Il primo ministro di Haiti forma un nuovo gabinetto in mezzo a disordini politici | Notizia


L’annuncio arriva mentre il Paese è alle prese con un aumento della violenza, dei rapimenti e della continua carenza di carburante.

Il primo ministro Ariel Henry ha prestato giuramento nel suo nuovo gabinetto, più di quattro mesi dopo aver assunto la guida di Haiti in seguito all’assassinio del presidente Jovenel Moïse.

Gli appuntamenti di mercoledì arrivano mentre Haiti è alle prese con un aumento della violenza, dei rapimenti e della continua carenza di carburante attribuita a potenti bande che hanno bloccato i terminali di distribuzione del gas.

“Hai accettato questo in condizioni difficili”, ha detto Henry al suo nuovo gabinetto mercoledì.

Ha nominato nove ministri in una varietà di posizioni tra cui affari esteri, economia, giustizia, istruzione e salute.

Tra i nominati c’è Jean Victor Jeneus, che sostituirà Claude Joseph come ministro degli esteri e del culto. Joseph è stato per breve tempo primo ministro ad interim dopo che Moïse è stato ucciso nella sua casa privata prima dell’alba del 7 luglio.

Henry ha affermato che la sua amministrazione sta facendo del suo meglio per garantire la sicurezza pubblica con le risorse di cui dispone.

“Stiamo facendo il massimo con i fondi che abbiamo a disposizione per ripristinare l’autorità dello stato e mettere via quelli che devono essere messi via”, ha detto. “Una delle principali responsabilità di questo governo è creare un ambiente sicuro e stabile”.

Henry ha condannato le violenze in corso e ha invitato i criminali a deporre le armi, altrimenti “saranno neutralizzati e finiranno in prigione o rischiano di perdere la vita”.

Haiti è alle prese con un picco di rapimenti di bande, compreso il rapimento il 16 ottobre di 17 missionari legati a un’organizzazione religiosa con sede in Ohio. Due di loro sono stati rilasciati domenica, anche se non sono stati forniti ulteriori dettagli.

“Mentre ci rallegriamo per i due ostaggi che sono stati rilasciati durante il fine settimana, continuiamo a pregare per i 15 che sono ancora in cattività”, ha detto mercoledì Christian Aid Ministries in una dichiarazione.

Henry ha anche parlato della scarsità di carburante e dell’impennata dei prezzi, affermando che il governo ha investito decine di migliaia di dollari per sovvenzionare il gas, ma che non può sostenere questa situazione ancora a lungo. Ha detto che avrebbe affrontato la questione nel prossimo futuro.

Inoltre, Henry ha esortato il nuovo ministro della salute a lanciare una campagna e incoraggiare più persone a vaccinarsi contro il COVID-19.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *