Le Filippine dicono alla Cina di “fare marcia indietro” dopo lo scontro nel Mar Cinese Meridionale | Notizie sul Mar Cinese Meridionale


Le Filippine affermano che la guardia costiera cinese ha bloccato e sparato con cannoni ad acqua su due delle sue navi di rifornimento all’interno della sua zona economica esclusiva.

Tre navi della guardia costiera cinese hanno bloccato e sparato con cannoni ad acqua su due navi da rifornimento filippine all’interno della zona economica esclusiva del paese (ZEE) nel conteso Mar Cinese Meridionale, hanno affermato le Filippine.

Il ministro degli Esteri Teodoro Locsin ha affermato che l’incidente è avvenuto nei pressi di Ayungin Shoal (Second Thomas Shoal) il 16 novembre e che le navi filippine, che trasportavano rifornimenti di cibo al personale militare di stanza nelle vicinanze, sono state costrette ad abbandonare la missione. Non sono stati segnalati feriti.

“Gli atti delle navi della guardia costiera cinese sono illegali”, ha affermato Locsin in una dichiarazione condivisa sui social media dal ministero degli Esteri. “La Cina non ha diritti di applicazione della legge dentro e intorno a queste aree. Devono prestare attenzione e fare marcia indietro”.

La Cina rivendica quasi l’intero Mar Cinese Meridionale sulla base della cosiddetta “linea dei nove trattini” che la corte internazionale ha stabilito senza merito cinque anni fa. Pechino ha ignorato la sentenza, costruendo invece isole artificiali e schierando la sua marina, la guardia costiera e le flotte di pescherecci nel mare conteso, come rivendicato anche da Filippine, Malesia, Vietnam, Brunei e Taiwan.

Locsin ha accusato la Cina di non aver esercitato l’autocontrollo e ha affermato di aver trasmesso all’ambasciatore cinese “l’indignazione, la condanna e la protesta” di Manila per l’incidente.

Ayungin Shoal fa parte delle isole Kalayaan e all’interno della ZEE delle Filippine, che si estende per 370 km (200 miglia nautiche) dalla sua costa.

All’inizio di quest’anno, le Filippine si sono lamentate della presenza per settimane di dozzine di navi della cosiddetta “milizia marittima” cinese a Whitsun Reef, che si trova a circa 320 chilometri (175 miglia nautiche) a ovest dell’isola di Palawan all’interno della sua ZEE.

Nel 2012, la Cina ha preso con la forza il controllo di Scarborough Reef, che si trova a 229 km (124 miglia nautiche) dall’isola filippina di Luzon.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *