La strana, selvaggia e tragicamente breve vita di Anna Nicole Smith


Per dirla semplicemente, Birkhead vuole mantenere intatta la parte migliore dell’eredità di Anna Nicole per la loro figlia e proteggere Dannielynn il più umanamente possibile, non solo da un destino simile a quello di sua madre, ma dalle insidie ​​del tipo sbagliato di esposizione mediatica. .

L’eredità della cultura pop di Smith, nel frattempo, è stata ovviamente più di quella di una sorprendente modella-attrice-star dei reality che è morta troppo giovane. La sua storia ha avuto così tanti colpi di scena più strani della finzione, che si è rivelata matura per la rivisitazione, sia attraverso film per la TV come quelli del 2007 La storia di Anna Nicole Smith protagonista Willa Ford o del 2013 Anna Nicole a vita; l’opera del 2011 Anna Nicole; o il documentario del 2012 Dipendente dalla fama, con filmati inquietanti raccolti durante la realizzazione di Alieni illegali.

Ma per la maggior parte di un decennio c’era un pubblico che non aveva idea di cosa fare con Smith quando era viva, che si limitava a sedersi e guardava il suo declino, non sapendo cosa stessero guardando esattamente, e probabilmente immaginando che alla fine non accadrebbe nulla di veramente brutto. Eppure la storia di Anna Nicole Smith non ha avuto un lieto fine. Invece rimane un avvertimento che c’è sempre una persona reale dall’altra parte di quell’obiettivo.

“La cosa su Anna era… era quasi come una doppia personalità”, ha detto Birkhead. “Perché quando la telecamera andava, lei era una cosa completamente diversa… per me era più una recita che la persona reale, chi era”.

(Pubblicato originariamente martedì 28 novembre 2017, alle 5:00 PT.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *