Il consiglio di amministrazione di Activision Blizzard continua a sostenere il CEO Bobby Kotick

Bobby Kotick è ancora il CEO di Activision Blizzard, nonostante un giornale di Wall Street rapporto che descriveva dettagliatamente la storia di molestie e comportamenti abusivi di Kotick, affermando anche che conosceva da anni accuse e episodi di abuso all’interno dell’azienda.

Secondo quanto riferito, Kotick ha detto ai dirigenti che potrebbe prendere in considerazione di dimettersi se la società non può riparare il suo ambiente di lavoro tossico “con velocità”, secondo il WSJ. Lo hanno detto fonti vicine alla situazione WSJ che Kotick ha incontrato i leader di Activision Publishing e Blizzard Entertainment la scorsa settimana. Il suo status di CEO è stato affrontato, poiché i dirigenti hanno affermato che alcuni dipendenti non saranno “soddisfatti” fino a quando Kotick non darà le sue dimissioni. Durante l’incontro, Kotick avrebbe espresso rammarico per il suo comportamento passato e la sua gestione delle molestie che ha avuto luogo durante i suoi 30 anni di regno della società.

Il rapporto afferma inoltre che i dipendenti hanno partecipato alle riunioni tenute dai dirigenti senior dell’azienda e dai responsabili delle risorse umane la scorsa settimana e hanno chiesto se la politica di tolleranza zero di Activision Blizzard per le molestie sessuali si sarebbe applicata a Kotick. Il WSJ afferma inoltre che alcuni partecipanti hanno chiesto direttamente se Kotick si sarebbe dimesso.

Activision sta anche valutando un “comitato di eccellenza sul posto di lavoro”, secondo il WSJ, in risposta alle accuse di un ambiente di lavoro tossico. Il comitato presumibilmente aiuterà a migliorare la cultura del lavoro di Activision Blizzard, ma il WSJ afferma che la società non ha ancora piani specifici per indagare sul comportamento di Kotick.

Il consiglio di amministrazione del gigante dei giochi ha espresso fiducia nella leadership di Kotick la scorsa settimana anche dopo aver scoperto il suo presunto comportamento abusivo, osservando che sono “fiduciosi nella leadership, nell’impegno e nella capacità di Bobby Kotick di raggiungere questi obiettivi”. Bloomberg ha riferito che il capo di PlayStation Jim Ryan ha detto ai dipendenti: “Non crediamo che le loro dichiarazioni di risposta affrontino adeguatamente la situazione”. Bloomberg ha riferito anche il capo di Xbox Phil Spencer ha detto alle sue squadre che Microsoft sta “valutando tutti gli aspetti della nostra relazione con Activision Blizzard e apportando continui adeguamenti proattivi”.

Activision Blizzard è stata coinvolta in polemiche da luglio, quando lo stato della California l’ha citata in giudizio per una cultura di “molestie sessuali costanti”, tra molte altre questioni preoccupanti. Da allora, i dipendenti se ne sono andati due voltee più di 1.500 dipendenti hanno firmato una petizione per rimuovere Kotick. Numerose figure chiave, tra cui l’ex presidente di Blizzard J. Allen Brack, hanno lasciato l’azienda.

A luglio, Kotick ha pubblicato una lettera in cui spiegava che lui e la società erano “impegnati in un cambiamento duraturo”, sebbene i dipendenti abbiano successivamente affermato che il messaggio non è riuscito “ad affrontare gli elementi critici al centro delle preoccupazioni dei dipendenti”, comprese questioni come l’arbitrato forzato ( che finalmente si è conclusa il mese scorso).

Più di recente, il co-protagonista di Blizzard Jen Oneal, che ha assunto il ruolo quando la leadership dello studio si è spostata sulla scia della causa, si è dimesso dopo soli tre mesi. Secondo il WSJ rapporto, Oneal è stata pagata meno della sua controparte maschile e ha scritto in un’e-mail al team legale dell’azienda che era stata “tokenizzata, emarginata e discriminata”. Oneal ha detto ai dipendenti che Activision Blizzard le ha offerto la stessa retribuzione solo dopo aver rassegnato le dimissioni, IGN segnalato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *