I Mets rafforzano l’attacco con Starling Marte, Eduardo Escobar e Mark Canha


Nell’ultimo lavoro di direttore generale di Billy Eppler, con i Los Angeles Angels, il suo roster aveva alcune grandi star con contratti esorbitanti, ma non molto altro. Gli Angels sono crollati sotto quella struttura sbilenca e la mancanza di profondità ha anche ostacolato la sua nuova squadra, i Mets.

“Personalmente, questo è uno dei miei più grandi take away negli ultimi 10 anni nel baseball, è l’importanza della profondità”, ha detto di recente Eppler, quando i Mets lo hanno presentato come il loro nuovo direttore generale. “Ho anche sofferto allo stesso modo, a volte, quando questo è stato testato e non avevi posti a cui rivolgerti. Ed è solo che, francamente, non è facile eseguire un’operazione”.

Venerdì i Mets hanno evitato il mercato commerciale aggiungendo il tipo di profondità che vuole Eppler. La squadra ha accettato i termini del contratto con tre agenti liberi: l’esterno centrale Starling Marte, l’esterno/prima base Mark Canha e l’interno Eduardo Escobar. Gli accordi sono stati confermati da un funzionario del baseball a cui è stato concesso l’anonimato perché i giocatori devono passare le visite mediche per rendere ufficiali gli accordi.

Marte, 33 anni, ha raggiunto un contratto quadriennale da 78 milioni di dollari dopo una stagione con Miami e Oakland che è stata probabilmente la migliore della sua carriera. Ha guidato le major nelle basi rubate, con 47, mentre ha battuto .310 con 12 fuoricampo e una percentuale di .383 sulla base, la migliore in carriera. Marte è stato un All-Star per Pittsburgh nel 2016 ma ha scontato una sospensione di 80 partite l’anno successivo dopo essere risultato positivo al nandrolone steroideo.

Canha, 32 anni, è un giocatore di ruolo versatile per Oakland dal 2015. Ha una percentuale di .377 in base nelle ultime tre stagioni e ha guidato le major l’anno scorso in battuta per lanci, con 27, mentre ha segnato 17 fuoricampo . Canha ha fatto almeno 20 partenze in tutti e tre i punti outfield la scorsa stagione e ha anche fatto carriera in 81 partenze in prima base.

Escobar, anche lui 32enne, ha fatto la sua prima squadra All-Star la scorsa stagione prima che l’Arizona lo scambiasse con il Milwaukee. Ha avuto la sua migliore stagione nel 2019 (una media di .269, 35 homer e 118 punti battuti) ma ha una percentuale di carriera relativamente bassa in base, a .309. Uno switch-hitter, Escobar ha iniziato in ogni posizione in campo in una carriera di 11 anni trascorsa principalmente con il Minnesota; si profila come un tipo Jonathan Villar, con più potenza e meno velocità.

L’investimento in Marte, ovviamente, è il più significativo in anni e dollari. Protegge i Mets dalla possibile partenza dell’esterno destro Michael Conforto, che è un free agent, e teoricamente dà loro un difensore migliore al centro di Brandon Nimmo, che potrebbe spostarsi in un angolo.

I Mets, tuttavia, sono stati migliori della squadra media la scorsa stagione nelle corse difensive salvate dai difensori centrali, secondo Sports Info Solutions, e pochi giocatori dell’età di Marte tendono a durare a lungo al centro del campo. Tra i major leaguers che avevano 33 anni o più la scorsa stagione, solo Brett Gardner degli Yankees ha iniziato più di 70 partite al centro del campo.

I Mets probabilmente riporteranno la loro attenzione al pitching ora, dopo aver perso il free agent Steven Matz (che ha un contratto quadriennale da 44 milioni di dollari con St. Louis) e aver perso Noah Syndergaard e Aaron Loup contro gli Angels in free agency . Tra i migliori titolari di free agent ci sono Max Scherzer, Robbie Ray, Kevin Gausman e Marcus Stroman, che hanno guidato i Mets nelle partenze e negli inning la scorsa stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.