Lo Staples Center di Los Angeles sarà ribattezzato “Crypto.com Arena”

Lo Staples Center, sede delle squadre sportive di Los Angeles tra cui Lakers, Clippers, Kings e Sparks, sta assumendo un nuovo nome: “Crypto.com Arena”. Sì, Crypto Dot Com Arena. L’exchange di criptovalute ha pagato più di 700 milioni di dollari per i diritti di denominazione di 20 anni, secondo il LA Times, rendendolo uno dei più grandi affari di sempre. Staples ha pagato $ 100 milioni per i diritti per 10 anni nel 1999.

Secondo quanto riferito, il logo sarà rivelato il giorno di Natale per la partita dei Brooklyn Nets con i Lakers e il marchio dello Staples Center dovrebbe essere gradualmente eliminato entro giugno. “Nei prossimi anni, le persone guarderanno indietro a questo momento come al momento in cui le criptovalute hanno attraversato il baratro nel mainstream”, dice il CEO di Crypto.com Kris Marszalek LA Times. “Questa è una mossa così brillante da parte dei ragazzi di [venue owner] AEG, perché il prossimo decennio appartiene alle criptovalute”.

L’attaccante dei Clippers, Paul George, è meno convinto della mossa. “Sono cresciuto con … lo Staples Center è il posto dove giocare e il posto dove stare”, dice nei commenti segnalato da Il Washington Post‘s Ben Golliver. “Sarà sicuramente strano. È lo stesso posto, ma è come spogliare la storia qui… Meno male che non staremo qui troppo a lungo”. I Clippers di proprietà di Steve Ballmer si trasferiranno in una nuova arena chiamata Intuit Dome nel 2024; lo Staples Center è attualmente l’unica arena condivisa da due squadre NBA.

Crypto.com ha sede a Singapore e offre una carta di debito Visa rewards che può essere utilizzata con le criptovalute memorizzate nei conti degli utenti dopo essere state scambiate sul suo scambio, oltre a fornire altri servizi crittografici come NFT e il proprio token. La società si è già cimentata nella sponsorizzazione sportiva, tra cui a Accordo da 100 milioni di dollari con la Formula 1 all’inizio di quest’anno e varie partnership con squadre tra cui Paris Saint-Germain, Philadelphia 76ers e Montreal Canadiens.

L’NBA, ovviamente, non è estraneo alla tecnologia blockchain, avendo collaborato con Dapper Labs per lanciare la piattaforma di carte collezionabili Top Shot, una delle implementazioni più tradizionali di NFT fino ad oggi. E all’inizio di quest’anno, l’American Airlines Arena, la casa dei Miami Heat, è stata ribattezzata con l’exchange di criptovalute FTX.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *