Elizabeth Holmes dice alla giuria che almeno una parte di Theranos era reale

Finora, la difesa di Elizabeth Holmes si è sforzata di mostrarci che Theranos aveva un vero dispositivo e lavorava con vere aziende farmaceutiche. Questo in realtà non è stato messo in discussione, in particolare nel periodo di tempo di cui la difesa stava chiedendo. Eppure, il punto sembra essere ehi, guarda, alcune cose a Theranos erano reali.

Ma oggi, nel suo processo per frode telematica, abbiamo visto una presentazione scientifica, non una scienza vera e propria, solo la versione di marketing. Abbiamo visto le viscere dei dispositivi Theranos. Abbiamo sentito dell’iterazione dell’azienda sul dispositivo. Abbiamo visto email con aziende farmaceutiche.

Il lavoro di Theranos con le compagnie farmaceutiche non è mai stato messo in discussione; abbiamo visto i soldi che Theranos ha ricavato da quel lavoro all’inizio del caso dell’accusa, con il controllore Danise Yam. Il problema con le aziende farmaceutiche sono stati i rapporti di “convalida” che Theranos ha prodotto sulla propria tecnologia in quelle partnership. Sebbene tali rapporti siano stati scritti da dipendenti di Theranos, gli investitori hanno affermato di ritenere che i rapporti fossero stati scritti dalle aziende farmaceutiche.

A peggiorare le cose, due rapporti che abbiamo visto riportavano i loghi di Schering-Plough e Pfizer. Anche il memorandum Schering-Plough era stato ritoccato rispetto alla sua versione originale. Quando Theranos ha inviato per la prima volta il rapporto a Schering-Plough, non aveva il logo dell’azienda farmaceutica e ha letto che Theranos “dà risultati accurati e precisi”. La versione che Walgreens ha visto aveva il logo e la lingua di Schering-Plough che dicevano “fornisci risultati più accurati e precisi… rispetto agli attuali metodi di riferimento ‘gold standard'”.

Gli investitori hanno testimoniato che il lavoro svolto da Theranos con le aziende farmaceutiche e le forze armate era stato importante. Pensavano che significasse che le compagnie farmaceutiche e il Dipartimento della Difesa avevano co-firmato la tecnologia, usandola in studi clinici e… in Afghanistan — ha sentito anche il giornalista di bugie Roger Parloff. Oggi, Holmes ha riconosciuto che Theranos non ha lavorato affatto con il Dipartimento della Difesa.

La sua testimonianza è stata breve: il processo è stato posticipato di un’ora e mezza per un incontro nelle camere del giudice tra gli avvocati delle due parti. Il motivo dell’incontro non è stato spiegato. Anche la sessione del tribunale si è conclusa relativamente presto, alle 13:00 del Pacifico.

A Holmes, che sembrava a suo agio allo stand, è stato chiesto di spiegare perché le cartucce sul dispositivo della Serie 1.0 non funzionavano. Sono stati impilati e tenuti insieme con adesivo, ma l’adesivo potrebbe staccarsi, il che fa staccare gli strati impilati in modo che non funzionino correttamente. Non ero del tutto sicuro del motivo per cui questo avrebbe avuto importanza: sapevamo che Theranos stava iterando sul dispositivo.

Le sue risposte erano in gran parte non tecniche; se fosse perché non aveva conoscenze tecniche, o perché voleva essere sicura di non confondere la giuria, non mi era chiaro. A volte, la testimonianza di Holmes si avvicinava così tanto ai documenti che ci veniva mostrato che era divertente. Dopo aver letto le e-mail, le sarebbe stato chiesto cosa significassero e avrebbe risposto con, quasi parola per parola, una frase nell’e-mail. In una presentazione, una diapositiva era intitolata “Successi completati”. L’avvocato di Holmes, Kevin Downey, le ha chiesto cosa significasse il successo in quel contesto.

“Un successo è stato che avevamo raggiunto con successo gli obiettivi del programma”, ha risposto. E quando si è trattato della performance di Theranos? “Ricordo che era davvero buono.”

I “successi completati”, nel gergo di Theranos, erano quasi tutti studi preliminari delle aziende farmaceutiche. Un’eccezione era uno studio fatto con Stanford, che è stato effettivamente pubblicato.

I contorni del lavoro con molte aziende farmaceutiche erano in gran parte gli stessi. Una grande azienda farmaceutica avrebbe svolto un lavoro preliminare con Theranos, che Holmes avrebbe tipicamente caratterizzato come un successo. Ma nessun lavoro di sperimentazione clinica si è manifestato. Questo era vero per Merck, Bristol Myers Squibb e Celgene. Theranos ha creato test per AstraZeneca e ha lavorato a una sperimentazione clinica per Centocor.

Nel processo Centocor, il dispositivo Theranos è stato testato rispetto a laboratori standard. Alla domanda su come si è comportato il suo dispositivo in confronto, Holmes ha detto: “Si è comportato bene”. Molte delle sue risposte erano brevi e concrete, come se stesse discutendo del tempo.

Le parti più interessanti della sua testimonianza, tuttavia, riguardavano Pfizer e Schering-Plough. Fondamentale, affinché Holmes sia giudicato colpevole di frode telematica, il governo deve dimostrare di sapere che stava mentendo quando ha fornito agli investitori cattive informazioni: gli errori non sono illegali.

Quindi abbiamo visto alcune email. A Schering-Plough, Constance Cullen era stato il principale punto di contatto di Theranos. (Cullen ha testimoniato in precedenza, per l’accusa.) Come ha testimoniato Cullen, la sua azienda è stata acquistata da Merck mentre era in contatto con Holmes, e poiché è stata messa a capo di un gruppo appena unito, il lavoro con Theranos è caduto nel dimenticatoio.

In un’e-mail inviata a Holmes da un dipendente di Theranos, l’impiegato ha scritto che Cullen era sommerso dal lavoro derivante dall’acquisizione. “Tutto sommato è stato fantastico”, continuava l’e-mail. “Penso che chiamarla ogni mattina nelle ultime tre settimane alla fine abbia dato i suoi frutti…” è stato chiesto direttamente a Holmes se Cullen l’avesse informata della scarsa opinione di Schering-Plough sui test di Theranos. Holmes ha detto di no.

Puoi vedere dove sta andando – a molto una lettura generosa della situazione è che Holmes non si è reso conto che la tecnologia era cattiva o che Merck non voleva lavorare con lei, pensava solo che il suo contatto avesse lasciato cadere la palla.

Per quanto riguarda Pfizer, la difesa ha prodotto e-mail che mostravano che Holmes aveva continuato a parlare con l’azienda di una partnership fino al 2015. In quell’e-mail, un dipendente di Pfizer ha proposto di utilizzare i centri Walgreens di Theranos come siti di sperimentazione clinica. Ciò non è andato a buon fine e Thearnos non ha lavorato su una sperimentazione clinica per Pfizer.

È possibile credere che tutte queste aziende farmaceutiche abbiano esaminato il dispositivo di Theranos e abbiano scelto di non andare avanti per ragioni non correlate, ma questo è un grande sforzo. Nel complesso, abbiamo visto che molte aziende farmaceutiche hanno abbandonato il lavoro vero con Theranos.

La cosa sulla presentazione di oggi, però, è che i primi lavori di Theranos non sono contestati. Secondo il governo, la frode è iniziata solo più tardi. Inoltre, i bugiardi non mentono Tutti il tempo.

Mentre si avvicina a testimoniare su alcune delle altre aree di interesse, però, spero che ci siano altrettante prove e-mail contemporanee. Perché dopo aver ascoltato i nastri di Holmes di Parloff, sono rimasto colpito dalla sicurezza con cui aveva mentito e da quanto sembrava credibile. Essere preceduto da quei nastri significa che non importa quanto sembri sicura o affidabile, mi ritrovo ancora a dubitare di quello che dice a meno che non ci sia qualcos’altro che lo confermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *