Kyle Rittenhouse dichiarato non colpevole di tutte le accuse | Notizie sui tribunali


Rittenhouse, 18 anni, ha rivendicato l’autodifesa sparando ai manifestanti durante una manifestazione per la giustizia razziale nel Wisconsin lo scorso anno.

Una giuria negli Stati Uniti ha dichiarato Kyle Rittenhouse non colpevole di tutte le accuse relative all’uccisione di manifestanti durante una manifestazione contro l’ingiustizia razziale a Kenosha, nel Wisconsin, lo scorso anno.

Rittenhouse, ora 18enne, aveva rischiato l’ergastolo per aver sparato a morte a Joseph Rosenbaum e Anthony Huber e aver ferito Gaige Grosskreutz durante le proteste di massa del 25 agosto 2020.

Una giuria di 12 membri venerdì ha dichiarato Rittenhouse non colpevole di due capi di omicidio, uno di tentato omicidio e due di aver messo in pericolo la sicurezza.

Rittenhouse è scoppiato in singhiozzi dopo il verdetto, che è arrivato poco dopo che il giudice ha avvertito l’aula di rimanere in silenzio o essere rimossa.

“Le accuse contro [the] l’imputato su tutti i fronti viene licenziato con pregiudizio ed è liberato dall’obbligo del suo vincolo”, ha detto il giudice Bruce Schroeder alla corte.

Gli avvocati di Rittenhouse hanno sostenuto che aveva il diritto di portare il fucile semiautomatico che aveva portato alla manifestazione e aveva agito per legittima difesa dopo essere stato attaccato.

Il processo ampiamente seguito ha suscitato un aspro dibattito negli Stati Uniti su razzismo, violenza armata e vigilantismo.

Riferendo dall’esterno dell’aula, John Hendren di Al Jazeera ha affermato che c’è “grande preoccupazione” per possibili disordini dopo il verdetto.

“Probabilmente vedremo una presenza molto forte delle forze dell’ordine più tardi oggi”, ha detto. “Se vedremo una ripetizione di quanto accaduto nell’estate del 2020, non lo sappiamo. Non ci sono state grandi folle radunate sui gradini del tribunale”.

Residente nell’Illinois, Rittenhouse si era recato nella vicina Kenosha quando nell’agosto 2020 sono scoppiate le proteste dopo che un ufficiale di polizia bianco ha sparato alla schiena a Jacob Blake, un uomo di colore, paralizzandolo.

Le manifestazioni sono arrivate in mezzo a disordini civili diffusi nelle città degli Stati Uniti in seguito alla morte tre mesi prima di George Floyd, un uomo di colore disarmato, ucciso a Minneapolis da un ufficiale di polizia bianco.

Rittenhouse ha affermato di essere a Kenosha per proteggere la proprietà dai rivoltosi e per fornire assistenza medica a chiunque ne avesse bisogno.

La gente reagisce al verdetto nel processo a Kyle Rittenhouse, fuori dal tribunale della contea di Kenosha [Evelyn Hockstein/Reuters]

Ma l’accusa ha detto che l’adolescente ha istigato la violenza mortale.

Il procuratore Thomas Binger ha ripetutamente mostrato alla giuria un video con drone che, secondo lui, mostrava Rittenhouse che puntava un’arma in stile AR contro i manifestanti.

“Non puoi nasconderti dietro l’autodifesa se hai provocato l’incidente”, ha detto Binger durante le sue argomentazioni conclusive. “Se hai creato il pericolo, perdi il diritto all’autodifesa portando quella pistola, puntandola contro le persone, minacciando la vita delle persone. L’imputato ha provocato tutto».

Gli avvocati di Rittenhouse si erano mossi per un annullamento del processo, sostenendo che i pubblici ministeri avevano fornito loro una versione digitale inferiore del video del drone che mostrava Rittenhouse che alzava la pistola e la puntava verso i manifestanti. Durante le deliberazioni, la giuria aveva chiesto di rivedere il video.

La squadra di difesa di Rittenhouse aveva anche tentato di dipingere i manifestanti come quelli che hanno incitato alla violenza.

Nelle discussioni conclusive, Mark Richards, l’avvocato di Rittenhouse, aveva chiamato Rosenbaum – la prima persona colpita a morte durante la protesta – un “rivoltoso” e un “pazzo” che perseguitava Rittenhouse.

“Il signor Rosenbaum è stato colpito perché stava inseguendo il mio cliente e voleva ucciderlo, prendere la sua pistola ed eseguire le minacce che ha fatto”, ha detto Richards, aggiungendo che Rittenhouse è stato poi attaccato da una “mafia”.

Rittenhouse ha preso posizione in sua difesa durante il processo, dicendo in una drammatica testimonianza che temeva per la sua vita la notte delle sparatorie fatali. “Non avevo intenzione di ucciderli. Intendevo fermare le persone che mi stavano attaccando”, ha detto alla corte.

Il giudice è stato costretto a ordinare un’interruzione del procedimento dopo che Rittenhouse ha iniziato a singhiozzare mentre ricordava gli eventi che hanno portato alla sparatoria.

In una battuta d’arresto per l’accusa durante il processo, il giudice ha respinto l’accusa contro Rittenhouse per possesso di arma da fuoco da parte di minorenni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *