I regolatori bancari statunitensi stanno cercando di chiarire le regole crittografiche nel 2022

La Federal Reserve, la Federal Deposit Insurance Corporation (o FDIC) e l’Office of the Comptroller of the Currency (OCC) hanno ha rilasciato una dichiarazione congiunta annunciando un piano per chiarire le regole e i regolamenti su come le banche possono utilizzare le criptovalute nel prossimo anno (attraverso Bloomberg).

Le agenzie affermano che si stanno concentrando sulla definizione delle aspettative su ciò che le banche possono fare quando si tratta di detenere criptovalute, consentendo ai clienti di ottenere criptovalute, emettendo le proprie stablecoin (o criptovalute il cui valore è legato a una valuta fiat come il dollaro USA), e prendendo le criptovalute come garanzia per i prestiti e mantenendole nei loro bilanci. Secondo la lettera, l’obiettivo è garantire che i consumatori siano protetti e che le banche agiscano in modo responsabile. I regolatori affermano anche che è un tentativo di assicurarsi che il settore finanziario non venga utilizzato per riciclare valuta illecita, qualcosa su cui il Dipartimento del Tesoro si è concentrato di recente.

L’OCC ha già fatto passi in questa direzione — martedì, il controllore ad interim rilasciato una lettera chiarire le decisioni che l’ufficio aveva preso per tutto il 2020 e all’inizio del 2021. Ora, afferma la lettera, le banche dovranno chiedere il permesso ai regolatori regionali prima di entrare in determinati campi crittografici.

In precedenza, il controllore ha affermato che alle banche era consentito detenere criptovalute per i clienti così come asset utilizzati per sostenere le stablecoin. Banche è stato anche detto potrebbero usare stablecoin e agire come nodi su reti blockchain. Anche se le istituzioni finanziarie saranno ancora in grado di svolgere queste attività, dovranno essere in grado di dimostrare alle autorità di regolamentazione che possono farlo in modo sicuro e responsabile.

Questi annunci arrivano quando alcune società di criptovalute hanno litigato con i regolatori su quali classificazioni legali rientrano nei loro prodotti. Recentemente, Coinbase ha annullato il suo programma Lend dopo una faida pubblica con la Securities and Exchange Commission sul fatto che ciò che stava vendendo contasse come titoli (e sarebbe quindi caduto sotto un controllo legale più pesante). Il Tesoro ha anche proposto che i grandi trasferimenti di criptovaluta vengano segnalati all’Internal Revenue Service e ha chiesto al Congresso di iniziare a regolamentare le stablecoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *