Apple paga l’equità e l’organizzatore delle molestie lascerà l’azienda dopo aver raggiunto un accordo

Cher Scarlett, un ingegnere Apple che ha contribuito a organizzare sondaggi sull’equità salariale e campagne anti-molestie/discriminazione presso l’azienda, lascerà l’azienda e richiederà il ritiro di un reclamo che ha presentato al National Labor Relations Board (o NLRB), secondo un rapporto di Bloomberg. L’ingegnere del software annunciato su Twitter quel venerdì sarebbe stato il suo ultimo giorno alla Apple. Gli avvocati di Scarlett hanno detto Il Verge di aver raggiunto un accordo privato con la società, ma ha rifiutato di fornire dettagli sui termini quando richiesto da Bloomberg.

Scarlett se ne va volontariamente, secondo Bloomberg, a differenza di altri organizzatori che sono stati licenziati dall’azienda dopo aver parlato. Durante il suo periodo in Apple, lei sarebbe stato accusato di aver divulgato informazioni alla stampa da altri dipendenti, cosa che è fortemente scoraggiata dalla leadership di Apple e che lei nega di fare.

L’accusa che ha chiesto di essere ritirata è stata presentata a settembre, quando Scarlett ha affermato che Apple aveva “impegnato attività coercitive e soppressive che hanno consentito abusi e molestie agli organizzatori di attività concertate protette”, secondo Reuters. Ha presentato la denuncia dopo che lei e altri all’interno dell’azienda hanno faticato a condurre un’indagine sull’equità salariale per i dipendenti Apple, con la società che ha ripetutamente interrotto i loro tentativi. Anche Scarlett ha detto Reuters che Apple non avrebbe permesso ai dipendenti di creare una stanza Slack per parlare di equità salariale.

Scarlett ritirare la sua denuncia non lascerà necessariamente Apple in chiaro: la società deve affrontare una serie di altre denunce, comprese quelle relative al licenziamento illecito da parte di altri dipendenti con cui Scarlett ha lavorato per organizzare il movimento #AppleToo. #AppleToo mirava a ottenere supporto per i dipendenti Apple che hanno subito discriminazioni o molestie se le politiche dell’azienda non lo fornivano.

Gli avvocati di Scarlett hanno detto Bloomberg che speravano che i dipendenti dell’azienda continuassero a organizzarsi, un sentimento echeggiato da altri attivisti che non fanno più parte dell’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *