Elizabeth Holmes ha ammesso una parte fondamentale del caso contro di lei

Chi ha aggiunto i loghi Schering-Plough e Pfizer ai rapporti di laboratorio prodotti da Theranos che gli investitori hanno ricevuto? Perché, nientemeno che Elizabeth Holmes.

“Questo lavoro è stato svolto in collaborazione con quelle aziende e stavo cercando di trasmetterlo”, ha detto oggi allo stand. Ha aggiunto i loghi prima di inviare i promemoria a Walgreens, con cui Theranos avrebbe poi collaborato. Holmes non stava cercando di ingannare nessuno, disse. “Vorrei averlo fatto diversamente.”

Holmes parlava lentamente mentre lei confessava. La testimonianza, resa il terzo giorno di interrogatorio dalla sua squadra di difesa, sembrava lucida. provato. Era la cosa più sicura che avrebbe suonato per tutto il giorno.

Quei documenti sono stati una parte importante del caso contro Holmes nel suo processo per frode telematica. Gli investitori hanno testimoniato di ritenere che i documenti fossero stati generati dalle stesse aziende farmaceutiche. e Holmes’ colpa mia non spiegava perché il linguaggio nella nota Schering-Plough fosse cambiato da “dare risultati accurati e precisi” nella versione che l’azienda farmaceutica ha visto per “dare risultati più accurati e precisi … rispetto agli attuali metodi di riferimento ‘gold standard'” nel Versione Walgreen.

Ma forse la confessione aveva lo scopo di farlo sembrare più serio quando Holmes ha passato altre parti della sua testimonianza a scaricarsi.

Il laboratorio clinico

Holmes ha detto che il direttore del laboratorio Adam Rosendorff, il vicepresidente Daniel Young e Balwani, il suo CFO, erano responsabili del laboratorio clinico, il che implica che qualunque problema fosse accaduto non era colpa sua. E, forse, che non era completamente consapevole di quei problemi. Mentre discuteva delle condizioni in laboratorio, il suo discorso si è accelerato e sembrava nervosa. Ha detto che non aveva fatto pressioni su Rosendorff per approvare i test. Non aveva nemmeno fatto pressioni su Young. Non avevo fatto pressione chiunque per firmare un rapporto di laboratorio che non volevano firmare.

Qualunque cosa fosse successa nel laboratorio, be’, non era lei.

Quando Rosendorff ha sollevato preoccupazioni sulla pianificazione dei test, “Ricordo di aver detto al dottor Rosendorff che faremo tutto il necessario per dargli il tempo di cui ha bisogno per portare avanti i test correttamente”, ha detto Holmes. Quei test sono stati ritardati di mesi.

E lo scienziato Surekha Gangakhedkar, un altro impiegato che temeva di essere incolpato per i problemi di Theranos? Beh, accidenti, Holmes non aveva idea che Gangakhedkar avesse delle riserve sui test di Theranos. (Holmes non ha affrontato direttamente la testimonianza di Gangakhedkar secondo cui Holmes l’aveva spinta ad approvare i test.) Quando lo scienziato si è dimesso, ha citato lo stress e problemi di salute. Lo stress, per inciso, può causa problemi di salute.

Holmes ha cercato di convincere Gangakhedkar a prendersi un periodo di aspettativa, ma lo scienziato ha smesso. E abbiamo visto uno dei motivi per cui Gangakhedkar era così stressato: un’e-mail di Balwani (in cui è stato copiato Holmes!) che la rimproverava per non aver lavorato abbastanza. “Si prega di notare che il team del software è stato qui fino alle 3:07 del mattino – ed è già qui ora alle 10 del mattino”, ha scritto.

Holmes ha detto che avrebbe voluto aver gestito la cosa in modo diverso. “Questo era il modo sbagliato di trattare le persone”.

L’ambiente di lavoro marcio a Theranos è stato un tema ricorrente tra i dipendenti che hanno testimoniato al processo. L’impiegata entry-level Erika Cheung ha testimoniato che le persone dormito nelle loro macchine mentre cercavano di affrontare i problemi con il controllo di qualità sui test Theranos. Il giorno in cui Gangakhedkar se ne andò, un altro anche un membro del suo team si è dimesso, citando anche lo stress. Un dipendente delle risorse umane ha inviato un’e-mail a Holmes a riguardo: “Surekha è appena passata e ha detto che crede che Tina si stia dimettendo per motivi di salute, vita familiare e stress”, ha detto quell’e-mail. “Ha detto che è simile ai motivi per cui si dimette”.

Materiali di marketing discutibili

Per quanto riguarda il marketing di Theranos, che secondo l’accusa ha ingannato le persone sulla tecnologia di Theranos, è stato il Chiat Day, l’azienda che ha fatto notoriamente la pubblicità di Apple “1984”, ha detto Holmes. Le immagini che trasmettevano il messaggio di Theranos – come l’immagine del ragazzo carino con la didascalia “Addio Big Bad Needle” – erano simboli che Chiat Day ha detto loro di adottare per la loro identità di marca. Le immagini erano specialmente importante per trasmettere l’identità, ha detto l’azienda a Holmes.

Ma Holmes ammette che non era indifferente nel plasmare l’immagine di Theranos. Theranos ha assunto un gruppo di pubbliche relazioni, Grow Marketing, ed è riuscito a inserire una storia in Il giornale di Wall Streetla sezione di opinione, scritta da Joseph Rago, su quanto fosse sorprendente Theranos, intitolata: “Elizabeth Holmes: la svolta della diagnosi istantanea.”

Nell’articolo, che Holmes ha detto di aver recensito prima della pubblicazione, Rago ha scritto che “i processi di Theranos sono più veloci, economici e più accurati dei metodi convenzionali e richiedono solo volumi di sangue microscopici, non una fiala dopo l’altra”. Questo articolo faceva parte dei materiali di marketing ricevuti dagli investitori, per convincerli a investire in Theranos.

Questo faceva parte della strategia della stampa: introdurre Theranos prima di annunciare la sua partnership con Walgreens. Sai, quello che aveva convinto Holmes a inviare i rapporti con il logo. Abbiamo visto le e-mail scritte da Holmes sulla strategia di lancio. Alla fine del 2013, Theranos ha accettato di aprire le sue sedi di prova in 3.000 negozi nei prossimi due anni.

Lancio lento a Walgreens

Ex Il dirigente senior di Walgreens, Nimesh Jhaveri, ha testimoniato in precedenza nella prova che il roll-out era stato rallentato perché erano stati fatti così tanti test sui prelievi venosi, invece dei polpastrelli che Theranos aveva promesso.

Secondo Holmes, il roll-out stava andando bene all’inizio del 2014. Alla fine dell’anno, erano stati aperti solo 40 centri di assistenza. Ma vedete, non era colpa di Holmes, perché Walgreens aveva fatto un’acquisizione (di Boots, un’altra farmacia) e tutti i dirigenti di Walgreens erano stati sostituiti da dirigenti di Boots.

Proiezioni finanziarie strane

Per quanto riguarda le bizzarre proiezioni finanziarie che avevano convinto gli investitori che Theranos fosse più redditizia di quanto non fosse in realtà, beh, quei modelli erano di Balwani e lui ha preparato le proiezioni che lei ha usato. Guardando alle entrate previste nel 2014 ($ 140 milioni) e nel 2015 ($ 990 milioni), Balwani “ha costruito un modello con una serie di ipotesi su quanti negozi Theranos sarebbe stato lanciato e altri lavori con medici e sistemi ospedalieri che ci inviavano campioni” e era così che faceva le proiezioni, disse Holmes.

Balwani è stato il contatto principale per l’investitore Daniel Grossman di PFM Management, ha affermato Holmes. Grossman in precedenza aveva testimoniato che Holmes gli aveva mentito sulle capacità di Theranos e che negli incontri a cui partecipavano sia Holmes che Balwani, Holmes parlava per la maggior parte.

Problemi con Safeway

Per quanto riguarda il tentativo fallito di Theranos di aprire negozi a Safeway, parte di questo è stato il cambio di direzione. L’ex CEO di Safeway Steven Burd aveva testimoniato che i frequenti ritardi di Theranos lo turbavano, ma Holmes non gli ha mai detto che c’era un problema con la tecnologia di Theranos. Si ritirò; quando è arrivata la nuova gestione, Balwani si è occupato di loro.

La difesa ha annunciato la sua strategia già dal primo giorno: scarica la palla. La scommessa sembrava essere che avere Holmes ammettere la sua colpevolezza nei promemoria falsificati le avrebbe dato più credibilità quando incolpava altre persone per quasi tutto il resto. Ma la differenza tra il comportamento di Holmes quando ammetteva il suo ruolo nei promemoria e quando passava il tempo a incolpare gli altri era sorprendente. Mentre deviava la responsabilità, per la prima volta nel processo, sembrava nervosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *