Le Salomone colpite dalla sommossa iniziano le operazioni di pulizia con l’arrivo di altre truppe straniere | Notizie di politica


Le operazioni di pulizia sono iniziate nella capitale delle Isole Salomone, colpita dai disordini, mentre soldati e polizia provenienti dall’Australia e dalla Papua Nuova Guinea hanno contribuito a ripristinare la calma dopo diversi giorni di scontri mortali.

I residenti di Honiara hanno ripulito dalle strade vetri frantumati, macerie e immondizia domenica mentre macchinari pesanti nel quartiere duramente colpito di Chinatown spostavano le macerie dai negozi bruciati.

Cumuli di spazzatura ancora fiancheggiavano le strade del distretto, a ricordo dei saccheggi e delle rivolte scoppiate all’inizio della settimana in seguito alle proteste contro la povertà, la fame e le politiche del primo ministro Manasseh Sogavare.

“La situazione si è calmata e le persone si muovono normalmente, ma l’ambiente è ancora sconosciuto in termini di ciò che potrebbe accadere”, ha detto all’agenzia di stampa AFP Kennedy Waitara, funzionario della Croce Rossa.

Waitara ha detto che molti negozi di alimentari sono stati bruciati durante i disordini.

“Non sarà sorprendente se dovremo sperimentare la carenza di cibo e un aumento dei prezzi”, ha detto.

“La disoccupazione aumenterà sicuramente nelle prossime settimane poiché le persone saranno sicuramente senza lavoro ora e troveranno difficoltà”.

I disordini sono scoppiati mercoledì dopo che i manifestanti hanno tentato di prendere d’assalto il parlamento della nazione insulare del Pacifico, spingendo la polizia a sparare gas lacrimogeni. I manifestanti hanno poi dato fuoco agli edifici, tra cui una stazione di polizia e negozi.

Sogavare ha dichiarato un coprifuoco di 36 ore a Honiara e ha chiesto aiuto ai vicini del suo paese. Giovedì e venerdì l’Australia e la Papua Nuova Guinea hanno inviato 150 forze di pace, contribuendo a sedare i disordini nella nazione di 800.000 persone.

La polizia ha arrestato più di 100 persone e venerdì ha riportato i primi morti per i disordini. Hanno detto che i resti carbonizzati di tre persone sono stati trovati in un negozio bruciato a Chinatown e che una squadra forense stava lavorando per identificare i corpi.

Nonostante la calma inquieta, molte persone nella capitale erano troppo nervose anche per partecipare alle funzioni religiose, ha detto Nason Ta’ake, un leader giovanile della Wesley United Church di Honiara.

“Ci sono solo poche persone che frequentano le funzioni religiose poiché la maggior parte vive ancora nella paura”, ha detto Ta’ake all’AFP.

Dopo aver lasciato la chiesa, i parrocchiani hanno iniziato a perlustrare i negozi alla ricerca di cibo e beni di prima necessità, ma pochissimi erano aperti, ha detto.

Una prima stima del costo dei disordini, pubblicata questo fine settimana dalla Banca centrale delle Isole Salomone, ha affermato che 56 edifici nella capitale sono stati bruciati e saccheggiati, con molte imprese che affrontano una ripresa di oltre un anno.

La perdita per l’economia dovrebbe essere di almeno 28 milioni di dollari, con il governatore della banca che ha avvertito che i conti della nazione, che già lottano per riprendersi dalla pandemia di COVID-19, sono stati ulteriormente indeboliti dalle rivolte.

Nella vicina Australia, il primo ministro Scott Morrison ha detto che domenica arriverà più polizia federale australiana nelle Isole Salomone e ha aggiunto che si aspetta che anche le Figi contribuiscano con le sue truppe.

“Anche se le cose sono molto instabili a questo punto … sappiamo che sono in corso piani per garantire che possa esserci calma”, ha detto.

Il leader australiano ha detto che spetta alle Isole Salomone risolvere la crisi.

“Non sta a noi interferire nella loro democrazia. Non sta a noi interferire nel modo in cui risolvono questi problemi”, ha detto Morrison, affermando che le forze australiane miravano solo a fornire un ambiente sicuro affinché ciò accadesse.

Molti abitanti delle Isole Salomone credono che il loro governo sia corrotto e legato a Pechino e ad altri interessi stranieri.

Sabato i leader dell’opposizione hanno chiesto un voto di sfiducia a Sogavare.

Potrebbero non avere ancora abbastanza voti per approvare la mozione e rimuoverlo dall’incarico, ma la mossa potrebbe creare un altro punto critico.

Il leader pro-Pechino ha affermato che le potenze straniere contrarie alla sua decisione del 2019 di trasferire l’alleanza diplomatica dei Salomoni da Taiwan alla Cina erano dietro i disordini.

Ma altri hanno indicato le tensioni tra le isole e la diffusa disoccupazione tra la popolazione del paese, il 40% della quale ha meno di 14 anni.

Venerdì il governo cinese ha condannato le violenze e ha promesso di “salvaguardare la sicurezza, i diritti e gli interessi legittimi dei cittadini e delle istituzioni cinesi”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.