Debutta il mockup di Barbie EV e, su una nota non correlata, le azioni di Mattel sono aumentate

Ecco alcuni fatti. Mattel ha promosso una nuova auto giocattolo di Barbie mercoledì mostrando un modello a grandezza naturale al Salone dell’auto di Los Angeles 2021. Il mockup era, secondo Roadshow, basato su una Fiat 500e completamente elettrica. Non molto tempo dopo, le azioni di Mattel ridotto le perdite mattutine e ha concluso la giornata di negoziazione leggermente in positivo.

Ora, queste cose sono correlate? Probabilmente no. Ma sono successe cose più strane, soprattutto ultimamente. Hertz ha annunciato un accordo con Tesla e ha assunto Tom Brady per fare pubblicità, e poi Elon Musk ha detto che l’affare non è stato fatto. Rivian ha superato tutte le case automobilistiche in termini di capitalizzazione di mercato eccetto Toyota e Tesla nonostante abbia spedito solo pochi camioncini elettrici. Startup come Faraday Future, Canoo e Lordstown Motors hanno raccolto collettivamente miliardi di dollari anche se non venderanno auto fino al prossimo anno nella migliore delle ipotesi.

La cosa divertente è che non lo siamo davvero così lontano da un mondo in cui Mattel potrebbe provare a “fare” e vendere una Barbie EV reale (a tiratura limitata). I fornitori tradizionali come Magna e i nuovi arrivati ​​come Foxconn stanno sviluppando piattaforme per veicoli elettrici che dovrebbero essere facilmente adattabili a diverse cabine, o “cappello a cilindro”, quindi parte del lavoro più duro è già stato fatto. Lo sta già facendo la Fisker Inc., che ha sfoggiato il suo SUV elettrico poche ore prima del debutto dell’auto di Barbie, lo sta già facendo. Ha adottato un approccio estremamente “asset-light” esternalizzando la sua produzione a Magna (e farà lo stesso con Foxconn) ed è invece molto più focalizzato sul design e sull’esperienza in auto.

Se abbiamo imparato qualcosa dagli ultimi due anni di strane notizie sui soldi, è che anche se le barriere tecniche e logistiche a un’idea altrimenti difficile sono ora inferiori, ci sono ancora modi molto più semplici per fare alcuni imbrogli finanziari se questo è davvero l’obiettivo . In effetti, a volte sembra così facile che le aziende si trovino regolarmente a inciampare su un nuovo prezzo delle azioni più alto, un po’ come quello che probabilmente è successo con Mattel mercoledì.

Non importa tutto questo, però, perché ora passerò il resto della giornata a pensare a come sarebbe se Mattel creasse la sua nuova divisione Barbie EV e la fondesse con una SPAC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *