‘Era da capogiro’: Richard Gere sulla barca di salvataggio al centro del processo Salvini | Sviluppo globale


Tl’attore di Hollywood Richard Gere ha rivelato per la prima volta la storia completa dietro la sua missione di misericordia alla nave di salvataggio dell’ONG Open Arms mentre si prepara a testimoniare come testimone contro l’ex ministro degli Interni italiano e leader di estrema destra, Matteo Salvini, che è in processo per aver tentato di impedire lo sbarco in Italia delle 147 persone a bordo.

In un’intervista esclusiva al Guardian, Gere, 72 anni, che gli avvocati hanno indicato come testimone chiave della situazione a bordo della nave di salvataggio della Ong Open Arms, ha descritto le scene di disperazione che ha visto quando è arrivato sulla nave trattenuta al largo dell’isola italiana di Lampedusa nell’estate del 2019 con condizioni in rapido deterioramento.

“Abbiamo visto più di cento persone a bordo”, ha detto Gere al Guardian. “Mi sono vergognato che abbiamo così tanto e non siamo in grado di abbracciare questi altri esseri umani, i nostri fratelli e sorelle che erano affamati, traumatizzati. Se gli fosse stato detto che la barca sarebbe tornata in Libia, sarebbero saltati in acqua e si sarebbero annegati, e ho sentito che era nostra responsabilità portare quanta più luce possibile”.

Richard Gere è visto con un bambino sulla nave Open Arms
Richard Gere: ‘Voglio dire, nell’Italia profondamente cristiana, come è potuto succedere? È criminale aiutare le persone bisognose? È stato sbalorditivo per me.’ Fotografia: Francisco Gentico/Open Arms

E’ iniziato a Palermo il mese scorso il processo a Salvini per l’accaduto, per il quale rischia una pena massima di 15 anni di reclusione se condannato con l’accusa di sequestro di persona e negligenza nei suoi doveri. Il giudice, Roberto Murgia, ha consentito la testimonianza di Gere dopo che l’attore si era detto disposto a testimoniare a favore dei profughi. Non è stata ancora fissata una data per la testimonianza.

I magistrati considerano Gere, che si trovava a bordo ma non rifugiato né membro dell’equipaggio, un osservatore obiettivo che può dare credito a quella che hanno descritto come una “situazione esplosiva a bordo” con richiedenti asilo costretti a rimanere in coperta per 19 giorni senza ricevere cure mediche prima di poter eventualmente sbarcare.

Il blocco del rimorchiatore spagnolo Open Arms è diventato una delle conseguenze più note del decreto sicurezza recentemente introdotto da Salvini che mirava a porre fine alle missioni di soccorso delle ONG nel Mediterraneo centrale imponendo multe fino a € 50.000 (£ 42.700) per le imbarcazioni che portato migranti in Italia senza permesso.

Il viaggio in barca di Gere è iniziato con una vacanza in Toscana. “Quell’estate andavo a trovare un amico che mi ha chiesto se ero a conoscenza di questa nuova legge in Italia, quindi gli ho chiesto di spiegarmela. Ha detto: “Aiutare le persone in difficoltà sarà un reato”.

“‘Mi sta prendendo in giro! Non è possibile!’ Insomma, nell’Italia profondamente cristiana, come è potuto accadere questo? È criminale aiutare le persone bisognose? È stato sbalorditivo per me.”

Ha sospeso la vacanza per volare in Sicilia con suo figlio e il 9 agosto, con una minuscola imbarcazione carica di rifornimenti di cibo e acqua, la star di Hollywood è arrivata sulla nave Open Arms.

L’ultima tappa per raggiungere la nave di soccorso è stata tutt’altro che semplice. Quando è arrivato a Lampedusa dalla Sicilia, Gere e altri volontari della ONG hanno acquistato cibo e acqua. Ma c’era un problema. Le autorità italiane non avrebbero permesso a nessuna imbarcazione di avvicinarsi a Open Arms, che era ancora in mare.

Richard Gere è visto con persone a bordo della nave Open Arms
Gere: ‘Siamo stati un’ancora di salvezza per un mondo di non tortura, di possibilità e sogni.’ Fotografia: Francisco Gentico/Open Arms

“C’era quest’uomo”, dice Gere. “Gli è stato detto dalla polizia che avrebbero distrutto la sua attività e che sarebbe finito in prigione se ci avesse aiutato. Avevamo il cibo, ma non avevamo la barca per portare il cibo a queste persone”.

Alla fine, un isolano ha riconosciuto l’attore e si è offerto di aiutarlo. La sua barca era piccola, ma non c’era tempo da perdere. La situazione su Open Arms stava diventando sempre più disastrosa di ora in ora. Con la barca piena di rifornimenti – così tanti che Gere e gli altri si sono seduti in cima alle provviste – la squadra è partita. Dopo un’ora di mare agitato, raggiunsero la nave.

Gere e gli altri hanno subito distribuito cibo ai migranti. Accompagnato da un interprete, ha parlato con quasi tutte le persone sulla nave. “Mi sono presentato”, dice. “Li ho presentati a mio figlio. Li ho guardati negli occhi. La maggior parte di loro non mi conosceva né chi ero. Per loro, ero solo un lavoratore che portava del cibo e faceva del suo meglio per sorridere ed essere gentile. Abbiamo portato acqua e cibo, e forse un senso di speranza.

“Siamo stati un’ancora di salvezza per un mondo di non tortura, di possibilità e sogni. Poi ho chiesto loro chi sono, da dove vengono. C’era una madre con le sue giovani figlie che doveva navigare tra le milizie che cercavano di raggiungere la Libia. Certo, queste ragazze erano facili prede, e lei doveva darsi ad ogni confine, doveva darsi a bande di milizie, sessualmente, per proteggere le sue figlie e portare la sua famiglia nel Mediterraneo, dove ci sarebbe stata speranza e sicurezza. Ed eccola lì, a 20 miglia dalla salvezza ma incapace di raggiungere la riva”.

Gere, che è stato impegnato in numerose cause umanitarie nel corso degli anni, ha iniziato a utilizzare i suoi contatti per vedere se poteva ottenere ulteriore aiuto dai rifugiati. “Ho chiamato il Primo Ministro spagnolo [Pedro Sánchez] dalla barca e gli ha chiesto di prendere alcune di queste persone, e per quanto sentisse la situazione, era politicamente vincolato a causa di quanto la destra tirasse i fili in Spagna. Mi ha detto: ‘Guarda, abbiamo portato molte persone dal Marocco, si imbattono nell’acqua del Marocco. Ne prendiamo troppi». Ma fondamentalmente ha detto che poteva fare solo ciò che la sua gente gli avrebbe permesso di fare.

“Ho chiamato i miei contatti in Germania, e [Angela] Merkel era ovviamente la persona più coraggiosa d’Europa. Stavano accogliendo oltre 1 milione di rifugiati, ma a quel punto si sentiva costretta. Alla fine nessuno si è preso la responsabilità».

Un uomo dorme a bordo della nave Open Arms
Un uomo dorme a bordo della nave di soccorso Open Arms. Fotografia: Francisco Gentico/Open Arms

L’esperienza a bordo della nave lascerebbe un segno indelebile su Gere e, mentre Salvini è stato processato, l’attore ha accettato di testimoniare per conto di Open Arms. Non è stata una decisione accolta bene in tutto lo spettro politico italiano e alcuni a destra lo hanno accusato di grandiosità. “Dimmi quanto sia serio un processo in cui Richard Gere verrà da Hollywood per testimoniare sulla mia cattiveria”, ha detto Salvini. Giorgia Meloni, la leader del partito nazionalista Fratelli d’Italia, ha dichiarato che Gere era solo un “attore in cerca di visibilità”.

Gere, che ha iniziato la sua carriera a Hollywood negli anni ’70 ed è diventato uno dei suoi protagonisti più affidabili, ha ridacchiato quando gli è stato chiesto cosa ne pensasse della beffa di Meloni. “Visibilità? In realtà ho cercato l’anonimato. È il contrario”, dice.

“Prima di tutto, non conosco queste persone. Non li ho mai incontrati, ma dubito fortemente che si siano presi del tempo per salire su una barca e vivere un’esperienza umana e capire le persone reali su cui hanno la loro influenza. Se l’hanno fatto, allora penso che probabilmente ci sarà un’altra conversazione da fare. Vedi, non mi vedo come una star del cinema. Sono uno dei 7 miliardi di esseri umani sul pianeta, tutto qui, non di più. Non sono né meglio né peggio di nessuno».

Dice che la sua motivazione era di dire quello che aveva visto sulla barca. «Senti, non so niente di politica e non conosco gli imputati in questo caso. Francamente, non glielo auguro [Salvini] malato, ma la mia preoccupazione sono le persone che stanno soffrendo così tanto. Questo è ciò che mi commuove. È possibile, perché ero lì, nel mezzo della follia, la mia comprensione umana viscerale è forse un po’ più profonda di quella della maggior parte delle persone. Ero un testimone, né più né meno. E posso condividerlo con il resto del mondo, se mi viene chiesto.

“Ma in termini di politica, non sto sostenendo, in un modo o nell’altro, ciò che il popolo italiano dovrebbe fare. Dipende solo dagli italiani”.

La difesa dei rifugiati, dei poveri, dei malati e dei senzatetto è un impegno solenne per Gere. Il suo Fondazione Gere sostiene lo sviluppo globale, la salute globale e le iniziative umanitarie con un focus in Tibet. È stato un sostenitore di lunga data di Sopravvivenza Internazionale, un’organizzazione che difende i diritti umani delle popolazioni indigene di tutto il mondo. È anche in prima linea nella lotta contro l’Aids. Ha visitato campi profughi dal Kosovo a El Salvador.

Ha incontrato per la prima volta Open Arms cinque anni prima a Barcellona, ​​quando ha incontrato Oscar Camps, fondatore della ONG spagnola. Da allora, Gere si è regolarmente consultato con lui per ottenere informazioni in tempo reale sullo stato dei rifugiati nel Mediterraneo.

Richard Gere è visto con i rifugiati a bordo della nave Open Arms
Gere: ‘Sono qui solo per parlare per le persone che non hanno voce. Non si tratta di me.’ Fotografia: Francisco Gentico/ Open Arms

“Mi ispiro a Open Arms”, afferma Gere. “Sono profondamente impegnato nel loro punto di vista dell’universo. Hanno a che fare da vicino con queste persone, ed è lì che vuoi ottenere le tue informazioni. […] Hanno detto che era profondamente serio, non solo per loro, ma anche per altre imbarcazioni di salvataggio. Ed è stato allora che ho preso una decisione molto rapida. Ho detto: ‘Guarda, devo vederlo da solo.’ Sono saltato in macchina e sono arrivato all’aeroporto di Roma in letteralmente cinque minuti”.

Gere dice di essere profondamente consapevole che in Italia e in altri luoghi d’Europa, a più di 70 anni dalla sconfitta del fascismo nella seconda guerra mondiale, migliaia di persone si stanno unendo a gruppi fascisti che si autodefiniscono. Negli ultimi anni i gruppi di estrema destra sono diventati di più alto profilo negli Stati Uniti, mentre in risposta alla propria migrazione dal sud, video e foto dal confine con il Messico hanno mostrato Guardie della pattuglia di frontiera a cavallo inseguono i richiedenti asilo di Haiti.

“Abbiamo visto durante il periodo dei nazisti quanto fosse facile pensare all’altro e fargli cose orribili”, dice. “È una mentalità di ignoranza, crudeltà, la mentalità che pensa che esistiamo personalmente nella nostra bolla, e come paese esistiamo in una bolla – ed è completamente difettosa e ignorante”.

Gere è della Pennsylvania. I suoi genitori provenivano da una cittadina molto piccola dove suo padre è cresciuto mungere le mucche. E l’attore ha detto che i valori della comunità non sono cambiati, con le sue persone oneste e laboriose che farebbero qualsiasi cosa per i loro vicini.

“Ma”, dice Gere, “sono al 95% persone di Trump. Non ha senso per me. Trump, o gli imputati in questo caso, sfruttano le persone che il resto di noi non vede. È questo che mi spaventa. Non vediamo i nostri fratelli e sorelle nella nostra stessa comunità abbastanza profondamente da capire da dove provenga quell’oscurità. Per noi è importante guardarli davvero e non emarginarli, ma abbracciarli».

È più probabile che appaia tramite collegamento video ed è rilassato sulla possibilità che possa essere chiamato in qualsiasi momento. Nella sua calma buddista aggiunge: “È molto semplice, dirò solo la verità, racconterò solo ciò che ho vissuto. Sono qui solo per parlare per le persone che non hanno voce. Non riguarda me. Sono completamente irrilevante qui. Io sono sincero con te. Posso essere invisibile. Tutto ciò che sono è un testimone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *