Audrey Tang sul perché affrontare la disinformazione è cruciale nella pandemia | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Il ministro del digitale Audrey Tang è probabilmente uno dei politici di Taiwan di più alto profilo a livello internazionale, famoso per la sua leadership nella lotta di Taiwan contro la disinformazione e il suo lavoro nel software open source di mentalità civica.

Tang era già una programmatrice affermata quando ha iniziato a lavorare per il governo sulla scia del movimento dei girasoli di Taiwan del 2014, una protesta di massa che ha visto gli studenti occupare la legislatura per protestare contro un accordo commerciale con la Cina.

Dal 2016, Tang è membro del gabinetto del presidente Tsai Ing-wen come ministro senza portafoglio ed è anche un membro chiave di g0v (“gov zero”), un movimento attivista open source che lavora su progetti della società civile e del governo.

Al Jazeera ha parlato con Tang del suo lavoro contro le voci sul COVID-19 e di come i social media come il PTT Bulletin Board di Taiwan, simile nella struttura a Reddit, possono aiutare. L’intervista è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

Puoi raccontarci come sei stato coinvolto nel sistema di tracciamento dei contatti di Taiwan? Immagino che tu abbia dovuto aiutarlo a svilupparlo rapidamente.

Audrey Tang: Certo, ma non è stata una mia idea. Faceva parte del g0v, o la comunità “Gov zero”, che è composta da decine di migliaia di persone che cercano servizi digitali e servizi governativi “fork” per creare versioni migliori e alternative migliori in un modo libero da restrizioni sul copyright per uso pubblico . Dopo che la comunità g0v ha proposto un sistema standard di tracciamento dei contatti basato su SMS 1922 (numero verde), lo abbiamo adottato e implementato, quindi è stato come un reverse procurement. Le specifiche sono arrivate dalla community, dal settore sociale, e le abbiamo appena implementate. Penso che l’intera implementazione abbia richiesto meno di tre giorni ed era priva di app, quindi nessuno aveva bisogno di scaricare alcuna app.

Perché era importante evitare di usare un’app? Quali sono le tue preoccupazioni?

Codolo: Beh, è ​​per motivi di inclusione digitale. Sebbene tutti a Taiwan godano della banda larga come diritto umano e la maggior parte delle persone, anche gli anziani, hanno telefoni o smartphone, circa il 20% non ha la capacità di scaricare, installare e gestire le applicazioni. Per questo motivo, la nostra app anti-COVID più popolare, l’app NHI Express della National Health Insurance Administration, è stata (scaricata) solo da circa un terzo dell’intera popolazione. Quindi, per prendersi cura degli altri due terzi delle persone che non usano abitualmente l’app o del 20% delle persone che non hanno alcuna esperienza di download di un’app, un design senza app basato sul codice QR e SMS preferito da tutti- come i formati attendibili era molto importante.

Che tipo di sistema digitale adotterà Taiwan per le sue tessere vaccinali?

Codolo: Stiamo implementando lo standard dell’Unione Europea (Digital Curation Centre), che è un sistema basato su codice QR firmato elettronicamente per tenere traccia dei test COVID e dei registri delle vaccinazioni. La situazione attuale è che il Ministero degli Affari Esteri sta negoziando bilateralmente con altre giurisdizioni che hanno implementato lo stesso standard in modo da poter facilitare i viaggi internazionali. Il programma di lancio è probabilmente entro la fine di quest’anno.

Non abbiamo in programma di lanciare alcuna app speciale a causa dell’inclusione digitale. Stiamo lavorando con l’idea che ci sia questo semplice sito web dove puoi scaricare una scheda gialla (vaccino) e stamparla tu stesso o semplicemente mostrarla sul tuo telefono.

Il Covid-19 è stata la tua più grande sfida da quando è entrato in carica?

Codolo: Il virus del corpo, ovviamente, è molto impegnativo, ma la maggior parte delle strategie provengono dal centro di comando decentralizzato (Taiwan Centers for Disease Control). Il digitale (lato) sta solo assistendo i traccianti di contatto. La mia più grande sfida, come ministro del digitale, è in realtà il virus della mente, vale a dire l’infodemia: quei messaggi polarizzati e basati sull’indignazione nell’angolo più antisociale dei social media e come prevenire la sua naturale progressione verso l’odio, la vendetta e discriminazione. Questa è stata la sfida più grande.

Che tipo di esempi hai visto a Taiwan?

Codolo: Nei giorni pre-Covid, intorno a novembre 2019, prima delle nostre elezioni presidenziali di gennaio 2020, c’era una disinformazione virale di tendenza che parlava – e cito – “i giovani di Hong Kong vengono pagati $ 20 milioni per uccidere la polizia” fine citazione. Questo ovviamente non è vero, ma non è di tendenza da nessun’altra parte, non a Hong Kong, solo a Taiwan, quindi abbiamo visto questo tipo di messaggio come un tentativo di provocare e cambiare il discorso pubblico nel tentativo di influenzare le nostre campagne elettorali presidenziali.

