Le azioni affondano a causa dei timori per il nuovo ceppo di coronavirus | Mercati finanziari


Azioni, rendimenti del Tesoro USA e petrolio affondano mentre il nuovo ceppo COVID-19 scuote i mercati.

Di Bloomberg

Azioni, rendimenti del Tesoro e petrolio sono crollati venerdì mentre lo yen è balzato in aria quando un nuovo ceppo di Covid-19 scoperto nell’Africa meridionale ha inviato un’ondata di cautela nei mercati globali.

Un indicatore azionario dell’Asia-Pacifico è stato fissato per il peggior calo da marzo, con Giappone e Hong Kong che hanno sottoperformato e le azioni dei viaggi tra i maggiori ribassi. I futures statunitensi ed europei sono scesi e il rendimento dei Treasury a 10 anni è sceso all’1,56%.

L’Organizzazione mondiale della sanità e scienziati in Sud Africa stanno studiando la variante recentemente identificata descritta come molto diversa dalle versioni precedenti e molto preoccupante. Il Regno Unito e Israele hanno vietato i voli dal Sudafrica e da alcuni paesi vicini. Hong Kong ha confermato due casi del ceppo.

Il dollaro ha raggiunto i massimi da 16 mesi, mentre il rand sudafricano si è indebolito e le valute delle materie prime si sono ritirate. Capannone grezzo 3% e oro rosa. I mercati statunitensi, chiusi giovedì per il Ringraziamento, avranno una sessione del Black Friday abbreviata.

L’individuazione della tensione si aggiunge alle preoccupazioni dei mercati per l’inflazione elevata e alla prospettiva di un’uscita più rapida da impostazioni monetarie ultra-allentate. Le azioni globali sono aumentate di circa il 16% quest’anno, superando una pletora di rischi dopo che gli investitori hanno versato quasi 900 miliardi di dollari in fondi azionari negoziati in borsa e long-only nel 2021, superando il totale combinato degli ultimi 19 anni.

“È un titolo spaventoso” sulla variante del virus, quindi potrebbe aver causato una reazione istintiva, ha affermato Kyle Rodda, analista di IG Markets Ltd. Ha aggiunto che “Il Nord America fuori dalle scrivanie significa che manca un muro di acquirenti” e che i mercati più sottili fanno mosse più pronunciate.

Variante “libro di gioco”

I future di dicembre sul Cboe Volatility Index, un indicatore delle oscillazioni azionarie implicite per l’S&P 500, sono avanzati mentre i trader si preparavano alla turbolenza quando i mercati statunitensi riaprivano.

Justin Tang, capo della ricerca asiatica presso United First Partners, ha sottolineato che “il mondo ha già affrontato questo problema con delta”, aggiungendo “c’è già un manuale per tali situazioni” e che “sono previste mutazioni e non qualcosa di sconosciuto”.

Nel frattempo, gli economisti di Goldman Sachs Group Inc. hanno affermato di aspettarsi che la Fed intensifichi la politica più rapidamente di quanto previsto in precedenza, incluso il raddoppio del ritmo con cui riduce gli acquisti di obbligazioni a 30 miliardi di dollari al mese da gennaio. Vedono un decollo dei tassi di interesse da quasi zero a giugno.

In Cina, le autorità di regolamentazione hanno chiesto ai massimi dirigenti di Didi Global Inc. di elaborare un piano per il delisting dalle borse statunitensi, hanno affermato persone che hanno familiarità con la questione. Ciò potrebbe far rivivere i timori sulle intenzioni di Pechino per la sua gigantesca industria tecnologica. Un indicatore dei titoli tecnologici cinesi è scivolato.

L’economia cinese ha continuato a rallentare a novembre con le vendite di auto e case in calo di nuovo mentre si trascinava la crisi del mercato immobiliare, secondo l’indice aggregato di Bloomberg di otto indicatori iniziali.

Per ulteriori analisi di mercato, leggi il nostro blog MLIV.

Ecco alcuni eventi chiave di questa settimana:

  • Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey parla con Mohamed El Erian a un evento della Cambridge Union. giovedi
    Alcune delle principali mosse nei mercati:

Azioni

  • I futures S&P 500 sono scesi dell’1% alle 5 del mattino a Londra. Mercoledì l’S&P 500 è salito dello 0,2%
  • I futures Nasdaq 100 sono scesi dello 0,5%. Mercoledì il Nasdaq 100 è salito dello 0,4%
  • L’indice Topix giapponese è sceso del 2,2%
  • L’indice S&P/ASX 200 australiano è sceso dell’1,7%
  • L’indice Kospi della Corea del Sud perde l’1,6%
  • L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso del 2,2%
  • L’indice cinese Shanghai Composite perde lo 0,6%
  • I future sull’Euro Stoxx 50 sono crollati del 2,1%

Valute

  • L’indice Bloomberg Dollar Spot è aumentato dello 0,2%
  • L’euro si è attestato a 1,1223 dollari, in rialzo dello 0,1%
  • Lo yen giapponese si è attestato a 114,72 per dollaro, in rialzo dello 0,6%
  • Lo yuan offshore era a 6,3934 per dollaro, in calo dello 0,1%

Obbligazioni

  • Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di otto punti base all’1,56%
  • Il rendimento dei titoli a 10 anni australiani è sceso di nove punti base all’1,78%

materie prime

  • Il greggio West Texas Intermediate è sceso del 3% a 76,06 dollari al barile
  • L’oro era a 1.797,75 dollari l’oncia, in rialzo dello 0,5%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *