Generale degli Emirati accusato di tortura eletto presidente dell’Interpol | Notizia


Ahmed Nasser al-Raisi, accusato di tortura, assumerà il ruolo prevalentemente cerimoniale per un mandato di quattro anni.

Un generale degli Emirati accusato di tortura è stato eletto presidente dell’Interpol, ha affermato l’agenzia di polizia globale, nonostante le espressioni di preoccupazione delle organizzazioni per i diritti umani e dei membri del Parlamento europeo.

“Il signor Ahmed Nasser al-Raisi degli Emirati Arabi Uniti è stato eletto alla carica di presidente (4 anni)”, ha dichiarato l’Interpol su Twitter giovedì.

Il generale al-Raisi, capo delle forze di sicurezza degli Emirati Arabi Uniti, assumerà un ruolo in gran parte cerimoniale e volontario.

Il segretario generale dell’Interpol si occupa della gestione quotidiana dell’organizzazione con sede a Lione. Juergen Stock, l’attuale segretario generale, ha ricevuto un secondo mandato quinquennale nel 2019.

Negli ultimi mesi in Francia e Turchia, che questa settimana ospita l’assemblea generale dell’Interpol a Istanbul, sono state presentate denunce di “tortura” contro il generale degli Emirati.

La nomina segue il generoso finanziamento degli Emirati Arabi Uniti per il corpo di polizia e le accuse che Abu Dhabi ha abusato del sistema dell’Interpol dei cosiddetti “avvisi rossi” per i sospetti ricercati per perseguitare i dissidenti politici.

Tre membri del Parlamento europeo hanno scritto una lettera datata 11 novembre al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen per avvertire dell’impatto che la nomina del generale avrebbe avuto sull’Interpol.

“L’elezione del generale Al Raisi minerebbe la missione e la reputazione dell’Interpol e pregiudicherebbe gravemente la capacità dell’organizzazione di svolgere efficacemente la sua missione”, hanno scritto.

Nell’ottobre 2020, 19 ONG, tra cui Human Rights Watch, hanno espresso preoccupazione per la possibile scelta di al-Raisi, che hanno descritto come “parte di un apparato di sicurezza che continua a prendere di mira sistematicamente critici pacifici”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.