Da dove viene questa voce?

Codolo: L’immagine che accompagnava questa disinformazione proveniva da Reuters, ma il giornalista di Reuters in realtà non ha detto nulla sul pagamento dei (manifestanti). La didascalia originale dice semplicemente che c’erano manifestanti adolescenti, e basta. Qualcun altro ha fornito la didascalia fuorviante e nel giro di un giorno circa, il centro di verifica dei fatti di Taiwan, un servizio di verifica dei fatti gestito in modo indipendente, ha fatto risalire quel messaggio alle unità politiche e legali centrali, Zhongyang Zhengfawei 中共中央政法委員會, della Repubblica popolare cinese. (Repubblica Popolare Cinese) e sul loro account Weibo, nientemeno.

Hai notato un recente picco di disinformazione con l’escalation dei voli militari cinesi vicino a Taiwan?

Codolo: Non particolarmente. Quando le persone vengono a conoscenza della situazione di fatto, come l’effettiva traiettoria di volo, e così via, che il nostro ministro della Difesa pubblica sui social media letteralmente ogni giorno, allora le persone sono più disposte ad avere una conversazione sulla questione stessa invece di accettare qualsiasi disinformazione.

Alcuni mesi fa, Taiwan stava riscontrando un grave problema con la disinformazione relativa al Covid. La situazione è migliorata?

Codolo: Penso che stia diminuendo, perché (anche se) non siamo certamente del tutto post-pandemia, abbiamo avuto settimane di assenza di casi locali. E penso che abbiamo rimandato di nuovo la pandemia, quindi le persone sono molto più rilassate con le vaccinazioni. Penso che entro domani ci sarà il 70 percento delle persone vaccinate e circa il 30 percento delle persone completamente vaccinate, e stiamo progredendo a più dell’uno percento ogni giorno.

Taiwan ha intensificato le vaccinazioni, il che ha contribuito a ridurre il COVID-19 a livelli trascurabili [File: Ritchie B Tongo/EPA]

Da quando hai preso posizione, come hai visto cambiare questioni come la disinformazione?

Codolo: Quando ho iniziato ad affrontare il problema della disinformazione all’inizio del 2017, a quel tempo non c’erano norme chiare su quale tipo di disinformazione (richiede) avviso pubblico e contromisure, e che sono solo una parte normale della conversazione da parte delle persone in un democrazia liberale e quindi non necessitano di interventi né da parte dello Stato né da parte delle multinazionali.

Questa progressione sembrava naturale perché abbiamo permesso di discutere questioni pubbliche e questioni pubbliche principalmente in luoghi del settore privato, quindi è come tenere una discussione in municipio, ma nella discoteca locale con stanze piene di fumo e musica ad alto volume, bevande che creano dipendenza e private buttafuori.

Non ho nulla contro il settore dello spettacolo, ma questi non sono i luoghi per tenere discussioni in municipio. Dal 2017, abbiamo raddoppiato gli investimenti nell’equivalente digitale dell’infrastruttura pubblica e la collaborazione con forum esistenti come PTT (Bulletin Board), che esiste da oltre 25 anni, privo di inserzionisti e azionisti.

Sembra che abbiano meno problemi con la disinformazione a causa della loro struttura di governance?

Codolo: A dire il vero, da quando PTT ha iniziato a implementare per contrastare la disinformazione, le norme di autoregolamentazione è come un “pacchetto di norme”, non come una legge o qualcosa che anche altre società di media, incluso Facebook hanno adottato, almeno nella nostra giurisdizione. Ad esempio, nel 2019, come ho detto, prima delle elezioni presidenziali del 2020, Taiwan è stata tra le prime giurisdizioni in cui Facebook ha anche pubblicato (informazioni provenienti) dal nostro ufficio nazionale di revisione, donazioni alla campagna e finanziamenti spesi per pubblicità sociali e politiche sponsorizzate in reale time come set di dati aperti per i giornalisti investigativi.

[The above is unclear. What did the PTT start to implement? Does she mean perhaps – Ever since we started using PTT to counter disinformation and establish self-regulation norms, it’s as a “norms package”…?]

Hanno anche trovato annunci politici e sociali sponsorizzati dall’estero durante il periodo elettorale, sempre secondo il pacchetto di norme, quindi credo che un settore sociale abbastanza forte e alternative abbastanza forti possano motivare sia le aziende del settore privato nazionale, sia quelle internazionali come Facebook, a conformarsi alla norma già fissata dal settore sociale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *