza, l’insensibile disprezzo di Mnangagwa per la democrazia e i diritti umani ha raggiunto livelli tali che molti cittadini dello Zimbabwe hanno nostalgia del suo predecessore Robert Mugabe, che ha governato il paese con fervore per 37 anni.

Ad esempio, nell’agosto 2018, i soldati e la polizia dello Zimbabwe, schierati sotto gli ordini “verbali” di Mnangagwa, hanno ucciso sei civili disarmati durante le proteste post-elettorali. Il governo ha rapidamente istituito una commissione d’inchiesta internazionale, guidata dall’ex presidente sudafricano Kgalema Motlanthe, per indagare sull’incidente nel tentativo di dimostrare il proprio impegno per i diritti umani e la giustizia.

La commissione ha concluso i suoi lavori nel dicembre 2018, rilevando che gli ufficiali hanno usato la forza “ingiustificata e sproporzionata” contro i manifestanti e ha raccomandato che i soldati e la polizia responsabili delle uccisioni fossero disciplinati. Tuttavia, fino ad oggi, nessun ufficiale di polizia o dell’esercito junior o senior è stato accusato o rimproverato per queste uccisioni.

Peggio ancora, il governo ha ignorato molte delle nobili raccomandazioni della Commissione Motlanthe. Le famiglie delle vittime e le persone che hanno subito lesioni fisiche non sono state risarcite. Le leggi relative all’incitamento all’odio, all’abuso del cyberspazio e all’incitamento alla violenza, che il governo usa abitualmente per intimidire e arrestare attivisti democratici come Hopewell Chin’ono, Makomborero Haruzivishe e Job Sikhala, non sono state riviste. E non sono state apportate modifiche alla legge elettorale dalle elezioni generali del 2018.

Non sorprende che le uccisioni autorizzate dallo stato non siano finite dopo questo capitolo oscuro nel 2018. Come riportato da Human Rights Watch, le forze di sicurezza dello Zimbabwe hanno ucciso 17 persone e violentato 17 donne durante le proteste contro un aumento del 150 per cento dei prezzi del carburante nel gennaio 2019. A All’epoca, il portavoce di Mnangagwa, George Charamba, ha cercato di giustificare le morti e ha persino detto al quotidiano Sunday Mail controllato dallo stato che “la risposta finora è solo un assaggio delle cose a venire”.

Purtroppo, Charamba ha avuto ragione molte volte negli ultimi due anni.

Nel maggio 2020, secondo quanto riferito, due attiviste del partito di opposizione MDC e un membro del parlamento sono state rapite, torturate e aggredite sessualmente da agenti della sicurezza dello stato. Ciò ha spinto gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite a chiedere ad Harare “di porre immediatamente fine a un modello segnalato di sparizioni e torture che sembrano mirate a sopprimere proteste e dissenso”. Com’era prevedibile, l’amministrazione di Mnangagwa ha ignorato quella richiesta.

Nell’agosto 2020, agenti statali hanno rapito sospetti attivisti e arrestato i legislatori dell’opposizione alla vigilia delle proteste pianificate contro la corruzione del governo. La studentessa ventiduenne Tawanda Muchehiwa, che è stata rapita da un negozio di ferramenta da circa 15 uomini in borghese, per esempio, è stata torturata per due giorni e ha riportato ferite che gli hanno cambiato la vita. Il governo non ha intrapreso alcuna azione per assicurare alla giustizia i responsabili di tali rapimenti o rispondere a qualsiasi domanda sul presunto ruolo svolto dallo stato in questi crimini.

Quindi, sì, è lodevole che Mnangagwa si impegni ad “affrontare il cambiamento climatico” e a “ridurre le emissioni del 40% prima del 2030”, ma non dovremmo accettare la sua affermazione che sta lavorando per promuovere la democrazia e i diritti umani nel paese di fronte valore.

Oggi, gli abitanti dello Zimbabwe stanno lottando con le devastanti conseguenze non solo del cambiamento climatico, ma anche della cattiva gestione economica, della corruzione e della repressione politica, di cui Mnangagwa è responsabile. Pertanto, al presidente non dovrebbe essere permesso di “inverdire” le azioni dannose del suo governo o incolpare tutto ciò che è ancora sbagliato nel paese con le sanzioni dell’UE e degli Stati Uniti.

Sanzioni economiche e politiche sono state imposte allo Zimbabwe all’inizio degli anni 2000 in reazione alle diffuse violazioni dei diritti umani e all’illegalità autorizzate dal governo ZANU-PF dell’epoca. Purtroppo, oggi è in carica un nuovo governo ZANU-PF, ma gli abitanti dello Zimbabwe continuano a subire abusi simili.

L’11 ottobre un convoglio che trasportava il leader dell’opposizione Nelson Chamisa è stato attaccato da sospetti sostenitori del partito al governo. Chamisa non è stato ferito, ma i suoi agenti di protezione ravvicinata hanno riportato ferite. Sebbene un simile attacco a un politico dell’opposizione non fosse fuori dall’ordinario per lo ZANU-PF e i suoi sostenitori, ha inviato un messaggio chiaro al mondo: il futuro della democrazia dello Zimbabwe è ancora incerto. In effetti, ci sono timori ben riposti che lo Zimbabwe sperimenterà un altro attacco di repressione orchestrata dal governo in vista delle elezioni del 2023. E ci sono tutte le possibilità che un’elezione contestata possa provocare un ulteriore isolamento per una nazione devastata da estrema disoccupazione, povertà e instabilità economica.

Prima di chiedere alla comunità internazionale di revocare le sanzioni, il governo di Mnangagwa dovrebbe iniziare a lavorare sinceramente per ripulire il suo atto, attuando ampie riforme democratiche, consentendo un ambiente politico progressista e una forte cultura dei diritti umani.

Come possiamo andare avanti se il nostro governo rimane innamorato dei modi egoistici, violenti e regressivi del passato? Possiamo solo chiedere all’Unione Africana, alla Comunità per lo Sviluppo dell’Africa australe, all’ONU e alla comunità internazionale in generale di sfidare i tentativi di Mnangagwa di rendere ecologici i crimini del suo governo e costringerlo a valutare le nostre vite e a rispettare i nostri diritti economici, democratici e umani.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.