Roblox fa causa allo YouTuber Ruben Sim per presunte molestie e minacce

La piattaforma di gioco e social Roblox ha citato in giudizio un creatore di YouTube che è stato bandito dalla piattaforma per molestie e contenuti sessuali, affermando di aver accumulato una “folla” che ha temporaneamente interrotto la sua conferenza degli sviluppatori di ottobre. La Roblox Corporation ha presentato una denuncia contro Benjamin Robert Simon, noto anche come Ruben Sim, per aver violato il contratto con l’utente e violato le leggi anti-hacking. “L’imputato Simon è il leader di una ‘cybermob’ che con malizia, frode e oppressione, commette e incoraggia atti illeciti progettati per ferire Roblox e i suoi utenti”, afferma la causa, chiedendo $ 1,65 milioni di danni.

Poligono inizialmente segnalato l’esistenza della causa in California questa mattina. In esso, Roblox afferma di aver bandito Simon per aver tentato di caricare una sua foto quasi nuda, immagini di Adolf Hitler e un “gioco sessuale” vietato sulla piattaforma incentrata sui bambini. Simon avrebbe anche molestato altri membri della piattaforma, usato insulti razziali e omofobici e impersonato dipendenti Roblox online, tra gli altri comportamenti.

Dopo il divieto, la causa afferma che ha continuato ad accedere a Roblox utilizzando account falsi, eludendo i divieti sul suo hardware e indirizzi IP e incoraggiando i suoi circa 760.000 follower su YouTube a fare lo stesso. (Roblox si riferisce a questo come “hacking” nella piattaforma.)

Il danno peggiore presumibilmente è arrivato durante la Roblox Developers Conference nell’ottobre del 2021. In vista della conferenza, la causa afferma che Simon “ha coinvolto i suoi seguaci su Discord, rendendo affascinante lo sparatutto attivo del 3 aprile 2018 e l’omicidio presso la sede di YouTube a San Bruno, California, e minacciando / provocando un imitatore di atti di terrorismo presso il quartier generale di Roblox”, dicendo ai follower di “aspettare fino a quando [someone] lo fa a Roblox.” Poi, durante la conferenza, ha twittato che la polizia locale stava cercando un fittizio “famoso estremista islamico” e che l’estremista aveva pubblicato un video intitolato “Someone Blow Up Roblox Now!” Nel frattempo, i suoi seguaci avrebbero pubblicato false minacce di tiro attivo e affermato di aver avvelenato le bevande della conferenza.

Roblox afferma che la conferenza è stata temporaneamente bloccata mentre la polizia e la sicurezza privata hanno perquisito la struttura e ha sostenuto $ 50.000 in spese per garantire l’evento e indagare sull’incidente. Sostiene che Simon abbia commesso una frode rappresentando falsamente l’esistenza di una minaccia terroristica e cercando di allontanare gli utenti dall’evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *